--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Indagano i carabinieri - De Caprio: "Avvertimento? Lo valuteranno il prefetto di Roma e gli esperti dell'Ucis"

Incendiata auto di fronte alla casa famiglia del Capitano Ultimo

Il colonnello Sergio De Caprio, meglio noto come "capitano Ultimo"

Il colonnello Sergio De Caprio, meglio noto come “capitano Ultimo”

Roma – Incendiata auto di fronte alla casa famiglia del Capitano Ultimo.

Nella notte tra il 17 e il 18 dicembre è stata data alle fiamme una macchina davanti alla falconeria del colonnello Sergio De Caprio, il Capitano Ultimo che catturà Totò Riina.

La falconeria si trova a ridosso della casa famiglia gestita dall’associazione volontari Capitano Ultimo che ospita nove minori con situazioni familiari difficoltose.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri che stanno indagando sul caso.

A De Caprio, che ha ricevuto numerose minacce da parte di Cosa Nostra dopo l’arresto di Riina, il 3 settembre è stata revocata la scorta per “mancanza di segnali di concreto pericolo”.

Si tratta di un avvertimento?

“Questo – ha dichiarato de Caprio – sicuramente lo valuteranno il prefetto di Roma Paola Basilone e gli esperti dell’Ucis che sanno leggere molto bene i segnali concreti di pericolo. Noi, invece, leggiamo chiaramente in quello che è successo un segnale di assenza di sicurezza per i cittadini”.  

18 dicembre, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR