--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Milano - Il reporter ha raccontato di trovarsi nel boschetto della droga per un servizio televisivo

Fabrizio Corona: “Aggredito dagli spacciatori a Rogoredo”

Condividi la notizia:

Milano - Fabrizio Corona in ambulanza dopo l'aggressione

Milano – Fabrizio Corona in ambulanza dopo l’aggressione

Milano - Fabrizio Corona in ambulanza dopo l'aggressione

Milano – Fabrizio Corona in ambulanza dopo l’aggressione

Milano – Fabrizio Corona ha raccontato di essere stato aggredito da un gruppo di spacciatori ieri sera nel boschetto della droga di Rogoredo, a Milano.

Secondo quanto riporta Sky tg 24, il reporter è stato trovato a torso nudo intorno alle 22,30 da una pattuglia di carabinieri. Medicato in ambulanza per dei graffi, ha rifiutato il trasporto in ospedale e non ha sporto denunce.

Corona ha spiegato ai militari di trovarsi a Rogoredo con una piccola troupe televisiva per realizzare un servizio sullo spaccio di droga, quando è stato riconosciuto da alcune persone, che l’hanno picchiato.

L’ex re dei paparazzi ha documentato con tre video e una foto sul suo profilo Instagram le fasi dei soccorsi in ambulanza. “A un certo punto mi sono trovato sdraiato per terra – ha detto agli infermieri – con quattro che mi tenevano e uno che mi ha puntato il coltello. Questi ci mettono un attimo a darti una coltellata, chissà perché non l’ha fatto”.

Corona ha affidato a un lungo post sul social network le sue riflessioni sui fatti. “Stasera mi sono recato al bosco di Rogoredo, patria nazionale dello spaccio italiano – ha scritto – dove anche la polizia si rifiuta di entrare. Io mi sono recato lì solo con un operatore e un fonico per raccontare il parallelismo della mia tossicodipendenza e quella che colpisce l’Italia e la povera gente che vede uno stato inerme e una polizia disinteressata. Tutto questo solo per raccontare in maniera oggettiva, come ho sempre fatto, la realtà”. 


Condividi la notizia:
11 dicembre, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR