--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Milano - Il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, durante il “faccia a faccia” con Salvatore Poloni, presidente del Casl Abi

“Saremo sempre contrari al salario a due velocità”

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

 

Lando Maria Sileoni

Lando Maria Sileoni

Milano - I 70 anni della Fabi

Milano – I 70 anni della Fabi

Milano - I 70 anni della Fabi

Milano – I 70 anni della Fabi

Milano – (s.c.) – Si è conclusa ieri, mercoledì 5 dicembre, a Milano la tornata di tre giorni di lavori che da lunedì scorso vede riuniti circa duemila delegati sindacali provenienti da tutta Italia in occasione dei festeggiamenti per i 70 anni di vita della Fabi e per lo svolgimento del 124° Consiglio nazionale di questa organizzazione.

I lavori sono terminati, in tarda mattinata, con la mozione conclusiva del 124° Consiglio Nazionale e con le approvazioni dei diversi ordini del giorno.

Nell’enorme sala riunioni del Crowne Plaza Linate di San Donato Milanese, la Fabi, il sindacato più rappresentativo dei bancari, si è confrontata sulla difesa dell’area contrattuale, sul recupero salariale e sul rilancio dell’occupazione in vista del rinnovo del contratto nazionale di lavoro che scadrà a fine dicembre. Molto partecipata la replica finale del segretario generale.

“Saremo sempre contrari al salario a due velocità”, ha detto il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, durante il “faccia a faccia” con Salvatore Poloni, presidente del Casl Abi. 

Voci di corridoio dei banchieri ipotizzano una parte di salario fisso e una parte legato ai risultati commerciali raggiunti.

Anche le pressioni commerciali al centro dei dibattiti e degli interventi dei numerosi presenti: “Molte banche disattendono l’accordo che abbiamo firmato in Abi a febbraio 2017 – ha sottolineato Sileoni aggiungendo che – il 12 dicembre è previsto un incontro in Abi, mi auguro che ci venga data una risposta chiara: deve cessare la pressione sui dipendenti per vendere prodotti finanziari rischiosi”.

Nel corso dei lavori si è discusso anche di giovani. “Il fondo per la nuova occupazione ci ha permesso di assumere a tempo indeterminato 20.000 giovani – ha concluso Sileoni – ma, come abbiamo già dichiarato, ora è il momento di recuperare il gap salariale d’ingresso.

Nuove assunzioni stabili ci sono, ma non si può lasciare indietro chi rappresenterà il futuro. Le banche sono tornate a fare utili, i lavoratori hanno già pagato, ora è tempo di recuperare la redditività”.

6 dicembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR