Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Consegnato al liceo Buratti il riconoscimento alla bontà intitolato allo studente scomparso nel 2015

Gaia Rita Iervolino vince il premio Centamore

Condividi la notizia:

Gaia Rita Iervolino riceve il premio Centamore

Gaia Rita Iervolino riceve il premio Centamore

Viterbo - Premio Centamore al liceo Buratti

Viterbo – Premio Centamore al liceo Buratti

Liceo Buratti - La preside Clara Vittori

Liceo Buratti – La preside Clara Vittori

Viterbo - Premio Centamore al liceo Buratti

Viterbo – Premio Centamore al liceo Buratti

Viterbo – Va a Gaia Rita Iervolino la terza edizione del premio alla bontà “Giuseppe Centamore” al liceo Mariano Buratti.

L’alunna ha ricevuto una targa e una busta con 200 euro dalle mani della preside, Clara Vittori, e dei coniugi Centamore, Salvatore e Paola, genitori dell’ex studente dell’istituto viterbese tragicamente annegato in una piscina nell’estate del 2015.

“Il vincitore di questo premio – ha spiegato la preside – non si distingue per meriti scolastici, ma per gesti e comportamenti che denotano una particolare bontà d’animo. Giuseppe aveva questa grande qualità e, con quest’iniziativa, ogni anno lo riportiamo tra noi”.

“Giuseppe è qui tutti i giorni – ha aggiunto la madre del giovane, senza nascondere la commozione – perché lui amava questa scuola. È bello premiare la bontà, perché la bontà è quello che rimane di noi, anche quando non siamo più presenti, come purtroppo succede con Giuseppe”.

“Ai ragazzi qui presenti – ha proseguito la signora Paola – dico di non perdere mai di vista i valori della cortesia, della tolleranza e della comprensione. A volte basta un piccolo gesto per migliorare la propria vita e quella delle persone che abbiamo accanto”.

Giuseppe Centamore è stato ricordato anche da un suo ex compagno di classe, che l’ha definito “un raggio di luce, una persona sempre allegra e spensierata, un esempio di come andavano affrontate le problematiche della vita”.

Al termine della premiazione, la famiglia Centamore ha consegnato alla preside un ulivo, per augurare pace e prosperità alla scuola.

Alessandro Castellani


Condividi la notizia:
7 dicembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR