Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Anche tu redattore - Viterbo - La segnalazione di Maurizio Cecchini

“Piazza del Comune, anche la polizia locale in sosta selvaggia”

Condividi la notizia:

Viterbo - Le auto in sosta a piazza del Plebiscito

Viterbo – Le auto in sosta a piazza del Plebiscito

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – “Piazza del Comune, anche la polizia locale in sosta selvaggia”.

Il 28 dicembre, arrivato verso le 11,05 con la mia autovettura a piazza del Plebiscito, in considerazione che sulla stessa erano in sosta almeno una quindicina di auto, pur sapendo che la sosta non è consentita, chiedevo con estrema gentilezza a un vigile della polizia locale se fosse stato possibile parcheggiare realmente solo due minuti per poter consegnare un tappeto in un negozio sito all’inizio di via San Lorenzo.

Questi mi rispondeva seccato e in modo estremamente sgarbato nonché con tono improprio che dovevo andare a parcheggiare altrove e tornare a piedi.

Torno a ripetere che non avevo nessun diritto di fare la richiesta in quanto lì vige il divieto di sosta ma non mi sembra neanche corretto essere così corrisposto.

Sono andato quindi a parcheggiare la mia autovettura in area prevista e a pagamento. Tornando a piedi mi sono avvicinato al suddetto vigile dicendogli sempre con la massima educazione che avrebbe potuto e dovuto essere quantomeno più gentile nel modo di rispondere. Lui esordisce con un “Tanto avete sempre ragione voi”. Non ho parole!

A questo punto mi sono permesso solo di fargli notare che, nelle circostanze specifiche, per legge, neanche lui avrebbe potuto parcheggiare l’auto di servizio sulla piazza. Alquanto seccato si allontanava disquisendo con un suo collega sul tempo trascorso dall’inizio del parcheggio di un’altra auto senza elevare sanzione alcuna (ma su questo non spetta a me sindacare).

Ora, a parte qualsiasi sterile, facile e inutile polemica volevo porre all’attenzione di tutti, e dico tutti, compreso chi ha il compito di accertare sul corretto operato della nostra polizia locale, che l’articolo 177 al comma 2 recita: “I conducenti dei veicoli di cui al comma 1 (ndr. ossia degli autoveicoli e dei motoveicoli adibiti a servizi di polizia o antincendio, di protezione civile e delle autoambulanze) nell’espletamento di servizi urgenti di istituto, qualora usino congiuntamente il dispositivo acustico supplementare di allarme e quello di segnalazione visiva a luce lampeggiante blu, non sono tenuti a osservare gli obblighi, i divieti e le limitazioni relativi alla circolazione, le prescrizioni della segnaletica stradale e le norme di comportamento in genere, ad eccezione delle segnalazioni degli agenti del traffico e nel rispetto comunque delle regole di comune prudenza e diligenza”.

Quindi l’autovettura di servizio della polizia locale, non avendo in uso congiuntamente e neanche separatamente il dispositivo acustico supplementare di allarme e quello di segnalazione visiva a luce lampeggiante blu, non poteva parcheggiare sulla piazza. La legge lo dice, non io.

Questo forse è stato solo uno sfogo e non ho alcun risentimento o preconcetto verso i nostri vigili che in questi giorni saranno certamente stressati dal gran carico di lavoro, ma vorrei almeno ricevere un cenno di riscontro su quanto da me rappresentato.

Auguro un buon anno nuovo a tutti anche sperando che questo codice della strada venga davvero rispettato soprattutto da chi è anche preposto a verificarne il rispetto.

Maurizio Cecchini


Anche tu redattore – le segnalazioni dei lettori

Chiediamo a tutti i lettori di segnalare ogni situazione interessante giornalisticamente.

Un ingorgo nel traffico, una festa, una sagra, un incidente, un incendio o qualsiasi situazione che secondo voi merita attenzione a Viterbo e in tutta la Tuscia. Basta azionare il telefonino, fotografare e scrivere due righe con nome e cognome inviandole alla redazione, specificando se si vuole essere citati nell’articolo e/o come autori delle foto, e far riferimento all’iniziativa “Anche tu redattore”. In ogni caso va inserito un proprio contatto telefonico (preferibilmente cellulare) che, ovviamente, non sarà reso pubblico. Le foto e i video devono essere realizzate da chi fa la segnalazione. 

Puoi inviare foto, video e segnalazioni a redazione@tusciaweb.it. In questo caso i testi vanno inviati in allegato in word.

Puoi anche usare WhatsApp con questo numero 338/7796471 senza nessun costo.

Insieme potremo fare un giornale sempre più efficace e potente al servizio dei cittadini della Tuscia. I materiali inviati non vengono restituiti e divengono di proprietà della testata.

Tutti i materiali inviati alla redazione, attraverso qualsiasi forma e modalità, si intendono utilizzabili in ogni forma e modo e pubblicabili. I materiali non vengono restituiti. Le foto verranno marchiate con “Tusciaweb copyright”.


Condividi la notizia:
28 dicembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR