--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - L'aggressione è avvenuta alla stazione di Bagnaia, dove entrambi erano andati a prendere la stessa ragazza al treno

Bastona l’amico che gli insidia la ex, condannato per lesioni aggravate

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Viterbo - Tribunale

Viterbo – Tribunale

Vignanello – (sil.co.) – Prende a bastonate il suo più caro amico alla stazione di Bagnaia perché secondo lui gli insidia la fidanzata, condannato a due mesi per lesioni aggravate. 

Protagonisti due giovani di Vignanello, all’epoca appena ventenni, che nel 2012 sono arrivati ai ferri corti, nonostante per un periodo avessero perfino convissuto sotto lo stesso tetto, a causa di un’imprevista rivalità sorta per una donna. 

L’imputato avrebbe avuto una travagliata relazione sentimentale con una coetanea, costellata di continui litigi e scenate di gelosia. Ciononostante, la coppia ha trovato il tempo di mettere anche al mondo un figlio. Salvo lasciarsi dopo l’ennesima sfuriata. 

La vittima, cui lo stesso imputato avrebbe confidato i suoi tormenti, non appena saputo che tra i due era finita, avrebbe fatto delle avances a quella che ormai riteneva essere diventata la ex del suo storico amico. O almeno così l’ha pensata l’imputato che, accecato dalla gelosia, un giorno lo ha riempito di botte.

E’ stato quando, andando a prendere la giovane alla stazione di Bagnaia, ci ha trovato pure il presunto rivale. Prima sono volate parole grosse. Quindi minacce di morte. Infine il giovane, che si era sentito tradito dall’amico, ha afferrato un bastone e da dietro lo ha colpito alla nuca, provocandogli lesioni al collo giudicate guaribili in dieci giorni dai sanitari del pronto soccorso dell’ospedale di Belcolle. 

Lo sfogo gli è costato un processo penale per lesioni aggravate e minacce che si è chiuso ieri davanti al giudice Giacomo Autizi. L’imputato, oggi 26enne così come la vittima, difeso dall’avvocato Virna Faccenda, è stato assolto dall’accusa di minacce e condannato a due mesi per lesioni aggravate con sospensione della pena. L’accusa aveva chiesto una condanna a quattro mesi. 

7 dicembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR