Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - L'intervento del presidente dell'associazione Enrico Mezzetti che dichiara: "E' un problema di sensibilità democratica"

“Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all’inaugurazione della sede”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Viterbo - Enrico Mezzetti

Viterbo – Enrico Mezzetti

Il prefetto di Viterbo Giovanni Bruno

Il prefetto di Viterbo Giovanni Bruno

Tarquinia - Inaugurazione della sezione Anpi "10 giugno 1944"

Tarquinia – Inaugurazione della sezione Anpi “10 giugno 1944”

Tarquinia – “Siamo sorpresi e dispiaciuti. Sarebbe stato opportuno e doveroso che il prefetto di Viterbo partecipasse all’inaugurazione della sezione dell’Anpi di Tarquinia così come ha fatto, sempre nella stessa città, per la fondazione della sede locale della Lega di Salvini”. A parlare è Enrico Mezzetti, avvocato e presidente dell’Anpi viterbese, l’associazione nazionale partigiani d’Italia.

Venerdì 14  dicembre il taglio del nastro della sezione di Tarquinia. Direttamente nella sala del consiglio comunale della città di costiera. Qualche giorno l’apertura della sede della Lega.

“Per l’inaugurazione di Tarquinia – racconta infatti Mezzetti – abbiamo invitato varie autorità, tra le quali anche il prefetto di Viterbo Giovanni Bruno. E siamo dispiaciuti che non abbia partecipato. Non ha mandato nemmeno un messaggio. Considerando che, sempre a Tarquinia, ha preso parte all’inaugurazione della sede della Lega di Salvini, ci sembrava opportuno e doveroso che partecipasse anche alla nostra. Un problema di sensibilità democratica, non una scelta di parte”.

“L’Anpi – sta scritto sul sito internet dell’associazione – è tra le più grandi associazioni combattentistiche presenti e attive oggi nel paese. Fu costituita il 6 giugno 1944, a Roma, dal Cln del Centro Italia, mentre il nord era ancora sotto l’occupazione nazifascista. Il 5 aprile del 1945, con il decreto luogotenenziale n. 224, le veniva conferita la qualifica di ente morale che la dotava di personalità giuridica, promuovendola di fatto come associazione ufficiale dei partigiani”. 

Il 4 giugno 1945, con la liberazione del nord, venne poi costituita a Milano l’Anpi-Comitato alta Italia.

“A entrare a far parte della presidenza – prosegue il sito internet dell’Anpi – furono i componenti del Comando generale del Cvl, a rappresentare idealmente e fattivamente la continuità dell’unità della Resistenza anche nell’Anpi: Raffaele Cadorna, Ferruccio Parri, Luigi Longo, Enrico Mattei, Giovanni Battista Stucchi, Mario Argenton”.

Nel Comitato esecutivo figuravano Arrigo Boldrini “Bulow”, Cino Moscatelli e Guido Mosna. Il 27 giugno 1945, il Comitato provvisorio dell’Anpi di Roma e il Comitato alta Italia si fusero dando vita all’Anpi Nazionale. L’associazione ebbe una sua rappresentanza anche alla Consulta nazionale i cui lavori si svolsero tra il settembre 1945 e il referendum istituzionale dell’anno successivo.

“La nostra associazione – spiega Mezzetti – è in forte espansione a livello provinciale. Due anni fa nella Tuscia c’erano sole tre sezioni. Nepi, Orte e Montefiascone. Oggi siamo arrivati a sette. Si sono aggiunte Civita Castellana, Viterbo, Tuscania e Tarquinia. In tutto abbiamo 400 iscritti. E viviamo delle nostre tessere, senza altre fonti di finanziamento”. 

“Il prefetto avrebbe dovuto partecipare. E’ un problema di sensibilità democratica – ripete il presidente dell’Anpi -. Non solo, mentre la Lega rappresenta una parte di questo paese, l’Anpi lo rappresenta tutto. Una realtà che nasce con la resistenza e la Costituzione. E la Costituzione è a fondamento di tutta la società democratica e repubblicana. Essere antifascisti è un dovere preciso delle nostre istituzioni. Per questo l’istituzione rappresentativa del governo a livello provinciale, vale a dire il prefetto, avrebbe dovuto essere presente, dato che nessun prefetto non può non riconoscersi nella costituzione e nell’antifascismo che sono alla base della Repubblica nata dalla resistenza”. 

Mezzetti poi è ancor più stupito dall’assenza del prefetto anche “perché a febbraio, prima delle elezioni, abbiamo avuto un incontro con Bruno per denunciare fenomeni di filofascismo e movimenti di destra abbastanza pericolosi sul nostro territorio. E siamo stati ricevuti”.

“Un’assenza – sottolinea Enrico Mezzetti – che abbiamo notato e che notiamo. Non siamo un partito, e non vogliamo esserlo. Il nostro è un ente morale. Non un’associazione di sinistra, ma un’associazione antifascista in difesa della Costituzione. In un paese, forse l’unico in Europa,che non ha una destra antifascista. In Italia, a destra, è difficile trovare qualcuno che si riconosca nella Costituzione e nell’antifascismo. Una grave lacuna della nostra società. E la nostra carta costituzionale non è antifascista perché la XII disposizione vieta la ricostituzione del partito fascista, ma per i valori e i principi che esprime. Tra questi, l’accoglienza e l’uguaglianza. Valori antifascisti”.

Daniele Camilli

 


Condividi la notizia:
23 dicembre, 2018

Reportage ... Gli articoli

  1. La guerra fredda sui muri della città dei papi
  2. A chi conviene la trasversale?
  3. "L'Ater è un'azienda sull'orlo del collasso"
  4. "Fabrizio Frizzi aveva il dono di saper abbracciare"
  5. La costituzione che il liceo classico ha dimenticato
  6. Il sole bacia la fiera dell'Annunziata
  7. "Giochiamo a cricket a Valle Faul per fare una cosa diversa nella vita"
  8. Riello, come nascondere la polvere sotto il tappeto
  9. "La ringraziamo a nome di tutta quanta la Chiesa"
  10. "Torneranno a cacciarci con la polizia..."
  11. "Terme ex Inps, sono stati già dati 20 mila euro per individuare l'advisor"
  12. "Case popolari, chiediamo di restare e pagare l'affitto in base al reddito"
  13. "Terme ex Inps, prima di chiuderle le hanno ristrutturate"
  14. "Quota 100 crea problemi senza risolverli"
  15. Pranzo del Purgatorio, oltre 500 anni di solidarietà e beneficienza
  16. Carnevale 2019, vince il Regno di madre natura
  17. "Via dei Pellegrini, gli alloggi verranno sistemati entro maggio"
  18. Le Terme ex Inps saccheggiate, devastate e abitate
  19. Parcheggio selvaggio in tutto il centro storico
  20. "Via dei Pellegrini, il comune non ha fatto i lavori e non ha regolarizzato gli assegnatari"
  21. Alieu Jallow torna in Gambia
  22. Viterbo saluta don Angelo Gargiuli
  23. Il Carnevale va a gonfie vele...
  24. Un uragano di carri, maschere e colori...
  25. Quel pasticciaccio brutto di via dei Pellegrini
  26. "Vivo in uno stanzone del comune senza acqua, bagno e riscaldamento..."
  27. Carri, gruppi mascherati e mille scintillanti colori
  28. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  29. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  30. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  31. Il Riello nel degrado
  32. "L'illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto"
  33. "Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione..."
  34. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  35. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  36. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  37. Strade colabrodo ovunque
  38. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  39. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  40. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  41. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  42. Cani e gatti contro il bullismo
  43. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  44. "Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24"
  45. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  46. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  47. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  48. Il collasso del centro storico
  49. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  50. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  51. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  52. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  53. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  54. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  55. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  56. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  57. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  58. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  59. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  60. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  61. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  62. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  63. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  64. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  65. Happy New Year
  66. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  67. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  68. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  69. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  70. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  71. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  72. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  73. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  74. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  75. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  76. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  77. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  78. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  79. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  80. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  81. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  82. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  83. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  84. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  85. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  86. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  87. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  88. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  89. La discarica di Cinelli vista dal drone
  90. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  91. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  92. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR