--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Spettacolo - Protagonista come narratore il docente dell'Unitus Saverio Senni

“Li ciorne che abiammo lasciato una storia” arriva a Roma

Saverio Senni

Saverio Senni

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – Dopo Mantova, Firenze, Perugia, Viterbo, Carloforte, Bologna e Gorizia, arriva anche a Roma “Li ciorne che abiammo lasciato una storia”, il reading teatrale sui Ragazzi del ’99 nella Grande guerra, che ha emozionato, divertito e commosso ogni pubblico che ha incontrato.

Lo spettacolo evoca una nota pagina della storia d’Italia che ha riguardato oltre 250mila ragazzi nati nel 1899, attraverso il racconto di uno di questi, Vincenzo Rabito, bracciante siciliano autore, sebbene “inafabeto” (come si è definito) di una monumentale e straordinaria memoria autobiografica, che ha vinto il prestigioso premio Pieve nel 2000 e che nel 2007 è stata pubblicata da Einaudi con il titolo di “Terra matta”, divenuto un inatteso successo editoriale.

Così l’ha recensita Andrea Camilleri: “Cinquant’anni di storia italiana patiti e raccontati con straordinaria forza narrativa. Un manuale di sopravvivenza involontario e miracoloso”.

La chiamata alle armi, l’addestramento, il fronte e le vicende dell’immediato dopoguerra echeggiano vive della forza del racconto di un protagonista autentico ed ingenuo, acuto e profondo. Vincenzo Rabito restituisce, con un linguaggio a dire poco originale e personale, una testimonianza della Grande guerra viva, forte e senza reticenze.

Il reading si sviluppa in una sorta di dialogo immaginario tra il narratore (Saverio Senni) e Vincenzo Rabito (Aldo Milea), la cui voce ripercorre ed evoca alcune delle pagine più drammatiche, commoventi, ironiche e profonde delle sue memorie di guerra.

Università della Tuscia

20 dicembre, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR