--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Il ricorso di Gianluca Iannone sarà discusso il prossimo 19 febbraio - L'aggressione è avvenuta durante Caffeina a San Pellegrino

“Schiaffo futurista” a Filppo Rossi, il leader di Casapound ricorre contro la condanna

Gianluca Iannone, leader nazionale di Casapound

Gianluca Iannone, leader nazionale di Casapound

Tribunale - Filippo Rossi con l'avvocato Giacomo Barelli

Tribunale – Filippo Rossi con l’avvocato Giacomo Barelli

Viterbo – Prosegue il duello Iannone-Rossi, ma il motociclismo non c’entra. Protagonisti il leader di Casapound Gianluca Iannone e il direttore artistico di Caffeina, Filippo Rossi. 

La vicenda è sempre quella del pugno sferrato a Rossi la sera del 14 luglio 2012 a San Pellegrino, mentre era in corso Caffeina, da Iannone, che per questo è stato condannato lo scorso 15 maggio, al termine di un lungo processo, a una multa di 800 euro e a una provvisionale di 1500 euro.

Ebbene, il leader di Casapound ha presentato ricorso contro la sentenza del giudice di pace Alessandro Mandolini e l’appello è stato fissato per il prossimo 19 febbraio davanti al giudice monocratico Gaetano Mautone. 

L’imputato, che ha sempre dato una valenza metafisica all’aggressione, ha sempre sostenuto la tesi dello “schiaffo futurista”, anche se la vittima ne è uscita con un occhio nero. 

Condannato per le lesioni, Iannone è stato assolto dall’accusa di ingiurie, per avere dato del “traditore” a Rossi, in quanto le ingiurie non sono più previste dalla legge come reato. E’ stato invece assolto l’altro imputato, un attivista del movimento, che secondo l’accusa avrebbe sferrato un calcio a Rossi, quando era stato già atterrato da Iannone. 

Iannone non ha mai presenziato al processo. Rossi invece è stato sentito per la prima volta in aula durante l’ultima udienza del processo, il 15 maggio, quando ha raccontato la dinamica dell’aggressione (“Mi ha dato del traditore e sferrato un pugno”) spiegando come, secondo lui, fosse politico il movente dell’aggressione: “Vengo da un’esperienza di giornalismo di destra, durante la quale ho fatto delle critiche all’estrema destra italiana. Non c’è stato un allontanamento, perché non c’era mai stato un avvicinamento – ha sottolineato – ma le mie polemiche contro l’estrema destra sono pubblicate ovunque”. 

“Iannone ci ha fatto sapere cosa pensa dell’articolo 21 della costituzione, dicendo che feriscono più la parola e la penna che un occhio nero – il commento a caldo del difensore di parte civile Giacomo Barelli – ebbene l’articolo 21 della costituzione sancisce la libertà di pensiero, di parola e di scrittura. Penna e parola sono legittime per esprimere, anche con forza, la propria diversità di opinioni. Fare un occhio nero, no”. 

Silvana Cortignani

5 dicembre, 2018

Aggressione a Filippo Rossi ... Gli articoli

  1. Fu un pugno futurista, condannato il leader di Casapound
  2. "Le minacce di Iannone? Non mi fanno paura"
  3. "Sconcertati, tuteleremo l'incolumità di Rossi"
  4. "Rossi sarebbe da schiaffeggiare di nuovo..."
  5. Schiaffone futurista, santa Rosa fa il miracolo
  6. "Quante storie per uno schiaffone futurista"
  7. "Schiaffone futurista? Non ricordo..."
  8. "Persone vestite di nero venivano da via San Lorenzo..."
  9. Schiaffone futurista a Filippo Rossi, continua il processo
  10. "Filippo ha vacillato ed è caduto..."
  11. Aggressione a Filippo Rossi, al via il processo
  12. Aggressione a Filippo Rossi, Iannone a giudizio
  13. "A Casa Pound nessuno spazio gratuito dal Comune"
  14. Il Comune vieti ogni spazio pubblico a CasaPound
  15. "Esiste anche la violenza delle parole"
  16. "Un'aggressione che lascia un segno"
  17. Il digrigno di chi aggredisce...
  18. Fnsi: "Rossi paga il prezzo di un percorso professionale originale"
  19. Scolamiero: "Rammaricata per questo grave episodio"
  20. Tofani: "Gesto inqualificabile e ingiustificabile"
  21. Consulta provinciale studentesca: "Isolate CasaPound"
  22. Miralli: "Siamo indignati"
  23. Merlani: "Un'azione da condannare senza appello"
  24. Giovane Italia, Udc giovani e Gd: "Deplorevole raid intimidatorio"
  25. Anselmi: "I violenti restino fuori"
  26. Giovani democratici: "La città si fermi per un'ora"
  27. Arci: "Basta sostegno a CasaPound"
  28. I lettori vicini a Filippo Rossi
  29. Sposetti: "Servivano più controlli"
  30. Gli organizzatori: "Caffeina non si ferma"
  31. Mancini: "I responsabili vanno perseguiti e puniti"
  32. Aggressione a Filippo Rossi, indaga la Procura
  33. Torricelli: "Condanniamo con forza quanto accaduto"
  34. Giovani comunisti: "Ora le istituzioni ne prendano atto"
  35. Gasbarra: "La politica condanni questa violenza"
  36. Salatto: "Un gesto di disperazione"
  37. Fortuna: "Per loro un suicidio politico"
  38. Iannone: "Solo uno schiaffone futurista"
  39. Egidi: "Queste non sono ragazzate"
  40. Santini: "Un'azione inqualificabile"
  41. Parroncini: "Le istituzioni isolino Casa Pound”
  42. "Sei un traditore"
  43. Polverini: "Una violenza ingiustificabile"
  44. Barelli: "Adesso aggrediteci tutti"
  45. Futuro Tuscia: "Un vile e inutile gesto"
  46. Fli: "Un atto barbaro e violento"
  47. Filippo Rossi vittima di una aggressione squadrista

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR