Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Vento di maestrale - Imputato con due uomini di Viterbo Ambiente: Francesco Bonfiglio e Maurizio Tonnetti

Truffa rifiuti, al via il processo al dirigente comunale Dello Vicario

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Ernesto Dello Vicario

Ernesto Dello Vicario

Viterbo - Operazione "Vento di maestrale" - Il blitz di carabinieri e polstrada a Casale Bussi

Viterbo – Operazione “Vento di maestrale” – Il blitz di carabinieri e polstrada a Casale Bussi

Inchiesta rifiuti - Francesco Bonfiglio (Viterbo Ambiente) all'uscita dal tribunale

Inchiesta rifiuti – Francesco Bonfiglio (Viterbo Ambiente) all’uscita dal tribunale

Inchiesta rifiuti - Maurizio Tonnetti (Viterbo Ambiente)

Inchiesta rifiuti – Maurizio Tonnetti (Viterbo Ambiente)

Viterbo – Truffa milionaria sui rifiuti, processo al via l’11 dicembre per l’attuale dirigente all’urbanistica  e all’epoca dirigente all’ambiente del comune di Viterbo, Ernesto Dello Vicario, per il direttore tecnico di Viterbo Ambiente Francesco Bonfiglio e per il consigliere Maurizio Tonnetti, tra gli indagati della maxinchiesta Vento di maestrale arrestati su richiesta del pm Massimiliano Siddi nel blitz del 3 giugno 2015.

Si tratta del filone Viterbo Ambiente dell’inchiesta. Ai domiciliari finirono in cinque, il dirigente comunale e altri quattro, in quel momento ai vertici della società, accusati di truffa, frode e falso. 

Oltre ai tre rinviati a giudizio, ai domiciliari finirono anche il presidente del cda di Viterbo Ambiente, Rosario Carlo Noto la Diega – consigliere del gruppo Gesenu di Perugia di proprietà dell’avvocato Manlio Cerroni – e il responsabile del servizio rifiuti Fulvio Santini, nel frattempo deceduto. 

La posizione dell’ingegnere Rosario Carlo Noto la Diega è stata poi archiviata, così come quelle dei dirigenti comunali Sara Palombi e Stefano Quintarelli, indagati invece a piede libero. 

“Le accuse a carico di Noto la Diega – ricorda il difensore David Brunelli- sono venute subito meno, con l’immediata revoca dei domiciliari, in quanto già nell’interrogatorio di garanzia non era stato trovato alcun elemento di riscontro con il quadro indiziario. L’autorità giudiziaria si era resa conto che la misura cautelare non aveva alcuna base di legittimazione. In pratica si era trattato di un errore. Con soddisfazione abbiamo accolto il conseguente stralcio della sua posizione e l’archiviazione”. 

Presupposto della frode, secondo il pm Siddi, l’appalto da 50 milioni del 26 marzo 2011: si aggiudica il servizio la Ati Gesenu spa di Perugia e Cns di Bologna, poi si costituisce la Viterbo Ambiente scarl, composta al 51% dalla Gesenu e al 49% dalla Cosp Tecno Service.

Dall’ex indagato e allora dirigente al bilancio Stefano Quintarelli un assist agli indagati del filone Viterbo Ambiente. Durante un interrogatorio fiume di quattro ore  spiegò che alla ditta, nel 2014, erano stati dati i 9 milioni del canone contrattuale, non 10 milioni e 260mila euro. Nessun ulteriore impegno di spesa dal Bilancio.

E nessun caro tariffa sulle spalle dei cittadini, secondo il difensore Giovanni Labate. “Il pef (piano economico finanziario) – ribadisce l’avvocato – non ha comportato nessun aumento di tariffa, anche in ragione del fatto che le somme aggiuntive erano a livello previsionale, perché, a livello tecnico contabile, se tu non le prevedi e si verificano non hai i soldi. E le somme che non sono state spese sono state impegnate dal Comune sempre per servizi nel settore igienico ambientale”.

Due distinti filoni d’indagine sono confluiti nell’operazione Vento di maestrale, sfociata nel 2015 in complessive nove ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari.

In attesa della prima udienza del processo ai tre imputati del filone Viterbo Ambiente, langue, nel frattempo, l’avvio dei due procedimenti già davanti al collegio per gli otto imputati scaturiti dal filone Ecologia Viterbo, bloccati dalla costituzione di oltre un centinaio di parti civili, che devono ancora essere passate al vaglio dai difensori degli imputati. Se ne riparla il 20 marzo. 

Silvana Cortignani


I blitz: video – fotocronaca – slide – fotocronaca2  – slide – la conferenza stampa:fotocronaca – slide


Condividi la notizia:
27 novembre, 2018

Inchiesta "Vento di maestrale" ... Gli articoli

  1. Maxinchiesta sui rifiuti, un solo processo per otto imputati
  2. Inchiesta Viterbo Ambiente, parte il processo a Dello Vicario, Bonfiglio e Tonnetti
  3. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via anche per il direttore tecnico di Casale Bussi
  4. Maxinchiesta sui rifiuti, record di oltre cento parti civili contro Ecologia Viterbo
  5. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via per sette imputati
  6. Inchiesta rifiuti, sette rinvii a giudizio
  7. Truffa milionaria sui rifiuti, cinque avvisi di fine indagine
  8. Inchiesta rifiuti, gli atti tornano in procura
  9. "Ecologia Viterbo, il Comune si costituirà parte civile"
  10. Inchiesta rifiuti, la procura vuole il processo
  11. "Viterbo Ambiente, pericolo di condizionamento mafioso"
  12. "Nessun collegamento con Mafia capitale"
  13. Inchiesta rifiuti, sette avvisi di garanzia
  14. Rifiuti, il comune consegna documenti alla procura
  15. "Ordinanza d'arresto appiattita sull'accusa"
  16. Libero anche l'ultimo uomo di Ecologia Viterbo
  17. Liberi Zadotti, Rizzo e Sacchetti
  18. Zadotti fuori dalla Ternana Calcio
  19. Revocati i domiciliari a Francesco Bonfiglio
  20. Tonnetti torna libero, annullati i domiciliari
  21. Inchiesta rifiuti, è corsa al tribunale del riesame
  22. Viterbo Ambiente, Bonfiglio interrogato per tre ore
  23. Rifiuti, ascoltato il segretario generale del comune
  24. La difesa di Dello Vicario: "Viterbo Ambiente sanzionata per 96mila euro"
  25. "Poi c'è la riccia che magari me fa 'na foto..."
  26. Revocati i domiciliari al presidente di Viterbo Ambiente
  27. Tutti i soldi che Viterbo Ambiente voleva
  28. Revocati i domiciliari a Dello Vicario
  29. Maxi interrogatori per Dello Vicario e Quintarelli
  30. "La ditta sta giocando sporco..."
  31. "Dovete spazzà, svuotà le isole e pulì per terra"
  32. Una frode da più di un milione di euro
  33. Gestione dei rifiuti, nove arresti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR