Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Il vicepremier pubblica sui social la falsa notizia della sua scomparsa circolata sul web: "Mi allungano la vita"

“È morto Matteo Salvini”, ma è una fake news

Condividi la notizia:

La falsa notizia della morte di Matteo Salvini

La falsa notizia della morte di Matteo Salvini

Roma – “Ultim’ora. Matteo Salvini morto sul colpo. Nuovo lutto nel mondo della politica”. Ma è l’ennesima fake news.

Un sito che imita il quotidiano torinese La Stampa ha lanciato in homepage lo “strillo” della presunta morte del vicepremier e ministro dell’Interno. Con tanto di foto dell’incidente stradale che gli sarebbe costato la vita.

La notizia, com’è comprensibile, ha cominciato a circolare all’impazzata sul web, costringendo il diretto interessato alla smentita.

Con un post sui social, Salvini ha condiviso la schermata della fake news bollata con una grossa scritta “falso” in rosso, confermando così di stare bene. “Adesso scherzano pure sulla mia morte – ha scritto – roba da matti! Mi allungano la vita, rispondo col sorriso”.

Il deputato di Forza Italia Gianfranco Rotondi ha definito “gravissimo” l’episodio. “Salvini ha figli adolescenti come me – ha detto – e so cosa significa l’impatto di una notizia del genere su un bambino che ha il papà lontano. I responsabili vanno perseguiti senza sconti e colgo l’occasione per porre l’esigenza di una regolamentazione della rete. Piaccia o no, i nostri figli si formano sulla rete e non possiamo consentire che essa resti il pascolo della barbarie”.


Condividi la notizia:
31 dicembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR