--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Una rappresentanza della scuola di Viterbo ospite dell'Antalya vocational and technical anatolian high school

Erasmus plus, i docenti dell’Orioli in trasferta in Turchia

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Antalya - I docenti dell'Orioli in trasferta in Turchia

Antalya – I docenti dell’Orioli in trasferta in Turchia

Viterbo – Turchia: una delle destinazioni degli Erasmus dell’istituto Orioli.

Si apre per l’istituto professionale di stato una nuova stagione di mobilità in Europa.

In questo anno scolastico sono ben quattro i nuovi progetti Erasmus plus che consentiranno a studenti e docenti di condividere prassi, conoscere culture e luoghi nuovi e praticare una seconda lingua quale l’inglese, il francese o lo spagnolo.

In questi giorni una rappresentanza di docenti si trova nella città di Antalya, che oltre al mare alla montagna alla ricchezza della natura, vanta una storia segnata dalla presenza e dai resti di opere dell’antico Impero Romano, da Pompeo a Marco Aurelio ad Adriano.

I docenti Erasmus sono ospiti della scuola “Antalya vocational and technical anatolian high school” e in rete con altre due scuole professionali, una della città di Siviglia in Spagna e una di Karlstad situata proprio al centro del percorso Oslo Stoccolma, in Svezia.

La riflessione del gruppo di lavoro europeo ruota intorno a vari temi, dal livello motivazionale che spinge oggi i giovani a scegliere un istituto professionale, alle strategie e prassi che possono aumentare le opportunità di lavoro e aggiornare e rendere competitivi gli apprendimenti, a come migliorare l’offerta formativa, implementare le competenze tecniche, tecnologiche e relazionali.

Le quattro scuole coinvolte nel progetto dal titolo “Motivation in vocational education” dal 5 al 10 novembre, con un serrato work program hanno cercato di scoprire condividere e trovare insieme nuove soluzioni comuni ma anche specifiche alla peculiare storia e cultura di ogni stato.

Il secondo step del progetto vedrà coinvolta la città di Viterbo, infatti sarà proprio l’istituto Orioli protagonista dell’ospitalità dei docenti, professionisti della formazione di figure che entreranno al termine del loro percorso in un “mercato del lavoro” in costante cambiamento.

I progetti Erasmus infatti non soltanto offrono mobilità all’estero a studenti e docenti ma portano in visita persone di terre lontane che altrimenti non conoscerebbero la città di Viterbo e il suo territorio. Per questo progetto in particolare i docenti sono attesi nel mese di marzo.

Le mobilità, secondo studi accreditati, sviluppano competenze quali sicurezza flessibilità, internazionalizzazione, capacità di adattamento, crescita della personalità, tutte competenze sempre più ricercate dal mondo del lavoro insieme a quelle strettamente professionali. Nei prossimi mesi inizieranno le mobilità in servizio o scambio tra scuole o alternanza scuola lavoro in Inghilterra, Romania, Macedonia, Grecia, Svezia, Germania e Bulgaria.

Gli altri progetti si occuperanno di teatro, contrasto dell’abbandono scolastico e metodologie innovative per studenti con difficoltà di apprendimento. Un istituto in crescita il Francesco Orioli in cui il dirigente scolastico Simonetta Pachella ha promosso e sostenuto con il suo collegio l’idea di innovazione e internazionalizzazione dell’istituto di cui i Pon e gli Erasmus sono la massima espressione.

10 novembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR