Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Lo ha detto l'ex ispettore della soprintendenza Giannino Tiziani in occasione della presentazione a palazzo dei papi degli affreschi della chiesa di Santa Maria in Volturno - Dello stesso avviso la soprintendente Margherita Eichberg

“È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:

Viterbo - Gli affreschi di Santa Maria in Volturno

Viterbo – Gli affreschi di Santa Maria in Volturno

Viterbo - Giannino Tiziani

Viterbo – Giannino Tiziani

Viterbo - Margherita Eichberg

Viterbo – Margherita Eichberg

Viterbo - Il putto, Sant'Agostino e il mistero della Trinità (XVII secolo)

Viterbo – Il putto, Sant’Agostino e il mistero della Trinità (XVII secolo)

Viterbo - Morte di Santa Monica (XVII secolo)

Viterbo – Morte di Santa Monica (XVII secolo)

Viterbo - Sant'Agostino e Santa Monica ascoltano la predica di Sant'Ambrogio (XVII secolo)

Viterbo – Sant’Agostino e Santa Monica ascoltano la predica di Sant’Ambrogio (XVII secolo)

Viterbo - Vittorio Cesetti

Viterbo – Vittorio Cesetti

Viterbo - Mario Mattei

Viterbo – Mario Mattei

Viterbo - Giovanni Arena

Viterbo – Giovanni Arena

Viterbo - Lino Fumagalli

Viterbo – Lino Fumagalli

Viterbo - Santino Tosini

Viterbo – Santino Tosini

Viterbo – “A Viterbo c’è poca organizzazione e poca attenzione per un potenziale enorme che continua a non essere valorizzato. Con grande dispendio per l’offerta turistica che invece rappresenta”. Il riferimento è chiaro. I beni culturali della città dei papi che sono andati perduti, alcuni per sempre, e beni che ancora ci sono ma sono dimenticati chissà da quale parte. A dirlo è l’ex ispettore di zona della soprintendenza Giannino Tiziani che oggi ha tenuto a battesimo la mostra degli affreschi restaurati della chiesa di Santa Maria in Volturno a Viterbo.


Fotogallery: Gli affreschi restaurati di Santa Maria in Volturno


La mostra, da oggi al 27 gennaio, è a palazzo dei papi, nella sala Gualterio. E’ stato Tiziani a trovare per primo gli affreschi in esposizione. Assieme a Santino Tosini, responsabile dell’ufficio dei beni culturali della curia. A restaurarli è stato invece Vittorio Cesetti. Tutti presenti all’inaugurazione di oggi.

Con loro, anche il sindaco Giovanni Arena, gli assessori Paolo Barbieri, Enrico Contardo e Laura Allegrini, la soprintendente del ministero dei beni culturali Margherita Eichberg, il vescovo Lino Fumagalli, il vicario don Luigi Fabbri e padre Mario Mattei, custode dell’archivio storico degli agostiniani. Tutti quanti agguerriti per quanto è stato perso e si rischia ancora di perdere.

“Mi auguro che Viterbo – ha proseguito Tiziani – impari a organizzarsi con le persone e con le forze che ha a disposizione. Gli affreschi in esposizione sono stati trovati anni fa, nel 2014, quando stavamo organizzando una mostra a palazzo dei Papi. Erano in condizioni tali da sembrare robaccia o delle tempere montate su tela”. Sono stati salvati e oggi sono di nuovo a disposizione. Grazie alla diocesi e alla soprintendenza.

Gli affreschi in sala Gualterio sono tre. Il putto che rivela a Sant’Agostino l’insodabilità del mistero della Trinità, Sant’Agostino e Santa Monica che ascoltano la predica di Sant’Ambrogio e la Morte di Santa Monica. Tutti è tre di un anonimo pittore viterbese. Ciascuno di loro datato attorno alla prima metà del XVII secolo. Tre capolavori che provengono dal monastero agostiniano di Santa Maria in Volturno. Un pezzo di Viterbo che non c’è più. Il convento, risalente al XV-XVI secolo finirono in mano al Comune subito dopo l’Unità d’Italia. Entrambi demoliti, monastwero e chiesa. Il primo nel 1927. La seconda subito dopo la seconda guerra mondiale. Tra il 1948 e il 1949. “Per farci delle case popolari”, come ha ricordato Margherita Eichberg nel suo intervento.

“E sembra appunto di stare ancora nel dopoguerra – ha poi sottolineato la soprintendente –  quando le opere scomparivano e non si sapeva più che fine avessero fatto. Oggi è anche l’occasione per parlare di questo, dei patrimoni andati perduti. In una città alla quale i pontefici hanno dato i loro migliori artisti. I viterbesi spesso non si rendono conto del patrimonio che hanno e che mettono la città in collegamento con la produzione artistica di Roma e Siena. Un tempo c’era la percezione del valore artistico delle opere. Questa percezione oggi s’è persa”.

Comunque sia, per salvare il salvabile, “speriamo di organizzare presto uno spazio espositivo permanente – ha proseguito Eichberg – ampliando il museo del colle a spazi ancora disponibili”.

Monastero e chiesa di Santa Maria in Volturno un tempo stavano a piazza San Faustino. Una memoria rimasta solo nel nome della via, Santa Maria in Volturno, che da piazza Sant’Agostino arriva in piazza Martiri d’Ungheria.

Le opere in esposizione in sala Gualterio facevano parte di un ciclo di nove affreschi presenti nel coro del monastero. Staccati nel 1953 e ritrovati in pessime condizioni, pochi anni fa, nei palazzi della curia, sono gestiti attualmente dal Fondo edilizia di culto (Fec).

“Quando la chiesa è stata demolita – ha ricordato padre Mario Mattei – tutto quello che si poteva distribuire per Viterbo è stato distribuito”. Un modo gentile per dire che tutto quello che è stato possibile disperdere e sparpagliare è stato disperso e sparpagliato.

“Il portale della chiesa – ha detto il padre agostiniano – si trova agli Almadiani. Un pozzo sta in nella casa di un privato. Un altro pozzo sta al convento trinità. Un quadro sta nell’episcopio. Molte altre opere sono andate invece disperse. Basta vedere le fg Molte di queste cose sono foto d’epoca del coro del convento. Si vedono infatti quadri e affreschi che non si sa più che fine abbiano fatto”.

Il sindaco Arena si è invece augurato “una mostra permanente per far conoscere i tesori che abbiamo, perché avere tesori in casa e non saperne esistenza è un vero peccato”.

Infine il vescovo. “Conservare questi affreschi – ha detto Lino Fumagalli – è al tempo stesso un intento culturale e un atto di fedeltà alla tradizione. Testimonianza e gratitudine per un passato di cui siamo orgogliosi e l’impegno a trasmetterlo alle nuove generazioni”.

Racconta poi di quando la curia ha sistemato la torretta di palazzo dei papi. “È stata una sorpresa – ha commentato –. Abbiamo trovato tantissime cose sconosciute ai più, ma non ai piccioni che erano entrati lasciando il segno presenza”. Tra le opere scoperte in torretta, “il tabernacolo di Montecalvello e diverse pergamene”. Una situazione, ha ricordato il vescovo, che non riguarda solo la curia, ma tante parrocchie. “Il nostro obiettivo – ha concluso Fumagalli – è far sì che non si disperdano o deteriorino. Perché queste opere non sono nostre, ma patrimonio di Viterbo e di tutti i viterbesi”.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
27 dicembre, 2018

Reportage ... Gli articoli

  1. "Giochiamo a cricket a Valle Faul per fare una cosa diversa nella vita"
  2. Riello, come nascondere la polvere sotto il tappeto
  3. "La ringraziamo a nome di tutta quanta la Chiesa"
  4. "Torneranno a cacciarci con la polizia..."
  5. "Terme ex Inps, sono stati già dati 20 mila euro per individuare l'advisor"
  6. "Case popolari, chiediamo di restare e pagare l'affitto in base al reddito"
  7. "Terme ex Inps, prima di chiuderle le hanno ristrutturate"
  8. "Quota 100 crea problemi senza risolverli"
  9. Pranzo del Purgatorio, oltre 500 anni di solidarietà e beneficienza
  10. Carnevale 2019, vince il Regno di madre natura
  11. "Via dei Pellegrini, gli alloggi verranno sistemati entro maggio"
  12. Le Terme ex Inps saccheggiate, devastate e abitate
  13. Parcheggio selvaggio in tutto il centro storico
  14. "Via dei Pellegrini, il comune non ha fatto i lavori e non ha regolarizzato gli assegnatari"
  15. Alieu Jallow torna in Gambia
  16. Viterbo saluta don Angelo Gargiuli
  17. Il Carnevale va a gonfie vele...
  18. Un uragano di carri, maschere e colori...
  19. Quel pasticciaccio brutto di via dei Pellegrini
  20. "Vivo in uno stanzone del comune senza acqua, bagno e riscaldamento..."
  21. Carri, gruppi mascherati e mille scintillanti colori
  22. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  23. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  24. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  25. Il Riello nel degrado
  26. "L'illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto"
  27. "Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione..."
  28. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  29. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  30. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  31. Strade colabrodo ovunque
  32. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  33. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  34. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  35. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  36. Cani e gatti contro il bullismo
  37. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  38. "Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24"
  39. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  40. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  41. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  42. Il collasso del centro storico
  43. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  44. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  45. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  46. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  47. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  48. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  49. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  50. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  51. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  52. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  53. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  54. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  55. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  56. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  57. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  58. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  59. Happy New Year
  60. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  61. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  62. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  63. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  64. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  65. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  66. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  67. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  68. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  69. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  70. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  71. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  72. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  73. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  74. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  75. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  76. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  77. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  78. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  79. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  80. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  81. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  82. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  83. La discarica di Cinelli vista dal drone
  84. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  85. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  86. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR