--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Sole 24 ore - I tagli proposti dal ministro Di Maio colpirebbero 259 assegni, per un totale di un milione e mezzo di euro

I pensionati d’oro della Tuscia tra i più ricchi d’Italia

di Alessandro Castellani
Condividi la notizia:

Pensioni d'oro - La mappa del Lazio

Pensioni d’oro – La mappa del Lazio

Viterbo – Sono solo 259, cioè lo 0,27% delle oltre 94mila totali, ma gli importi medi delle cosiddette “pensioni d’oro” nella Tuscia si collocano tra i più alti d’Italia.

Il Sole 24 ore ha effettuato uno studio su scala nazionale sui tagli proposti dal ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, che riguarderebbero gli assegni superiori ai 4500 euro mensili.

Ipotizzando una decurtazione degli importi dell’8%, in provincia di Viterbo il risparmio sarebbe di 1 milione e 500mila euro all’anno.

Valori che si collocano nella parte centrale della graduatoria, guidata dalle province del Nord e dalle tre grandi metropoli Milano, Roma e Torino. È proprio la città meneghina al vertice della classifica, con una percentuale di pensioni d’oro dell’1,61%, per un risparmio annuale di 87 milioni e 200mila euro. Fanalino di coda, invece, Vibo Valentia, con appena 52mila euro di tagli.

Il focus sul Lazio vede Viterbo al penultimo posto come percentuale di pensioni tagliate (peggio fa solo Frosinone, con lo 0,18%) e al terzo come denari risparmiati: fuori classifica Roma, con oltre 84 milioni, davanti alla Tuscia c’è anche Latina, con 2 milioni e 350mila euro.

I 259 pensionati d’oro del viterbese emergono, però, per gli importi medi che percepiscono. Con 6031 euro al mese, sono al quarto posto in tutta Italia, dietro solo a Roma, Siena e Sondrio. 

Un dato che stride fortemente con i 757,48 euro dell’importo medio di un assegno pensionistico “normale”: questo valore, infatti, colloca la Tuscia nella parte più povera del Paese e la rende la provincia con le pensioni più basse di tutto il Centro-Nord.

Lo studio del Sole 24 ore quantifica in circa 500 milioni i risparmi generati dai tagli ipotizzati da Di Maio su tutto il territorio nazionale. Cioè più o meno la metà del miliardo di euro annunciato dallo stesso ministro.

Alessandro Castellani


Condividi la notizia:
2 dicembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR