--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bomarzo - Si parte sabato 15 alle 21 con lo spettacolo teatrale “Sorry Hamlet. Scusate sono in ritardo” a palazzo Orsini

Un weekend tra arte, cultura, musica e teatro

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Bomarzo

Bomarzo

Bomarzo – A Bomarzo, nel piccolo borgo della Tuscia ci si preparar a vivere un fine settimana ricco di eventi e di appuntamenti. Nella bellissima sala degli affreschi di palazzo Orsini sabato 15 alle 21 ci sarà lo spettacolo teatrale “Sorry Hamlet. Scusate sono in ritardo”, a cura di Micaela Marziantonio con Cesare Ceccolongo, giovane attore bomarzese, e Giulia Celletti.

Si tratta di una delle opere teatrali più rappresentate al mondo che, come in questo caso, è stata riscritta e realizzata a partire da nuovi punti di vista. Sorry Hamlet infatti è un’analisi lucida e divertente dell’Amleto, volta a sbrogliare l’intricata matassa della trama shakespeariana. In scena un attore frettoloso e il fantasma dell’autore in vesti femminili che raccontano e rivivono quando in modo serio, quando giocoso, la storia di Amleto.

L’autrice del testo, Micaela Marziantonio, scuce e ricuce in versi e a suo modo il testo, seguendo l’esigenza di portarlo in scena in modo che possa essere comprensibile per tutti, per far conoscere il più famoso principe di Danimarca a prescindere dal ben noto monologo per cui la maggior parte delle persone lo ricorda “essere o non essere”

Domenica 16 ben tre gli appuntamenti in programma, si inizia la giornata con un’interessante escursione nella riserva naturale di Montecasoli, stupenda area naturalistica che si estende attualmente per 285 ettari. La passeggiata sarà a cura di Archeoparco (per info: 339/5816050).

Nel pomeriggio palazzo Orsini accoglierà Antonio Guidi, che presenterà il suo libro “Con gli occhi di un burattino di legno”. Ripercorrendo la straordinaria vita di un uomo che ha lottato e ha vinto le sue battaglie, Con gli occhi di un burattino di legnoracconta tra le righe settant’anni di storia italiana visti attraverso lo sguardo particolare di uno spettatore fuori dal comune.
Dall’immediato dopoguerra al governo Berlusconi, dal palco di Woodstock ai campi profughi del Libano, dall’incontro con Franco Basaglia agli affettuosi scappellotti del grande papa Wojtyla, Antonio Guidi ci prenderà per mano e ci accompagnerà, con una trascinante gioia di vivere e un pizzico di malinconia, su una strada che credevamo di conoscere, ma che d’ora in avanti non potremo più guardare con gli stessi occhi. Il suo destino, segnato da una disabilità molto grave per quegli anni, non lo scoraggia mai.

Uomo dotato di grande sensibilità eppure tenace, combattivo in ogni suo tentativo di farsi capire, in una lotta personale e quotidiana con i suoi arti legnosi e incontrollabili che lo fanno sentire un burattino impacciato. Questo libro è un’autobiografia che tocca il cuore, una storia privata da condividere per comprenderne l’unicità. L’esperienza di un uomo dal volto noto per i media, politico, docente, che sceglie di fare il medico “per cercare di essere meno fesso dei medici che l’hanno curato”.

È il racconto di una lotta fisiologica all’impegno civile, spinta dalla costante necessità di avere l’opportunità di sapere quello che si è in un mondo pieno di barriere.“Vivere è sempre un po’ eroico”. Per tutti è così. Per un disabile lo è di più, “perché essere disabili non è bello, dura troppo”, queste le parole di Antonio Guidi.

Il pomeriggio di domenica 16 si concluderà con il Concerto di Nataleorganizzato dal Comitato Festeggiamenti San Anselmo di Bomarzo “Viaggio natalizio attraverso le diverse sonorità musicali”. Il concerto, a cura del Liceo musicale Santa Rosa da Viterbo, avrà luogo nel Duomo di Bomarzo alle ore 18. Ingresso Libero.

Saranno presenti l’orchestra di fiati del Liceo Musicale Santa Rosa, diretta dal prof. Armando D’Eugenio, l’ensemble di flauti diretta dal prof. Combò Donato Salvatore, il coro diretto dalla professoressa Antonella Bernardi, i Gruppi strumentali di musica da camera diretti dal prof. Bottiglioni Giorgio e gli alunni della classe di chitarra del liceo musicale S. Rosa da Viterbo seguiti dal prof. Di paolo Valerio.

Insomma un fine settimana da non perdere non solo per conoscere un territorio meraviglioso, un angolo nascosto della Tuscia, ma anche per vivere momenti piacevoli tra arte, teatro, musica e cultura.


Condividi la notizia:
14 dicembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR