--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Dalla piccola frazione di Sant'Angelo un progetto che cambierà il volto della Tuscia - Protagonisti l'associazione Acas di Gianluca Chiovelli, il comune di Celleno, Chiara Frontini, la famiglia Costaguti di Roccalvecce e Civita di Bagnoregio

La Teverina diventerà il paese delle fiabe d’Europa

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:

Il murale di Alice a Sant'Angelo di Roccalvecce

Il murale di Alice a Sant’Angelo di Roccalvecce

Murales a Sant'Angelo di Roccalvecce

Murales a Sant’Angelo di Roccalvecce

Viterbo - Gianluca Chiovelli

Viterbo – Gianluca Chiovelli

Viterbo - Tina Loiodice

Viterbo – Tina Loiodice

Viterbo - Il murales dedicato a Civita di Bagnoregio

Viterbo – Il murales dedicato a Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio

Viterbo - Francesco Bigiotti e Chiara Frontini

Viterbo – Francesco Bigiotti e Chiara Frontini

Viterbo - Il sindaco di Celleno Marco Bianchi

Viterbo – Il sindaco di Celleno Marco Bianchi

Celleno - Il borgo fantasma

Celleno – Il borgo fantasma

Viterbo - Giovangiorgio Costaguti

Viterbo – Giovangiorgio Costaguti

Sant'Angelo di Roccalvecce

Sant’Angelo di Roccalvecce

Roccalvecce

Roccalvecce

Viterbo – Un paese delle meraviglie a nord di Viterbo. Il regno delle fiabe di Sant’Angelo, Celleno e Roccalvecce. Un quadrilatero della cultura con dentro anche Civita di Bagnoregio. Tre piccole realtà della Tuscia, più la città del sindaco Francesco Bigiotti, che hanno avuto l’audacia di credere ancora nelle favole. In un mondo dove tutti hanno smesso di sognare.

Il progetto ha per nome “Sant’Angelo, il paese delle fiabe”. Murales dipinti sulle case. Finora sono quasi una dozzina. L’obiettivo è superare i quaranta nei prossimi cinque anni. Lewis Carroll, Grimm, Collodi e Le petit prince de Saint-Exupéry. I racconti che hanno fatto addormentare generazioni di bambini nel corso dei secoli. Tra stregatti, bianconigli, burattini e capanne di marzapane. Lupi che si calano giù per il cammino e vecchiette che divorano i ragazzini. Trascinandoli via per i piedi.

A mettere in moto il progetto è stata l’associazione Acas del presidente Gianluca Chiovelli. A crederci Giovangiorgio Costaguti, rampollo di un’antica famiglia di banchieri romani, il sindaco di Celleno Marco Bianchi, il primo cittadino di Bagnoregio e infine la consigliera comunale Chiara Frontini. Perché Sant’Angelo fa frazione, di Viterbo. Assieme a Roccalvecce. Dove i Costaguti dalla seconda metà del seicento i Costaguti c’hanno un castello.

Due realtà spesso ai margini del comune in cui si trovano.

Tant’è vero che quando il presidente Chiovelli telefonò all’amministrazione di Viterbo per proporre il progetto dei murales, “rispose una persona – racconta il presidente dell’Acas – dicendomi: ‘ma lei è sicuro che Sant’Angelo fa parte del comune di Viterbo? Guardi che a noi non risulta’”. Chiovelli l’ha detto qualche giorno fa. All’atelier di Sergio Milioni in via San Bonaventura a Viterbo, dove la sua associazione ha presentato il dodicesimo murales commissionato da Bagnoregio a proprie spese e raffigurante Civita. 

“Da allora è passato un anno e mezzo”, ha precisato Chiovelli. E quelli di Sant’Angelo e Roccalvecce, e poi Celleno e adesso pure Bagnoregio e Chiara Frontini si sono mossi per conto loro. Con le loro forze e a spese proprie. Creando una sinergia d’intendi e progetti che sta mano mano configurando la zona della Teverina come zona a se stante della Tuscia. Quasi fosse un’altra provincia, con Civita di Bagnoregio capoluogo e capitale culturale e gli altri paesi a spalmare sul territorio turisti e identità. Quello che sta avvenendo da quelle parti non è soltanto un’operazione culturale, ma dentro un’operazione culturale che sta andando avanti da anni si sta configurando anche un nuovo soggetto sociale ed istituzionale. Che sta inoltre dando vita a vere e proprie infrastrutture di trasporto pubblico per collegare l’intera zona. 

Civita di Bagnoregio è il perno, l’asse portante. A valle, già a partire dal confine naturale segnato dai Calanchi, che più che una valle rassomiglia a un monte, sacro a tutti gli abitanti, un “paese delle fiabe” in versione magico mondo di Alice. In sintesi, un territorio nuovo e inesplorato che si sta configurando. Giocandosi la partita in modo del tutto singolare. Un modo che però sta dando a questa parte della Tuscia un volto esclusivo. Difficilmente riscontrabile altrove. La fase due del modello Civita messo in piedi da Bigiotti. Caratterizzare il territorio attorno, creando un circuito turistico con strutture e identità culturali, e non solo, ben salde. Basti pensare che Bigiotti dal luglio del 2019 avrà a disposizione anche una flotta di bus turistici che gireranno per buona parte della provincia. Nel frattempo Bagnoregio sarà diventato un borgo dipinto e i comuni attorno un parco culturale incentrato sui racconti di fiabe. Con Sant’Angelo, il castello dei Costaguti e il borgo fantasma di Celleno a fare da apripista.

Un’operazione culturale che ha portato due realtà culturali sotto l’orbita di Civita, agganciandole a Celleno. Bagnoregio che sta offrendo a questi posti il salto di qualità su un piatto d’argento. E i murales di Sant’Angelo non sono altro che l’inizio.  

“Le fiabe – ha detto Chiovelli – fanno parte del folklore europeo”. Ecco perché sui muri di Sant’Angelo ci sono personaggi di fiabe conosciuti da tutti. Perché rappresentare sui muri i racconti locali avrebbe avuto solo una valenza locale. “Le fiabe – ha proseguito Chiovelli – sono un deposito culturale che ha almeno due millenni di storia alle spalle. Dobbiamo solo lustrare ciò che c’è, rimettendolo in piedi nella sua forza primordiale. Questo significa dar vita a una forza attrattiva a livello continentale. Noi stiamo sottovalutando il territorio in cui viviamo e ci troviamo ad agire tutti i giorni. Quando vado a potare gli ulivi percorro sentieri medievali, strade che ci sono da sempre. Questa non è una ricchezza? Ma, soprattutto, ci possiamo veramente permettere di lasciare abbandonato questo patrimonio che tutti ci dovrebbero invidiare? A queste ricchezze noi non facciamo altro che aggiungere la forza culturale della fiaba. Un racconto comune a milioni di cittadini europei. Un unico progetto che riguarda la Tuscia”. 

Coinvolgendone gli abitanti. Puntando sulla partecipazione di tutti. Come stanno facendo a Sant’Angelo.  

“Volevo fare qualcosa che fosse accettato dagli abitanti – ha raccontato Tina Loiodice che ha dipinto il corpo principale murales a Sant’Angelo – La paura era quella di invadere uno spazio di tutti. E le scelte dovevano essere fatte attentamente. Proprio per creare un consenso forte attorno al nostro progetto. E la scelta è stata quella di ritrarre i bambini del posto nei personaggi dei murales. Il volto di Alice, il primo murales di Sant’Angelo, è di Ambra, una bambina di Sant’Angelo. I bambini sono gli artefici”. 

“Tutte queste forze – ha spiegato poi Giovangiorgio Costaguti – sono state messe in moto perché abbiamo scavato nel profondo di una terra che ha una ricchezza infinita. Il paese delle fiabe ha il compito di riattivare questa ricchezza. Chi verrà a vedere il mondo che stiamo creando, andrà poi a vedere il resto del patrimonio storico e naturalistico che lo caratterizza. Quello che faremo nei prossimi anni, questa unità di cultura, di arte e paesaggio, è mettere in gioco la Tuscia nel suo insieme. Creando un tessuto connettivo unico attorno alle realtà di Celleno, Roccalvecce, Sant’Angelo e Civita. Un territorio unito per poter mostrare al mondo la bellezza la sua bellezza”.   

Una realtà in atto. Con Celleno che ha già realizzato un sentiero dei Castelli e delle fiabe che unisce il borgo fantasma a Roccalvecce e Sant’Angelo.

“Questo progetto è forte – ha detto infine Chiara Frontini, che ha scelto il secondo murales di Sant’Angelo dedicato al Piccolo principe – perché nasce direttamente dai cittadini che sentivano la necessità di dare un’identità al proprio borgo. A Sant’Angelo hanno deciso i santangiolesi. Adesso dobbiamo fare squadra. Queste realtà devono essere messe in rete. Un brand territoriale, un attrattore per fare economia con il turismo”.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
25 dicembre, 2018

Reportage ... Gli articoli

  1. "Se c'è qualcosa da fare, le persone vengono in centro..."
  2. La guerra fredda sui muri della città dei papi
  3. A chi conviene la trasversale?
  4. "L'Ater è un'azienda sull'orlo del collasso"
  5. "Fabrizio Frizzi aveva il dono di saper abbracciare"
  6. La costituzione che il liceo classico ha dimenticato
  7. Il sole bacia la fiera dell'Annunziata
  8. "Giochiamo a cricket a Valle Faul per fare una cosa diversa nella vita"
  9. Riello, come nascondere la polvere sotto il tappeto
  10. "La ringraziamo a nome di tutta quanta la Chiesa"
  11. "Torneranno a cacciarci con la polizia..."
  12. "Terme ex Inps, sono stati già dati 20 mila euro per individuare l'advisor"
  13. "Case popolari, chiediamo di restare e pagare l'affitto in base al reddito"
  14. "Terme ex Inps, prima di chiuderle le hanno ristrutturate"
  15. "Quota 100 crea problemi senza risolverli"
  16. Pranzo del Purgatorio, oltre 500 anni di solidarietà e beneficienza
  17. Carnevale 2019, vince il Regno di madre natura
  18. "Via dei Pellegrini, gli alloggi verranno sistemati entro maggio"
  19. Le Terme ex Inps saccheggiate, devastate e abitate
  20. Parcheggio selvaggio in tutto il centro storico
  21. "Via dei Pellegrini, il comune non ha fatto i lavori e non ha regolarizzato gli assegnatari"
  22. Alieu Jallow torna in Gambia
  23. Viterbo saluta don Angelo Gargiuli
  24. Il Carnevale va a gonfie vele...
  25. Un uragano di carri, maschere e colori...
  26. Quel pasticciaccio brutto di via dei Pellegrini
  27. "Vivo in uno stanzone del comune senza acqua, bagno e riscaldamento..."
  28. Carri, gruppi mascherati e mille scintillanti colori
  29. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  30. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  31. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  32. Il Riello nel degrado
  33. "L'illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto"
  34. "Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione..."
  35. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  36. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  37. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  38. Strade colabrodo ovunque
  39. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  40. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  41. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  42. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  43. Cani e gatti contro il bullismo
  44. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  45. "Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24"
  46. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  47. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  48. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  49. Il collasso del centro storico
  50. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  51. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  52. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  53. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  54. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  55. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  56. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  57. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  58. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  59. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  60. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  61. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  62. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  63. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  64. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  65. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  66. Happy New Year
  67. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  68. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  69. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  70. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  71. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  72. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  73. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  74. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  75. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  76. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  77. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  78. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  79. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  80. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  81. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  82. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  83. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  84. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  85. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  86. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  87. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  88. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  89. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  90. La discarica di Cinelli vista dal drone
  91. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  92. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  93. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR