--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Consegnato al liceo Buratti il riconoscimento alla bontà intitolato allo studente scomparso nel 2015

Gaia Rita Iervolino vince il premio Centamore

Gaia Rita Iervolino riceve il premio Centamore

Gaia Rita Iervolino riceve il premio Centamore

Viterbo - Premio Centamore al liceo Buratti

Viterbo – Premio Centamore al liceo Buratti

Liceo Buratti - La preside Clara Vittori

Liceo Buratti – La preside Clara Vittori

Viterbo - Premio Centamore al liceo Buratti

Viterbo – Premio Centamore al liceo Buratti

Viterbo – Va a Gaia Rita Iervolino la terza edizione del premio alla bontà “Giuseppe Centamore” al liceo Mariano Buratti.

L’alunna ha ricevuto una targa e una busta con 200 euro dalle mani della preside, Clara Vittori, e dei coniugi Centamore, Salvatore e Paola, genitori dell’ex studente dell’istituto viterbese tragicamente annegato in una piscina nell’estate del 2015.

“Il vincitore di questo premio – ha spiegato la preside – non si distingue per meriti scolastici, ma per gesti e comportamenti che denotano una particolare bontà d’animo. Giuseppe aveva questa grande qualità e, con quest’iniziativa, ogni anno lo riportiamo tra noi”.

“Giuseppe è qui tutti i giorni – ha aggiunto la madre del giovane, senza nascondere la commozione – perché lui amava questa scuola. È bello premiare la bontà, perché la bontà è quello che rimane di noi, anche quando non siamo più presenti, come purtroppo succede con Giuseppe”.

“Ai ragazzi qui presenti – ha proseguito la signora Paola – dico di non perdere mai di vista i valori della cortesia, della tolleranza e della comprensione. A volte basta un piccolo gesto per migliorare la propria vita e quella delle persone che abbiamo accanto”.

Giuseppe Centamore è stato ricordato anche da un suo ex compagno di classe, che l’ha definito “un raggio di luce, una persona sempre allegra e spensierata, un esempio di come andavano affrontate le problematiche della vita”.

Al termine della premiazione, la famiglia Centamore ha consegnato alla preside un ulivo, per augurare pace e prosperità alla scuola.

Alessandro Castellani

7 dicembre, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR