--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Pietro Mendola è di Roma e con la sua famiglia ha scelto la città dei papi per trascorrere le festività - Come lui tanti altri turisti che hanno riempito le vie del centro storico

“Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale”

di Daniele Camilli


 

Viterbo – La città piace e i turisti arrivano. E col Christmas Village si divertono pure. Tanti a Viterbo, per il lungo week end natalizio. Fino a Santo Stefano. E altrettanti s’aspettano per i giorni a seguire. Quelli dell’ultimo dell’anno. Per il prossimo si vedrà.


Multimedia – Fotogallery: Viterbo da Natale a Santo Stefano – Video: La città piena di turisti


 Non c’è ancora una stima, ma il trend in crescita degli ultimi mesi è confermato. Peccato alcune chiese chiuse, così come lo splendido chiostro longobardo di Santa Maria Nuova in piazza Gargiuli. Aperto solo, sta scritto sul cancello d’ingresso, per il fine settimana.


Viterbo - Pietro Mendola

Viterbo – Pietro Mendola

Viterbo - Natale in città


“Consiglio a tutti di vistare la città – dice Pietro Mendola che vive a Roma, vicino villa Ada – si mangia pure bene. Noi abbiamo deciso di passarci il Natale”. E’ appena risalito dalla Viterbo sotterranea in piazza della Morte. E’ una delle principali attrazioni. “Bella”, si sente dire a un bambino che viene su dalle scale dopo aver visto i cunicoli. Pietro Mendola viene nella città dei papi almeno tre volte l’anno. E la sceglie perché è vicina, a portata di mano e di portafoglio. Ma soprattutto perché la qualità della vita è migliore rispetto alla grande metropoli. Esempio di un turismo che sta diventando via via strutturale.

“C’è stato un forte aumento di turisti in questi giorni – spiega Sergio Cesarini che della Viterbo sotterranea è l’inventore -. Luoghi meravigliosi e ricchi di storia”. Stesso punto di vista per Cristiano Guerrini del bar centrale, aperto tutti i giorni fino a tardi. “Abbiamo lavorato molto – sottolinea -, e sono state tante le facce nuove”.


Viterbo - Sergio Cesarini

Viterbo – Sergio Cesarini

Viterbo - Natale in città


La città resta tuttavia divisa in due. Da una parte il quartiere medievale di San Pellegrino, pieno di gente grazie anche al villaggio di Babbo Natale messo in piedi dalla fondazione Caffeina. Dall’altra la zona del Corso, dove le persone vanno ma trovano chiuso. E non per colpa dei commercianti, che ce la mettono tutta. Mancano proprio gli eventi. A parte la pista di pattinaggio su ghiaccio che sta a piazza Giuseppe Verdi, davanti al teatro dell’Unione. Da queste parti è più che altro una passeggiata. La chiesa del Gonfalone è chiusa. Per trovare qualcosa da visitare bisogna arrivare alla basilica di Santa Rosa e al monastero della patrona gestito dalle suore Alcantarine.


Viterbo - Arnaldo Napoleoni

Viterbo – Arnaldo Napoleoni

Viterbo - Natale in città


Via San Lorenzo, piazza del Gesù, palazzo dei papi e strade medievali sono piene di turisti. Vengono soprattutto dalla capitale. Ogni tanto, qua e là, si vede anche qualche straniero. Molti arrivano dalla provincia. Acquapendente, Tarquinia, Soriano, Civita Castellana. “Spendono ma senza esagerare”, commenta Arnaldo Napoleoni, commerciante di Norcia in Umbria che vende panini, salsicce e formaggi in piazza San Carluccio. La crisi, ultra decennale, picchia duro e il potere d’acquisto è quello che è. Ma alle festività non si rinuncia, e Viterbo è ormai meta ufficiale.

C’è pure qualche artista di strada. Chi con le bolle di sapone, e i bambini che saltellano per afferrarle. Chi con la chitarra, come Emil Brown, nome d’arte, che suona Led Zeppelin e Pink Floyd prima a piazza delle Erbe poi in via San Pellegrino. “Faccio questo – spiega a margine della telecamera – perché mi piace. Ho provato anche a fare il muratore, ma il guadagno è lo stesso”.


Viterbo - Emil Brown

Viterbo – Emil Brown

Viterbo - Presepe


Un Natale senza sfarzo, e per le vie si vede. Lo dicono persino i presepi. Un Cristo nato povero e gli allestimenti scelti stanno lì a testimoniarlo. A pranzo i turisti scelgono il tipico associandolo alla qualità. Per gli acquisti, e il motivo è lo stesso, l’artigianato vicino palazzo degli Alessandri dove gli elfi del Christmas accolgono le famiglie.


Viterbo - Gianluca Grancini

Viterbo – Gianluca Grancini

Viterbo - carabinieri a cavallo per le vie del centro


Ieri, in giro, c’erano padri e madri che hanno regalato ai figli una bella giornata, diversa dalle altre. Dai mercatini al sacrario ai carabinieri a cavallo in piazza Plebiscito, quella del comune. Dove c’è il cortile che si affaccia sulla valle di Faul con i parcheggi e l’ascensore che porta a piazza San Lorenzo, con la giostra d’epoca messa lì da Caffeina per salirci sopra anche solo per una foto. In mezzo alla gente, nonostante i divieti ovunque, c’arriva pure una macchina. Probabilmente un errore del conducente, che c’ha il cappello, imbocca il ponte, fa il giro della piazza e con un po’ d’imbarazzo torna indietro e se ne va.

Si incontrano anche consiglieri e assessori. Gianluca Grancini è uno di loro, a spasso col carrozzino e il figlio, Lorenzo, di 45 giorni appena. Felice per la città viva attorno.

A La Fontaine, la via dedicata a un cardinale, a metà la strada è chiusa. La bloccano i ponteggi allestiti per riparare un palazzo, pericolante. Non si può procedere oltre. 


Viterbo - Cristiano Guerrini

Viterbo – Cristiano Guerrini

Viterbo - Natale in città


Poco visitate le chiese, duomo incluso. In tal caso il bel tempo non aiuta, meglio starsene fuori. Dove si trovano pure guide improvvisate, ma simpatiche. Come quella davanti alla chiesa di Sant’Angelo. Un uomo sulla settantina che racconta la leggenda di Galiana mettendoci del suo. Una donna talmente bella, dice, e dal collo diafano, che quando beveva il vino rosso lo si vedeva addirittura andar giù per la gola. Poi si gira, si accorge della telecamera, e con tono bello forte, parlando dei Priori che mettono in guardia il padre di Galiana, la cui fine è triste, aggiunge…”Tu, babbo della bella Galiana…”. Portando infine ogni cosa, indietro nel tempo.

Daniele Camilli

27 dicembre, 2018

Reportage ... Gli articoli

  1. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  2. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  3. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  4. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  5. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  6. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  7. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  8. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  9. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  10. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  11. Happy New Year
  12. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  13. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  14. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  15. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  16. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  17. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  18. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  19. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  20. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  21. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  22. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  23. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  24. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  25. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  26. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  27. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  28. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  29. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  30. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR