Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Delitto di Santa Lucia - Sarà visitato in carcere dai professori Traverso e Meluzzi il 45enne accusato dell'omicidio della madre - Ha occultato per due settimane i cadaveri dei genitori in casa

Al via la perizia psichiatrica su Ermanno Fieno, il verdetto a primavera

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

Rosa Franceschini e Gianfranco Fieno

Rosa Franceschini e Gianfranco Fieno

Sanremo - Delitto di via Santa Lucia - Il fermo di Ermanno Fieno

Sanremo – Delitto di via Santa Lucia – Il fermo di Ermanno Fieno

Viterbo - Via Santa Lucia - Duplice omicidio - La palazzina dove è avvenuto il delitto

Viterbo – Via Santa Lucia – Duplice omicidio – La palazzina dove è avvenuto il delitto

Delitto di Santa Lucia - La cucina dei coniugi Fieno, luogo del delitto

La cucina dei coniugi Fieno, presunto luogo del delitto

Delitto di Santa Lucia - La cucina dei coniugi Fieno, luogo del delitto

La cucina dei coniugi Fieno, presunto luogo del delitto

Viterbo – Al via giovedì 22 novembre la perizia psichiatrica su Ermanno Fieno, il verdetto a primavera. Sarà trascorso quasi un anno dalla morte dei genitori, avvenuta il 28 novembre 2017, il padre per cause naturali e la madre uccisa dal figlio imputato di omicidio volontario e occultamento di cadaveri. 

E’ uscito ieri per la seconda volta da Mammagialla, nel giorno del suo 45esimo compleanno, Ermanno Fieno, nato a Viterbo il 9 novembre 1973, come recita la carta d’identità che il 15 dicembre dell’anno scorso esibì alla polizia di frontiera che lo ha fermato alla stazione di Ventimiglia mentre, con un biglietto ferroviario per Mentone e poche decine di euro in tasca, si apprestava a scappare in Francia. 

La prima uscita era stata il 28 settembre, quando per Fieno si è aperto il giudizio abbreviato per l’omicidio volontario della madre e l’occultamento dei cadaveri dei genitori davanti al gip Rita Cialoni, che ieri ha conferito al professor Giovanni Battista Traverso la perizia psichiatrica che dovrà accertare se fosse capace di intendere e di volere all’epoca dei fatti, se sia in grado di stare in giudizio e se sia socialmente pericoloso.

Il 45enne aveva fatto perdere le tracce due giorni prima dell’arresto, la sera del 13 dicembre 2017, quando i cadaveri dei genitori Rosa e Gianfranco, di 77 e 83 anni, morti da due settimane, furono trovati avvolti nel cellophane, lui morto di morte maturale e lei colpita più volte alla testa con un attizzatoio da camino, nella camera da letto dell’appartamento al secondo piano della palazzina del quartiere Santa Lucia, dove convivevano con il figlio. 

Il professor Traverso, docente ordinario di psicopatologia forense a Siena, tra gli esperti del pool che si è occupato del delitto di Cogne, si è preso 90 giorni per depositare la sua consulenza, a partire dal 22 novembre, giovedì prossimo, quando si recherà a visitare Fieno nel carcere di Mammagialla. La difesa ha invece confermato la nomina come consulente di parte di un altro big della psichiatria forense nazionale, il professor Alessandro Meluzzi, che affiancherà il collega nel corso degli accertamenti. 

Tre mesi dopo il macabro ritrovamento dei corpi senza vita dei coniugi Fieno, l’8 marzo scorso, il figlio, difeso dall’avvocato Roberto Massatani, ha confessato nel corso di un lungo interrogatorio, durato tre ore, di avere ucciso la madre il 28 novembre, poco dopo la morte per cause naturali del padre.

Reo confesso di un delitto per il quale rischia la condanna all’ergastolo, il 24 settembre sarebbe dovuto comparire davanti alla corte d’assise, composta da sei giudici popolari e due togati. Ma la difesa, a quel punto, ha chiesto il giudizio abbreviato condizionato alla perizia psichiatrica, per cui il procedimento è stato posticipato al 28 settembre davanti al giudice per le indagini preliminari Rita Cialoni la quale, accogliendo la richiesta, ha rinviato per l’appunto a ieri per la nomina del perito indicato dal tribunale. 

In virtù del rito alternativo, in caso di condanna all’ergastolo, a meno che non gli venga inflitto anche l’isolamento diurno, Fieno, grazie allo sconto di un terzo della pena, verrebbe condannato in primo grado a un massimo di 30 anni. Ma il procedimento, che si svolgerà interamente a porte chiuse, potrebbe addirittura non cominciare, qualora la perizia psichiatrica dovesse stabilire la non punibilità dell’imputato per totale incapacità di intendere e di volere. O avere in ogni caso una diversa evoluzione, sempre in base alle conclusioni dello psichiatra e naturalmente alle carte in possesso della difesa. 

Un’udienza lampo quella che si è svolta ieri all’aula 1, al termine della quale il 45enne è stato riportato a Mammagialla scortato dalla polizia penitenziaria. Tornerà in tribunale, se vorrà essere presente, il prossimo 19 marzo, data fissata per sentire il professor Traverso e per la discussione. Quel giorno, salvo impedimenti, il pubblico ministero Chiara Capezzuto, titolare del fascicolo, dovrebbe giungere alle sue conclusioni, mentre la difesa parlerà dopo un paio di settimane, il 2 aprile, giorno fissato anche per la sentenza. 


Gli ultimi istanti di libertà mentre scendeva le scale della stazione

Vistosi scoperto, Ermanno Fieno lasciò in fretta e furia la casa della fidanzata verso le 21 del 13 dicembre dell’anno scorso, mentre scattava l’allarme lanciato dal fratello e dalla sorella che da giorni non riuscivano a comunicare con i genitori, facendo perdere le sue tracce fino alla mattina del 15 dicembre, quando è stato catturato dalla polizia di frontiera alla stazione di Ventimiglia mentre era in fuga verso la Francia. 

L’uomo, dall’aspetto curato sia negli abiti che nella barba, giunto a Ventimiglia nella tarda serata del 14 dicembre, sarebbe stato in procinto di prendere il primo treno utile per la Francia, destinazione Mentone, per non essere arrestato. 

Ce l’avrebbe fatta, se un agente del settore frontiera della città ligure in servizio di controllo in ambito ferroviario non lo avesse riconosciuto incrociandolo. Erano circa le 9 del mattino quando, terminati i controlli a bordo dei vari treni in arrivo, il poliziotto stava proseguendo con un collega l’attività nell’atrio della stazione, incrociando lo sguardo di Fieno che nello stesso istante si accingeva a scendere le scale che dal primo binario portano ai treni in partenza. 

Un attimo che gli è bastato per riconoscere in quel volto lo stesso viso descritto nella nota di ricerca diramata il gorno prima a livello nazionale dalla questura di Viterbo, con l’avviso che il ricercato avrebbe potuto essere armato. 

Il 45enne non avrebbe invece opposto alcun tentativo di resistenza. Alla richiesta di mostrare i documenti, senza proferire verbo, ha esibito la carta d’identità e si è lasciato trattenere in stato di fermo di indiziato di delitto come da decreto emesso dalla procura della repubblica presso il tribunale di Viterbo. Portato prima a Imperia e pochi giorni dopo a Viterbo, non ha più lasciato il carcere, se non per il tribunale. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
10 novembre, 2018

Delitto di Santa Lucia ... Gli articoli

  1. 15 anni per omicidio e occultamento di cadavere a Fieno, "una pena congrua" per la difesa
  2. Uccise la madre, condannato a quindici anni Ermanno Fieno
  3. Uccise la madre, chiesti 20 anni per Ermanno Fieno
  4. "Ermanno Fieno non è infermo di mente", secondo lo psichiatra del tribunale
  5. "Fieno, incapace di volere in una famiglia patologica, non va messo in carcere..."
  6. Uccise la madre, oggi si saprà se Ermanno Fieno è sano di mente
  7. Rubò fette di tacchino al supermercato, assolto Ermanno Fieno
  8. Uccise la madre, due psichiatri per stabilire se Ermanno Fieno è sano di mente
  9. Coniugi morti e avvolti nel cellophane, al via il processo al figlio
  10. Avvolse nel cellophane i genitori morti, perizia psichiatrica per Ermanno Fieno
  11. Uccise la madre, rito abbreviato per Ermanno Fieno
  12. Uccise la madre, via libera al processo per Ermanno Fieno
  13. La procura vuole il giudizio immediato per Ermanno Fieno...
  14. "Ho ucciso io mia madre"
  15. Delitto di Santa Lucia, Ermanno Fieno confessa l'omicidio della madre
  16. L'autopsia al vaglio di procura e difesa
  17. Non è stato duplice omicidio
  18. "Truffa, furto e falso" nel passato di Ermanno Fieno
  19. "A mamma e papà hai detto che gli hai raccontato molte bugie?"
  20. Colpita con l'attizzatoio e finita con un cuscino...
  21. "Morto per insufficienza cardiocircolatoria"
  22. Okay alla difesa Fieno, Massatani incontra la pm Capezzuto
  23. Incontro in carcere tra Ermanno Fieno e l'avvocato Massatani
  24. "Non eravamo graditi a persone vicine a Ermanno Fieno"
  25. "L'interrogatorio di Ermanno Fieno non è sinonimo di abbreviato"
  26. Ermanno Fieno rinuncia al riesame contro l'accusa di duplice omicidio
  27. "Cattivi rapporti con i miei per colpa di Ermanno"
  28. Delitto coniugi Fieno, venerdì l'udienza al Riesame
  29. Ermanno Fieno scrive lettere alla compagna dal carcere
  30. Fieno ricorre al riesame contro l'accusa di duplice omicidio
  31. "Devo litigare con mia sorella, sarà una lunga nottata..."
  32. In procura il fratello e la sorella di Ermanno Fieno
  33. "Capace di agire con violenza del tutto sproporzionata..."
  34. "Fieno voleva sbarazzarsi dei cadaveri"
  35. Ermanno Fieno "studia" le carte dell'inchiesta
  36. Due colpi in testa per uccidere la madre
  37. Fieno vuole farsi interrogare
  38. I difensori di Fieno: "Infondata l'accusa di duplice omicidio"
  39. Ermanno Fieno resta in carcere
  40. I fratelli di Ermanno tentarono di parlare con i genitori...
  41. "Frastornato, ma inizia a rendersi conto della situazione"
  42. Primo incontro a Mammagialla tra Fieno e i suoi avvocati
  43. Perizia psichiatrica su Fieno, difesa al lavoro
  44. "La verità verrà accertata solo nelle sedi giudiziarie..."
  45. Fieno in isolamento a Mammagialla
  46. Ermanno Fieno nel carcere di Mammagialla
  47. "15 giorni con due cadaveri in casa, serve una perizia psichiatrica su Fieno"
  48. "I corpi nel cellophane per cancellare l'omicidio dalla mente..."
  49. Gianfranco e Rosa morti da almeno due settimane
  50. Gianfranco non è stato ammazzato
  51. "Ermanno Fieno non è un mostro e non è matto"
  52. "I giorni in carcere non sono i più duri della mia vita..."
  53. Il gip: "Fieno deve restare in carcere"
  54. "Chi ha sbagliato comprenda l'errore"
  55. "Una violenta lite, poi non li ho più visti..."
  56. Rosa colpita alle spalle, il sangue sulle pareti
  57. Fieno non ha versato una lacrima
  58. Ermanno Fieno ha fatto scena muta
  59. Ermanno Fieno davanti al magistrato
  60. Ermanno Fieno riconosciuto mentre scendeva le scale della stazione
  61. Sangue anche in cucina
  62. "Aveva 750 euro in contanti e vestiti appena acquistati"
  63. Rintracciato e fermato a Ventimiglia Ermanno Fieno
  64. Oggi il riconoscimento delle vittime e l'affidamento dell'autopsia
  65. Rintracciato e fermato a Ventimiglia Ermanno Fieno
  66. “Non li abbiamo mai sentiti litigare, lui era un solitario”
  67. Rosa uccisa con uno spiedo di ferro
  68. Indagato per omicidio volontario il figlio Ermanno
  69. La scientifica col luminol sul luogo del delitto
  70. Aperto dalla procura un fascicolo per duplice omicidio
  71. Trovati morti sul letto avvolti nel cellophane
  72. Coppia trovata morta in casa, si ipotizza il duplice omicidio
  73. Trovati due cadaveri in una casa
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR