--

--

Pigi-Battista-560x60

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Torino - A piazza Castello la manifestazione: "Nel 1947 erano qui in 20mila per De Gasperi, oggi siamo di più" - VIDEO

Sì Tav, “Più di trentamila in piazza”

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Torino - La manifestazione Sì Tav

Torino – La manifestazione Sì Tav

Torino - La manifestazione Sì Tav

Torino – La manifestazione Sì Tav

Torino - La manifestazione Sì Tav

Torino – La manifestazione Sì Tav

Torino - La manifestazione Sì Tav

Torino – La manifestazione Sì Tav

Torino - La manifestazione Sì Tav

Torino – La manifestazione Sì Tav

Torino – Sì Tav, trentamila in piazza. 

A piazza Castello, a Torino, la manifestazione di chi è favorevole alla realizzazione dell’opera. Secondo gli organizzatori, oltre trentamila i presenti, per dire sì alla Torino – Lione. Nessuna bandiera di partito, ma diversi partiti hanno aderito, tra cui la Lega. Favorevole, ma nel rispetto del contratto, quindi previa verifica dei costi e dei benefici. 

Una manifestazione apolitica, partita da sette donne professioniste. Hanno lanciato un gruppo su Facebook: “Sì, Torino va avanti”, subito dopo l’approvazione in consiglio comunale dell’ordine del giorno che si schiera per il no.

E ribadire che Torino, diversamente da chi sostiene che sia una città  no Tav, è invece a favore. Già dalle 10, nonostante la pioggia, in piazza Castello sono iniziate ad arrivare le persone, per manifestare non solo a favore dell’opera, ma anche contro il declino della città.

“Abbiamo riempito questa piazza – le parole dal palco – questa piazza in cui nel 1947in 20mila erano qui per De Gasperi. Oggi siete di più.

Torino nel tempo è diventata una città di partenza piuttosto che d’arrivo. Era vista come una città piena di prospettive, invece oggi i giovani fuggono. Studiano e se ne vanno”.

10 novembre, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR