--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - Si svolgerà il 23 novembre alle 16,30

“Laudato sì”, al via l’incontro sull’enciclica di papa Francesco

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Civita Castellana - La fontana a piazza Giacomo Matteotti

Civita Castellana – La fontana a piazza Giacomo Matteotti

Viterbo – Domani venerdì 23 novembre alle 16,30 l’incontro sull’enciclica di papa Francesco Bergoglio “Laudato si’ – Dialoghi sulle sfide ambientali del nostro tempo” promosso dal Biodistretto della Via Amerina e delle Forre.

Saranno presenti Romano Rossi, vescovo di Civita Castellana il sindaco Gianluca Angelelli, Famiano Crucianelli presidente del Bio distretto della Via Amerina e delle Forre, Rossella Muroni, parlamentare ex presidente di Legambiente Nazionale, Fulco Pratesi, presidente Onorario Wwf,Lucio Cavazzoni, già presidente di Alce Nero, Antonella Proietti, direttore sanitario dell’Asl di Viterbo, Silvio Greco, del comitato scientifico internazionale di Slow Food, Antonella Litta, rappresentante dei Medici per l’ambiente, ed Enrico Panunzi, consigliere regionale.

L’incontro che si inserisce nell’ambito della campagna di sensibilizzazione e comunicazione promossa dal Bio distretto della Via Amerina e delle Forre e dai tredici comuni aderenti che è stata avviata con l’affissione di tre manifesti, tre slogan, che toccano tre elementi essenziali della protezione del nostro territorio: l’utilizzo insostenibile dell’acqua, la perdita della biodiversità e l’uso scriteriato di pesticidi connesso al modello industriale di agricoltura e alla monocoltura che si sta determinando nel nostro territorio.

Senza una nuova consapevolezza che “noi stessi siamo terra”, come scrive il papa, e che il problema ambientale tocca tutti, non sarà possibile affrontare le grandi sfide dei nostri territori e dell’intero Pianeta.

Per questo è decisivo il coinvolgimento e la partecipazione dei più giovani, di chi lavora nei campi, dei cittadini, dei lavoratori e delle istituzioni.

Senza questa nuova coscienza non sarà possibile riparare i danni che gli interessi di pochi e la rassegnazione di molti hanno causato e causano alla “casa comune”. E questa nuova cultura del “bene comune” è il primo, fondamentale passo per pensare un mondo migliore per noi e per le generazioni future.

Bio distretto della Via Amerina e delle Forre

22 novembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR