--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vasanello - Rifiuti di ogni tipo, compresi i più pericolosi, abbandonati nel bosco tra Orte e Palazzolo - FOTO

A Tajo Grosso si va a caccia in mezzo all’eternit


Vasanello - Rifiuti abbandonati alla strada di Tajo Grosso

Vasanello – Eternit abbandonato sulla strada di Tajo Grosso

Vasanello - Rifiuti abbandonati alla strada di Tajo Grosso

Vasanello – Rifiuti abbandonati alla strada di Tajo Grosso

Orte - Rifiuti abbandonati sulla provinciale

Orte – Rifiuti abbandonati sulla provinciale 151

Vasanello – Plastica, materassi, divani, apparecchiature elettroniche, eternit, materiale edile, pneumatici, giocattoli, tavoli, sedie e seggiolini.

Non è un centro commerciale, ma la discarica a cielo aperto sul ciglio della strada conosciuta come Tajo Grosso, che dalla provinciale 151, al confine tra Orte e Bassano in Teverina, porta a Vasanello.


Gallery: Rifiuti abbandonati tra Orte e Vasanello


La zona è da sempre un porto di mare per abusivi di ogni genere e la presenza di rifiuti abbandonati in mezzo alla boscaglia è un problema vecchio come il cucco.

Negli ultimi tempi, però, si sta assistendo a una recrudescenza del fenomeno, che ormai ha superato la soglia del pericolo per la salute delle persone e dell’ambiente, nonché della decenza.

Tettoie in eternit, frigoriferi e altri materiali altamente inquinanti, di natura urbana o speciale, giacciono da mesi in mezzo a zone destinate alla caccia o alla raccolta di frutti selvatici, e la loro quantità non sembra destinata a diminuire. Per diverse centinaia di metri ogni piccola rientranza della strada nel bosco è invasa da cumuli d’immondizia.

L’abbandono abusivo dei rifiuti prosegue anche sulla provinciale, tornando a Orte, dove non è difficile individuare decine di sacchi buttati senza alcun riguardo sugli spiazzi ai lati dell’asfalto.

A poca distanza da questo deprimente scenario sorge l’area archeologica di Palazzolo, con tanto di cartelli per i turisti appassionati di trekking e natura, che si spera arrivino a frotte.

Magari gli escursionisti riscontrano pulsioni artistiche in un seggiolino appoggiato esattamente al centro di una biforcazione tra una stradina e l’altra. Magari amano lo stile di un salotto in mezzo ai rovi, risposta italiana alla celebre Casa sulla cascata di Frank Lloyd Wright.

O magari, più semplicemente, restano schifati da quello che vedono. 

Alessandro Castellani

 

7 dicembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR