Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il giornalista Osvaldo Bevilacqua e il presidente del Sodalizio dei facchini ieri sera nell'ex chiesa della Pace - A fine novembre la puntata della trasmissione Rai

Sereno variabile, Mecarini conduttore per un giorno

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo - Osvaldo Bevilacqua e i facchini di Santa Rosa

Viterbo – Osvaldo Bevilacqua e i facchini di Santa Rosa

Viterbo - Osvaldo Bevilacqua e Massimo Mecarini

Viterbo – Osvaldo Bevilacqua e Massimo Mecarini

Viterbo - La prova di portata per Sereno variabile

Viterbo – La prova di portata per Sereno variabile

Viterbo - Osvaldo Bevilacqua e Massimo Mecarini

Viterbo – Osvaldo Bevilacqua e Massimo Mecarini

Viterbo - La cassa di 150 per la prova di portata

Viterbo – La cassa di 150 per la prova di portata

Viterbo - La prova di portata per Sereno variabile

Viterbo – La prova di portata per Sereno variabile

Viterbo – “Potresti fare il conduttore”. Osvaldo Bevilacqua lo dice a Massimo Mecarini. Tutti e due stanno nel bel mezzo, al centro dell’ex chiesa di Santa Maria della Pace a Viterbo. Quartier generale del Sodalizio, dove i facchini fanno le prove di portata in vista del trasporto del 3 settembre, della macchina di Santa Rosa, patrona della città.


Fotogallery: Massimo Mecarini conduttore per un giorno


Bevilacqua è giornalista, autore e conduttore televisivo. Sta qui a Viterbo con la troupe di Sereno Variabile. Stanno in chiesa per un sopralluogo, vogliono sapere dai facchini cosa fanno, il trasporto, la macchina, la Santa, le prove di portata. Per fine novembre è prevista una puntata dedicata a loro.

Massimo Mecarini è il presidente del Sodalizio dei facchini. Trasportano in cento la macchina di Santa Rosa, la manifestazione in assoluto più importante e sentita. Uno spettacolo a cielo aperto, patrimonio Unesco assieme ad altre macchine a spalla. “Qui tutti gli anni – racconta il presidente – facciamo le prove di portata. Tre giri della chiesa con 150 chili sulle spalle. La fanno tutti. Non solo chi vuole diventare facchino”.

Mecarini guida il Sodalizio da anni. È del Pilastro e vive a Pianoscarano. Come dire, viterbese da sette generazioni. Con lui un’altra decina di facchini. Tutti quanti in borghese. Massimo Mecarini racconta le cose ad Osvaldo Bevilacqua e tiene in mano un ciuffo. 

“Per fare la prova di portata – continua il racconto Mecarini – bisogna avere 18 anni e non superare i 35. Serve pure un certificato medico”.

Intorno la troupe Rai è tutta in movimento. Gentilissimi. Bevilacqua per primo. Viene voglia di vedere. La cassa di 150 chili sta lì, a portata di mano. I facchini se la incollano in spalla e fanno il giro della chiesa lungo l’ellissi disegnata a terra. Mecarini e Bevilacqua continuano il loro scambio di battute. “Gli eroi del 3 settembre”, si sente dire dal giornalista di Sereno variabile. Il presidente ascolta e butta intanto un occhio agli altri per capire se tutto è apposto. Un’accortezza. I facchini portano la cassa dove sta l’adesivo che li ritrae per tutto il tragitto. Si vedono sfilare come se nulla fosse.

Lo scenario aiuta. L’ex chiesa della Pace nel medioevo ospitava un convento di suore terziarie dell’ordine dei Serviti. L’edificio così come è oggi è stato realizzato nel 1667 in piazza Luigi Concetti per volere del cardinale Brancacci. Prima, al suo posto, c’era la chiesa di San Nicola dei Vascellari.

Massimo Mecarini è stato chiaro. Senza sbagliare nemmeno una virgola. “Potresti fare il conduttore”, gli ribadisce Bevilacqua. Mecarini non risponde. Sorride. Poi si volta, ti guarda e strizza l’occhio con acume. A voler dire…”hai capito come!”.

Daniele Camilli

 

 

 


Condividi la notizia:
7 novembre, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR