--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il prefetto Giovanni Bruno fa il punto sui richiedenti asilo nella Tuscia - Maggiori controlli alle strutture in vista del nuovo bando

“Migranti, flussi azzerati da mesi nella Tuscia”

Condividi la notizia:

Comune - Migranti - Il prefetto Bruno alla presentazione del progetto

Comune – Migranti – Il prefetto Bruno alla presentazione del progetto

Viterbo – (g.f.) – “Richiedenti asilo, flussi azzerati ormai da mesi nella Tuscia”. Nessun nuovo arrivo di migranti. È il prefetto Giovanni Bruno a spiegare come sia cambiata la situazione. Un quadro simile ad altre realtà italiane.

“A Viterbo i flussi sono azzerati – osserva Bruno – ormai da diversi mesi. Al massimo ci sono spostamenti da un centro all’altro, per adeguamenti o magari problemi a una struttura, che rendono necessario trovare sistemazioni diverse”.

L’occasione per fare il punto è la sottoscrizione della convenzione fra comune e una cooperativa che gestisce uno di questi centri e che ha avviato una sperimentazione di sei mesi per impiegare una sessantina di migranti in piccoli lavori di pulizia della città.

Situazione più tranquilla, tuttavia, alcuni operatori del settore in questi giorni hanno manifestato preoccupazione nel portare avanti il lavoro, dal momento che non si conoscono ancora i termini delle nuove gare.

“La scorsa settimana – rassicura il prefetto Bruno – sono stati convocati tutti i gestori in vista del bando europeo, per chiarire in che modo sarà strutturato il bando, una riunione organizzativa. È stato predisposto tutto, ma anche rispetto alle direttive, ci sono tempi tecnici”.

Verso le strutture d’accoglienza c’è maggiore attenzione da parte della prefettura. “Soprattutto alla salubrità dei luoghi destinati all’ospitalità – precisa Bruno – con il nuovo bando, la prima cosa sarà una visita da parte della commissione per i Cas, in modo da verificare la rispondenza con quanto dichiarato, prima di qualsiasi sottoscrizione”.

In passato le verifiche al momento della stipula erano documentali. Adesso si passa a controlli preventivi. Meglio di quelli successivi.


Condividi la notizia:
18 dicembre, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR