Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Indagano i carabinieri - De Caprio: "Avvertimento? Lo valuteranno il prefetto di Roma e gli esperti dell'Ucis"

Incendiata auto di fronte alla casa famiglia del Capitano Ultimo

Condividi la notizia:

Il colonnello Sergio De Caprio, meglio noto come "capitano Ultimo"

Il colonnello Sergio De Caprio, meglio noto come “capitano Ultimo”

Roma – Incendiata auto di fronte alla casa famiglia del Capitano Ultimo.

Nella notte tra il 17 e il 18 dicembre è stata data alle fiamme una macchina davanti alla falconeria del colonnello Sergio De Caprio, il Capitano Ultimo che catturà Totò Riina.

La falconeria si trova a ridosso della casa famiglia gestita dall’associazione volontari Capitano Ultimo che ospita nove minori con situazioni familiari difficoltose.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri che stanno indagando sul caso.

A De Caprio, che ha ricevuto numerose minacce da parte di Cosa Nostra dopo l’arresto di Riina, il 3 settembre è stata revocata la scorta per “mancanza di segnali di concreto pericolo”.

Si tratta di un avvertimento?

“Questo – ha dichiarato de Caprio – sicuramente lo valuteranno il prefetto di Roma Paola Basilone e gli esperti dell’Ucis che sanno leggere molto bene i segnali concreti di pericolo. Noi, invece, leggiamo chiaramente in quello che è successo un segnale di assenza di sicurezza per i cittadini”.  


Condividi la notizia:
18 dicembre, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR