--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Corte d'assise - Sospetto terrorista - Si ispirava a Igor il Russo, il pluriomicida arrestato in Spagna

Illarionov voleva fare una strage di bambini, tra gli obbiettivi le scuole Tecchi e Egidi

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Il 24enne Denis Illarionov

Il 24enne Denis Illarionov

Viterbo - Polizia - L'arresto di Denis Illarionov - Le armi, gli ordigni e l'esplosivo sequestrati

Viterbo – Polizia – L’arresto di Denis Illarionov – Le armi, gli ordigni e l’esplosivo sequestrati

Viterbo - Polizia - L'arresto di Denis Illarionov - Le armi, gli ordigni e l'esplosivo sequestrati

Viterbo – Polizia – L’arresto di Denis Illarionov – Le armi, gli ordigni e l’esplosivo sequestrati

Viterbo – Aveva appena 20 anni nel dicembre 2014 quando, alla vigilia di Natale, ha comprato on line il suo primo chilo di nitrato di potassio per confezionare esplosivi.

Subito dopo l’attentato incendiario durante il trasporto della Macchina di Santa Rosa, il 9 settembre 2015, ne ha acquistati ben cinque chili.

In casa, lo scorso 12 marzo, quando il 24 enne Denis Illarionov è stato arrestato a Bagnaia, gliene hanno sequestrati tre chili e anche un paio di candelotti, poi disinnescati dagli artificieri, nonché armi da softair.

La “guerra per finta”, un hobby innocuo in confronto alle accuse di tentata strage contestata dalla Dda di Roma e attentato alla pubblica sicurezza di cui deve rispondere alla corte d’assise. 

Un’escalation preoccupante di cui si sono accorti, Oltreoceano, gli specialisti dell’Fbi indagando sul terrorismo internazionale. Non era terrorismo internazionale, ma prima che il fascicolo tornasse a Viterbo, Illarionov avrebbe fatto delle confidenze altamente incriminanti al compagno di cella di Mammagialla. 

Il 24enne gli avrebbe detto di avere individuato degli obiettivi da colpire, tra i quali le scuole Pietro Egidi e Bonaventura Tecchi di Viterbo. 

Secondo l’ordinanza del gip Francesco Rigato “aveva intenzione di fare una strage. Per dare dimostrazione a tutti della sua determinazione e che si ispirava a Igor il Russo, il noto omicida arrestato in Spagna” (“Avevo deciso di fare una strage di bambini”). 

Risale al 22 aprile 2017 la foto con la pistola postata su Instagram, con la scritta: “E’ ora di ammazzare i bambini dell’asilo”.

Il compagno di cella, il 5 maggio scorso, ha cercato tramite il suo difensore gli inquirenti, consegnando loro un foglietto manoscritto di Illarionov, con sopra un nome e un indirizzo. La polizia giudiziaria è così piombata a casa di un nordafricano, a caccia di armi, che però durante la perquisizione non sono state trovate. 

Lo stesso recluso, un italiano residente nell’hinterland romano, che era prossimo alla concessione degli arresti domiciliari, avrebbe quindi consegnato agli investigatori un alto foglio scritto a mano, questa volta di suo pugno, in cui avrebbe annotato delle confidenze fatte dal sospetto terrorista viterbese. Ci sarebbe una lista di nomi di asili e scuole elementari, tutti situati nel capoluogo.  

Il prezioso testimone, nel frattempo uscito dal carcere, avrebbe dovuto essere sentito durante l’udienza di martedì dalla corte d’assise. Ma in aula non si è presentato e la pm Chiara Capezzuto, sospettando che possa desiderare di sottrarsi all’incombenza, per il 20 dicembre ne ha già chiesto l’accompagnamento coattivo in tribunale. 

Che quel figlio nato in Lettonia e cresciuto in Italia, incollato al computer giorno e notte, avesse dei problemi se ne sarebbe accorta anche la madre. La difficile situazione del nucleo familiare sarebbe stata a conoscenza dei servizi sociali, del Sert e dell’Spdc della Asl. 

Una vita dura quella della donna, sposatasi una quindicina anni fa con un viterbese da cui però si era separata, così come è emersa dalle testimonianze dei poliziotti della Digos, sentiti in aula dalla corte d’assise durante l’udienza del 28 novembre. “A noi risulta che Illarionov non abbia mai lavorato, tranne un breve periodo. Viveva con la madre fino agli ultimi mesi prima dell’arresto. La donna poi si è trasferita in Germania per lavoro e lui è rimasto solo”, hanno spiegato gli investigatori. 

“La madre era alcolista e nel 2015 è finita al pronto soccorso di Belcolle, che poi l’ha inviata al Sert. Nel 2016 ha tentato il suicido in un bed&breakfast di Roma. E lo avrebbe rifatto anche di recente. A causa dei suoi gravissimi problemi economici, aveva chiesto aiuto ai servizi sociali del Comune di Viterbo. Poi si era rivolta al Servizio psichiatrico diagnosi e cura della Asl, lamentando difficoltà di relazione con il figlio. Le hanno chiesto di portarlo, ma lui non è mai andato con lei. Di sicuro però il figlio era una delle sue preoccupazioni”, hanno spiegato i poliziotti alla corte presieduta dal giudice Gaetano Mautone.

Silvana Cortignani

 


Condividi la notizia:
3 dicembre, 2018

Arrestato sospetto terrorista ... Gli articoli

  1. Bomba contro la macchina di Santa Rosa, Illarionov: "Chiedo scusa, non volevo fare una strage"
  2. Bomba contro la macchina di Santa Rosa, ridotta la pena a Illarionov
  3. "Illarionov non voleva fare stragi, ma non va premiato per il petardo lanciato contro la macchina di S. Rosa..."
  4. Bomba contro la macchina di Santa Rosa, Illarionov condannato a sei anni
  5. Bomba contro la macchina di Santa Rosa, processo al rush finale
  6. "Illarionov è totalmente sano di mente e non voleva diventare un foreign fighter"
  7. Tirò una bomba contro la macchina di santa Rosa, al via la perizia psichiatrica
  8. Bomba contro la macchina di S. Rosa, perizia psichiatrica per Illarionov
  9. Bomba contro la Macchina e strage di bimbi, chiesta perizia psichiatrica per Illarionov
  10. Denis Illarionov: "E' stato Ermanno Fieno a fornire gli indirizzi delle scuole"
  11. Illarionov denuncia per calunnia supertestimone
  12. "Potete vedere la bomba da casa, in diretta televisiva su vari canali"
  13. "Cazzo me ne fotte se sei stato al ginnasio, io mi sono stuprato Yara Gambirasio"
  14. Un criminologo analizzerà computer e smartphone del sospetto terrorista
  15. Lancia fumogeno a Santa Rosa, Illarionov davanti alla giuria popolare
  16. "Pronti a difenderci, per Illarionov processo in corte d'assise"
  17. Denis Illarionov, processo in corte d'assise
  18. "Avevo deciso di fare una strage di bambini"
  19. "Vado a scopa', poi tiro la bomba"
  20. Esplosivi e armi, Illarionov indagato per strage
  21. Attentato alla macchina di Santa Rosa, Illarionov è un fiume in piena
  22. Il lancio del fumogeno, gli sms agli amici e la fuga...
  23. Il sospetto terrorista Illarionov: "Putroppo non sono riuscito a fare una strage"
  24. Fumogeno contro la macchina di Santa Rosa, identificato il responsabile
  25. Prima visita della madre in carcere al figlio sospettato di terrorismo
  26. Mammagialla, Denis Illarionov aggredito dai detenuti
  27. Sospetto terrorista, il riesame si riserva
  28. "Illarionov potrebbe essere un terrorista"
  29. Illarionov, l'inchiesta al pool antiterrorismo
  30. "Non sono un terrorista e in aria non volevo far saltare nessuno"
  31. "Concentrato solo su attività criminali"
  32. "Mio figlio? Un ragazzo problematico e chiuso in se stesso"
  33. "Voleva attentare alla pubblica incolumità"
  34. "Un povero angelo caduto per gli infedeli"
  35. "Non si faceva notare, sennò che terrorista era..."
  36. "È ora di ammazzare i bambini dell'asilo"
  37. "È ora di ammazzare i bambini dell'asilo"
  38. Trovato con dell'esplosivo in casa, arrestato terrorista

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR