Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Macchina del fango e Vinitaly - Al centro del processo ancora la vita di redazione nei quotidiani diretti da Paolo Gianlorenzo

“Francesco Battistoni andava ridimensionato politicamente”

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Paolo Gianlorenzo

Paolo Gianlorenzo

Viterbo - La conferenza stampa sulla manovra economica - Francesco Battistoni

Francesco Battistoni

Alessia Serangeli

Alessia Serangeli

Luca Appia

Luca Appia

Viterbo – Macchina del fango, la vita all’interno delle redazioni dirette da Paolo Gianlorenzo continua ad essere al centro del processo scaturito dall’inchiesta della procura denominata non a caso “IV Potere”. Così come i nemici giurati del giornalista: il patron della Viterbese, Piero Camilli e il senatore di FI, Francesco Battistoni. 

La sfilata di collaboratori citati come testi dell’accusa dal pm Massimiliano Siddi è proseguita con i giornalisti Alessia Serangeli e Luca Appia e il grafico Mario Ramundo i quali, tra qualche incertezza, sono tornati a parlare delle minacce di licenziamento se non avessero accettato una riduzione dello stipendio e del celeberrimo “metodo Ciarrapico”. 

Gli avvocati Carlo Taormina e Franco Taurchini, difensori rispettivamente di Gianlorenzo e della presidente della cooperativa nonché coimputata VivianaTartaglini, hanno insistito molto su come fossero veri i venti di crisi che, nell’estate 2011, rischiavano di far chiudere cooperativa e giornale (sarebbe stato il secondo nel giro di pochi anni per Gianlorenzo), con finanziamenti più che dimezzati, scesi da 30mila a 10mila euro al mese, da parte degli imprenditori privati che avevano sposato la causa dell’edizione viterbese dell’Opinione.

A margine dell’udienza, lo stesso Gianlorenzo, che era presente in aula, ha mostrato l’articolo 18 dello statuto della cooperativa, del 20 settembre 2010, in cui c’è scritto: “Il regolamento di cui all’articolo precedente può prevedere la riduzione dell’orario o la sospensione del lavoro a tempo determinato, indeterminato o in altra prevista dalla legge rispettivamente in caso di crisi occupazionale temporanea o in caso di necessità di ridimensionamento definitivo degli organici della cooperativa”. 

Per le difese, nessun ricatto: la riduzione dello stipendio era l’unica alternativa alla chiusura del giornale. O bevi o affoghi. 

Serangeli, che ha lavorato per Gianlorenzo fino alla chiusura del primo quotidiano, Nuovo Viterbo Oggi, edito per l’appunto da Giuseppe Ciarrapico, ha spiegato come secondo lei, almeno in una prima fase, il “metodo Ciarrapico” fosse più un modo di dire goliardico tra colleghi che altro, ispirato ai modi bruschi del senatore, e come il direttore palesasse un ideale romantico del giornalismo, concentrato sugli scoop e sulle grandi inchieste, come quelle relative alla Asl e all’università, che avrebbe condotto personalmente. 

Pungolata dal pm Siddi ha però ammesso di avere sentito dire che “l’inchiesta sull’università avrebbe avuto secondi fini, non sarebbe stata fine a se stessa, ma per un tornaconto personale, forse  per ottenere qualcosa, forse per la moglie del direttore” e che il metodo Ciarrapico avrebbe voluto dire “essere brusco per guadagnarci qualcosa, non solo indagini in maniera serrata a fini giornalistici”. Niente di sperimentato di persona, perché lei si occupava di conferenze stampa, cronaca nera e cronaca giudiziaria. 

In aula anche l’ex collega Luca Appia, uno dei primi ad essere reclutati da Gianlorenzo quando aprì il suo primo quotidiano, come fotoreporter e ai comprensori, passando quindi alla cronaca nera dopo l’apertura dell’Opinione di Viterbo e le dimissioni di Alessia Serangeli. Assieme a Daniele Camilli e Roberto Pomi fu licenziato in tronco dalla presidente della cooperativa Viviana Tartaglini, nell’estate 2011, quando rifiutarono il taglio dello stipendio a causa della crisi. 

Quel giorno ci furono momenti ad altissima tensione. In redazione arrivarono i carabinieri. Poi intervenne il sindacato Assostamparomana e furono riassunti: “Alle stesse condizioni di prima, senza alcuna riduzione dello stipendio”, ha detto il testimone su domanda delle difese.

Il 10 agosto 2011 c’era anche lui alla famosa riunione che è stata registrata di nascosto, costata a Gianlorenzo e alla Tartaglini una denuncia per minacce e tentata estorsione. E anche alla riunione della cooperativa in cui si manifestarono “tre-quattro nuovi presunti soci mai visti prima, uno particolarmente massiccio e palestrato (buttafuori, ndr), per alterare le dinamiche del voto assembleale”. “La scissione fu quasi definitiva – ha spiegato Appia – le idee della redazione e della direzione, ovvero Gianlorenzo e Tartaglini, non erano più conciliabili”.

Appia non faceva politica, bensì cronaca. Ma tra colleghi se ne parlava: “Francesco Battistoni – ha proseguito – era considerato una persona scomoda, che doveva essere attaccata, per scoraggiarlo a prendere più posizione nel partito. Battistoni andava ridimensionato politicamente”. E ancora: “Ci diceva ‘imparate a conoscere i nostri nemici, se ci troviamo in questa situazione grave è perché Piero Camilli ci ha truffato 250mila euro, farà il bruciatore di carcasse degli agnelli di Acquapendente invece della centrale”. 

Gianlorenzo sarebbe stato pronto a tutto per fare fuori la concorrenza, con un odio particolare nei confronti del Nuovo Corriere Viterbese, un giornale che all’epoca, diversamente dal suo, marciava sulle 900 copie vendute al giorno, edito dal Gruppo Rori degli imprenditori della sanità privata Roberto e Fabio Angelucci, proprietari della Nuova Clinica Santa Teresa sulla Tuscanese. “Il direttore ci diceva ‘diamo il colpo di grazia al Nuovo Corriere Viterbese – ha detto ancora Appia – dobbiamo trovare documenti contro gli Angelucci, ci penso io. Se chiude, noi possiamo conquistare almeno 200 copie in più'”.

Al termine, il collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei ha rinviato il processo al 23 aprile, sollecitando il pm Siddi, per stringere i tempi, a citare ben dieci testimoni. Tra loro Piero Camilli e Francesco Battistoni. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
5 dicembre, 2018

Tentata estorsione, indagati due giornalisti ... Gli articoli

  1. "Macchina del fango, ecco come funzionava il metodo Ciarrapico"
  2. Assolta la giornalista accusata di aver truccato l'esame da professionista
  3. “Per pagare il padiglione, Birindelli chiese di tagliare gli stipendi all’Arsial”
  4. "Un tirapugni sempre in bella vista sulla scrivania..."
  5. “In tutte le redazioni le prove da professionista si scrivono a quattro mani”
  6. Macchina del fango, sfilano i primi testimoni dell'accusa
  7. "Droga, prostituzione e sesso a tre", era solo buona e doverosa cronaca
  8. "Il giornale di Paolo Gianlorenzo navigava in pessime acque"
  9. Macchina del fango, il giornalista Camilli parte civile
  10. "Così inviai l'articolo a Tartaglini..."
  11. Macchina del fango, slitta il maxiprocesso
  12. Macchina del fango, sarà maxi processo
  13. Macchina del fango & Vinitaly, tutti a processo
  14. Birindelli pronta all'interrogatorio
  15. Macchina del fango e fatture false, udienza preliminare
  16. "A me la tentata estorsione? E allora a Marchionne?"
  17. Macchina del fango - Vinitaly, si comincia
  18. "Sono un fascista del ventennio"
  19. Gianlorenzo al giornalista Bertazzoni: "Sei un comunista schifoso"
  20. Esame truccato, giornalista rinviata a giudizio
  21. Macchina del fango-Vinitaly, un altro stop
  22. Battistoni annuncia: Un libro sui veleni in Regione
  23. "L'avvocato della Birindelli è incompatibile"
  24. Vinitaly-macchina del fango, sarà subito rinvio
  25. Regione parte civile, Zingaretti ci pensa
  26. "Questa signora nemmeno la conoscevo..."
  27. "Non voglio una lira, solo la condanna"
  28. "Dietro la macchina del fango grosse responsabilità politiche"
  29. Macchina del fango - Vinitaly, quindici parti offese
  30. Macchina del fango-Vinitaly, a giugno l'udienza preliminare
  31. Stalking a mezzo stampa, chiesta l'archiviazione per Gianlorenzo
  32. Vinitaly-macchina del fango, otto richieste di rinvio a giudizio
  33. Inchiesta Vinitaly, fuori Giulio Marini
  34. Gianlorenzo denunciato per stalking a mezzo stampa
  35. Macchina del fango, ascoltato Aloisio
  36. "Somma non c'entra nulla ed ha spiegato al pm perché"
  37. Inchiesta Birindelli & c., in arrivo le richieste di rinvio a giudizio
  38. Vinitaly, Marini ascoltato per cinque ore dal pm
  39. Gianlorenzo usava il nome del prestanome di Ciarrapico
  40. Un quotidiano da 600 copie...
  41. "Gli dissi di non costringermi a chiamare i carabinieri..."
  42. "Se ci indagano dopo cinque minuti siamo a Mammagialla..."
  43. Il metodo Ciarrapico contro Angelucci e Camilli
  44. Vinitaly, i vertici di Verona Fiere: "Clima di assedio"
  45. Parli con Battistoni? Niente fondi per l'ascensore...
  46. "Mi sono rotta i coglioni del pecorino romano"
  47. "Sono un soldato, eseguo ordini"
  48. "Dobbiamo fare squadra contro Aloisio"
  49. "A me spaventa 'sto tizio"
  50. Gianlorenzo-Marini, c'eravamo tanto amati...
  51. Gianlorenzo indagato per sfruttamento della prostituzione
  52. Ma fare opposizione vuol dire "rompere i coglioni"?
  53. "Deve morì", "Te l'ammazzamo, dai..."
  54. Marini: Il finanziamento al giornale di Gianlorenzo inopportuno e fuori mercato
  55. "Non ho espresso solidarietà a Gianlorenzo"
  56. "Mai soli in redazione, per paura di ritorsioni"
  57. Senatore Sposetti, perché non risponde?
  58. Metodo Ciarrapico: "uccidere" e trattare
  59. 20mila euro a "Sapere sapori" per sabotare la protesta dei produttori di kiwi
  60. Che c'azzecca Gianlorenzo con Sposetti?
  61. "Domani scoppia Battistoni"
  62. "Questi devono fa' quello che dico io..."
  63. Droga, prostituzione e sesso a tre nelle carte dell'inchiesta
  64. La rete degli informatori al setaccio della Procura
  65. Birindelli pensa anche alla moglie di Gianlorenzo
  66. "E' meglio morire di cancro che avere un nemico come me"
  67. La saga Vinitaly e gli ordini dell'assessora
  68. "Inchieste giornalistiche" per avere un posto di lavoro
  69. Macchina del fango, chiusa l'inchiesta
  70. Tentata concussione, indagato Giuseppe Fiaschetti
  71. Macchina del fango, ascoltato come testimone Roberto Angelucci
  72. Inchiesta Birindelli, gli investigatori tornano a Verona
  73. Birindelli: “Fiducia piena nella magistratura”
  74. Sette ore di interrogatorio per Angela Birindelli
  75. Interrogatorio fiume per Angela Birindelli
  76. Semmai è Bigiotti che è stato mazzolato...
  77. Bigiotti: Non ho chiesto la testa di Bizzarri
  78. Mazzocchi per sei ore in procura
  79. Dirigente regionale ascoltato per sei ore
  80. Macchina del fango, dissequestrati i pc di Gianlorenzo
  81. Macchina del fango, ascoltato Selvaggini
  82. Vinitaly, intercettazioni al vaglio della procura
  83. “Come fa l’ex assessore a usare uomini e mezzi della Regione?”
  84. "Vinitaly, il Pd non fece niente di diverso"
  85. "Ho avuto occasione di fare chiarezza"
  86. Sindaco indagato, Birindelli: "Sono profondamente ferita"
  87. Diddi: Infondate le notizie apparse sui giornali
  88. Angela Birindelli rassegna le dimissioni
  89. Marini: "Mi sono tolto un dente"
  90. Birindelli smentisce l'Ansa: Mai indagata per turbativa d'asta
  91. Inchiesta Birindelli, indagato il sindaco Marini
  92. La Polverini ha la memoria corta e... dimentica l'indagine sulla Birindelli
  93. Birindelli smentisce interrogatorio in Procura
  94. Perquisita la redazione di Gianlorenzo
  95. Caso Birindelli, ancora tre mesi d'inchiesta
  96. Corruzione Birindelli, no al dissequestro documenti
  97. Caso Birindelli, tre nuovi indagati
  98. "Ma quale violazione di segreto d'ufficio?"
  99. Macchina del fango, tre nuovi indagati
  100. "Stand Vinitaly, affidamento secondo le regole"
  101. Polverini per due ore davanti ai magistrati
  102. Polverini ascoltata in Procura
  103. Vinitaly Lazio, quali ditte hanno gestito il padiglione?
  104. Caso Birindelli, si indaga sullo stand Lazio al Vinitaly
  105. Acquisiti nuovi documenti nel Nord Italia
  106. Sopralluogo negli uffici viterbesi dell'assessorato all'Agricoltura
  107. Tartaglini, i giudici prendono tempo
  108. "Non ha senso parlare di dimissioni"
  109. Un tirapugni in redazione
  110. "Avvelenata la vita democratica"
  111. "Controlli incrociati sui fondi dell'Ue"
  112. Un fiume di denaro sotto la lente della Procura
  113. Inchiesta Birindelli & Co., nuovo blitz in Regione
  114. Chi vuole uccidere Descartes?
  115. Sequestro computer, la difesa rinuncia al riesame
  116. "Piano di sviluppo rurale, al centro dell'attenzione"
  117. E spunta pure un esame truccato da giornalista professionista
  118. Soldi in cambio di manganellate mediatiche
  119. "Solidarietà a Battistoni"
  120. Dossier contro Battistoni, sentito Zoroddu
  121. Centrale a biomasse, sequestrati i documenti in Provincia
  122. Dossier contro Battistoni? Non ne so nulla
  123. Lo stato di diritto e... le manganellature mediatiche
  124. Minacce anche via sms
  125. Possibile interrogatorio per la Birindelli
  126. Abbiamo preso un buco...
  127. "Un grigio sistema inquinato di alleanze e potere"
  128. Marini: "Le accuse vanno provate"
  129. Rimpasto in giunta regionale più lontano
  130. Birindelli indagata, l'Ansa arriva dopo due giorni
  131. La Birindelli indagata per corruzione finisce sul Corriere della sera
  132. Una slavina sui piani alti della politica
  133. Birindelli: "Certa di poter dimostrare la mia totale estraneità"
  134. Concorso in tentata estorsione e corruzione, indagata Birindelli
  135. Tentata estorsione, un nuovo avviso di garanzia
  136. "Un bandito lo so' sempre stato, ma me so' sempre trattenuto..."
  137. "Quello me lo mangio come una caramella"
  138. Spuntano anche i reati di truffa e falso
  139. Piero Camilli? "L'ammazzasse qualcuno..."
  140. "Se si accerteranno reati, non stamperemo più quel giornale"
  141. Tentata estorsione, indagati due giornalisti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR