--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Sabato 8 dicembre l'escursione con partenza dalla Rocca dei Papi

Pellegrini per un giorno sua via Francigena da Montefiascone a Viterbo

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Montefiascone - Via Francigena

Montefiascone – Via Francigena

Montefiascone – Riceviamo e pubblichiamo – Pellegrini per un giorno sull’antica via Francigena.

Da quando nel X secolo il vescovo Sinergico partì da Canterbury per Roma e nel suo viaggio di ritorno elenca, nel suo diario, le 80 tappe del suo cammino su quella che poi fu chiamata la via Francigena, molti secoli sono passati così come milioni di pellegrini l’ hanno attraversata.

L’appellativo di Francigena deriva dall’essere una via di collegamento verso l’oltralpe. I pellegrini arrivavano dalla Francia, dalla via Tolosana che portava a Santiago di Compostela e dal Nord Europa. La Francigena si posizionava centralmente nel traffico delle tre peregrinationes maiores: Roma, Santiago, Gerusalemme.

La fitta rete di strade che costituiscono quella che viene definita via Francigena” non sono sempre le migliori o le più belle, a volte sono asfaltate e pericolose.

Anche noi ci ripromettiamo di percorrerne alcuni tratti anzi delle “tappe” scegliendo nel percorso laziale, quelle più belle e suggestive.

Il tratto che percorriamo è quello che collega Montefiascone a Viterbo. Di questo però ne facciamo solo la prima parte, tralasciando il tratto finale che porta a Viterbo in quanto è su strada asfaltata.

Partiamo dalla Rocca dei Papi a Montefiascone, un luogo dove si ritrovavano i pellegrini prima di affrontare la tratta della Francigena. Nonostante sia stata danneggiata nel corso del tempo, è incredibile ancora la sua maestosità e ci fa rendere l’idea dell’importanza storica che ebbe in passato. La sua storia è legata alle vicende di vari pontefici quando le invasioni da parte dei normanni e saraceni erano frequenti e molti dei pontefici furono costretti alla fuga da Roma. Si vennero così a creare le condizioni per realizzare la fortezza, con alte mura difensive, all’interno delle quali si riversarono anche gli abitanti delle campagne.

La rocca fa da cornice al paesaggio immenso che si apre di fronte a noi sul lago di Bolsena di cui ne possiamo ammirare l’ampiezza con le due isole, Bisentina e Martana.

Appena fuori del paese ci ritroviamo a camminare su lunghi tratti di basolato dell’antica via Cassia giunta a noi integra e che conserva le caratteristiche costruttive di epoca romana. E’ larga circa 4 metri e il selciato è posto in opera direttamente su terreno battuto. A volte sono visibili i marciapiedi e i paracarri.

Un passo del poeta Stazio che celebra  la realizzazione della via Domitiana in Campania ci danno una idea del lavoro svolto . “Oh quante braccia insieme vi  lavorano! Questi abbattono gli alberi e spogliano le montagne, questi con il ferro spianano le sporgenze della roccia e piallano il legname, quelli dispongono le pietre in modo da farle aderire fra loro e ricoprono tutto il lavoro così intessuto con calce e comune pozzolana, questi prosciugano con le mani gli spazi i vuoti imbevutosi d’acqua e la spingono lontana in piccoli rivi”.

Anche noi come tanti pellegrini percorreremo questa strada levigando ancora, con i nostri passi, l’antico basolato fino a raggiungere l’Azienda Agricola Monte Jugo  dove potremmo acquistare i formaggi con latte di capra.

Durata 3 ore. Lunghezza del percorso 7 chilometri. Difficoltà facile. Dislivello 120 metri. Appuntamento a sabato 8 dicembre, alle 9,30 all’azienda agricola Monte Jugo.

Antico Presente


Condividi la notizia:
3 dicembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR