--

--

Pigi-Battista-560x60

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L'intervento del presidente di Confartigianato Stefano Signori

“Rilanciare l’economia attraverso il lavoro di cittadinanza”

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Stefano Signori

Stefano Signori

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Rilanciare l’economia significa rilanciare il lavoro. Non esistono strade efficaci se non puntiamo sull’istruzione e sulla formazione giovanile. “Se pensate che educare costi caro, non avete idea di quanto cara costi l’ignoranza” è stato autorevolmente detto.

Il lavoro ha necessità di competenze, adesso come non mai! Il lavoro made in Italy, il nostro patrimonio manifatturiero potrà continuare il suo percorso soltanto con il sostegno ed il rilancio dell’istruzione e della formazione professionalizzante. Una istruzione duale che metta a regime il sistema duale, rafforzi i percorsi tecnici e professionali di alta qualità e valorizzi gli istituti tecnici superiori che debbono uscire dalle “buone pratiche di nicchia”.

Riaffermiamo ancora e sempre l’importanza dell’apprendistato come principale canale di accesso al lavoro dei giovani e per i giovani. Lo scorso ha visto fiorire rispetto all’anno precedente un aumento del 20% dei giovani apprendisti.

La proposta della Confartigianato Imprese di Viterbo è quella di non creare solo assistenzialismo, ma di indirizzare l’azione politica di chi governa verso un più favorevole “lavoro di cittadinanza”, poiché ogni forma di assistenza verso chi siede  in attesa di essere collocato nella società dal punto di vista occupazionale non può essere che solo momentanea.

Le imprese hanno, infatti, necessità di manodopera e chiediamo che il sistema venga incontro alla domanda ed all’offerta, mettendo i centri per l’impiego nella disponibilità di essere una realtà veramente efficiente e concretamente produttiva.

Chiediamo, pertanto, una legge che sia di regolamentazione alla rappresentanza per evitare che chiunque vanti una illegittima rappresentatività.

Luogo istituzionale di garanzia dovranno essere i contratti di lavoro che certifichino la rappresentanza. Lo Stato non può pensare sempre a tutto, quindi siamo favorevoli alla disponibilità di una interlocuzione efficace, alla quale come associazione parteciperemo con proposte fattive e concrete, con lo stile che contraddistingue proprio noi artigiani.

Stefano Signori
Presidente Confartigianato Imprese di Viterbo

5 novembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR