--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La segretaria regionale della Uil Silvia Somigli interviene a difesa della maestra che ha sostituito il nome di Gesù con "laggiù" e afferma: "Il vicario del vescovo pensi ai problemi della diocesi, non alla scuola laica e antifascista"

“Un’aggressione mediatica senza precedenti”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

La segretaria della Uil scuola-Rua Silvia Somigli

La segretaria della Uil scuola-Rua Silvia Somigli

Tuscania - Nella poesia di Natale "Gesù" diventa "laggiù"

Tuscania – Nella poesia di Natale “Gesù” diventa “laggiù”

Matteo Salvini

Matteo Salvini

Viterbo - Don Luigi Fabbri

Viterbo – Don Luigi Fabbri

Viterbo – “Un’aggressione mediatica senza precedenti. La critica è un conto, l’aggressione mediatica un’altro. È intervenuto persino il ministro dell’interno. Come se si trattasse di un problema di ordine pubblico. Fatto sta che una maestra e una donna è stata di nuovo messa all’indice”. La segretaria della Uil scuola di Viterbo, Silvia Somigli, difende la maestra dell’istituto comprensivo Ridolfi di Tuscania che nei giorni scorsi aveva sostituito il nome Gesù con la parola “laggiù” in una poesia di Natale. “Per ragioni di inclusione – ha evidenziato Somigli –. Come è dovere di un’insegnante in una società complessa e multietnica come la nostra. Ma forse il problema è proprio questo. L’inclusione. Un’idea che ormai non è più tollerata”.

“Così come non è più tollerata – prosegue Somigli – la libertà d’insegnamento che prevede anche che un docente possa scegliere come impostare la didattica a seconda delle circostanze. E considerando l’aggressione subita dal giovane arbitro domenica scorsa penso che la scuola abbia il dovere di procedere in questa direzione. Senza se e senza ma. E senza che nessuno si scandalizzi o ministri di polizia intervengano così brutalmente”.

E non è un problema religioso. “Io stessa sono cattolica – ha detto Somigli –. Cattolica praticante. La scuola però è laica, repubblicana, democratica e antifascista. Come la costituzione di cui è figlia. Questo non ce lo dobbiamo mai dimenticare. Un valore che dobbiamo difendere, a tutti i costi. Prima che sia troppo tardi. Accettare l’aggressione subita dalla maestra, significa accettare una scuola dove le direttive le danno i ministri dell’interno. E questo, nella libera scuola della costituzione, non è tollerabile”.

Occorre svegliare le coscienze. “Quello che è successo alla maestra, e al giovane arbitro – commenta la segretaria regionale della scuola – è il segno dei tempi e degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Chi è fuori dal coro o chi è diverso non viene più soltanto sbeffeggiato. Chi è fuori dal coro o chi è diverso oggi viene aggredito. Per ora sui social network e sulla stampa. Ma, con l’aria che tira, il salto verso l’aggressione vera e propria è dietro l’angolo. Stare a guardare significa solo essere complici”.

Tra gli interventi contro la maestra di Tuscania, c’è anche quello del vicario del vescovo don Luigi Fabbri. “Ripeto – spiega Somigli –, sono cattolica. Non solo per nascita, ma anche per scelta. Tuttavia, il vicario non ha alcun diritto di intervenire nelle questioni riguardanti la scuola pubblica. Si preoccupasse della diocesi e delle sue problematiche interne. Se l’avverbio ‘laggiù’ al posto di Gesù offende la Chiesa, allora la mostra di un faraone dell’antico Egitto dentro palazzo dei papi dovrebbe inorridirla. Così come tanti altri eventi che si sono svolti in piazza San Lorenzo. Due pesi e due misure. Soprattutto quando si tratta di deboli e di donne. Fermo restando che il mio è solo un esempio e che Caffeina fa bene a fare quello che fa nell’interesse della città e del suo sviluppo turistico. Ma don Luigi farebbe bene a rivedere i suoi canoni di giudizio. Un po’ troppo fuori luogo”.

Che fare quindi? “Innanzitutto esprimere solidarietà alla maestra – dice Somigli –, perché vi posso assicurare che, dopo quello che è successo, la sua vita è cambiata. E chi pensa che, comunque sia, abbia fatto un errore, si sbaglia di grosso. Ha esercitato un suo specifico diritto-dovere. Le scelte si possono criticare. Ma quanto avvenuto non è critica, ma un’aggressione mediatica che, vista la sproporzione di forze in campo, costringe all’angolo e toglie il respiro mettendo in una condizione emotiva nient’affatto semplice”.

La seconda cosa da fare è infine “mobilitarsi tutti. In difesa della scuola pubblica e dei valori che la caratterizzano. Dicendo che nessun ministro dell’interno, nessun sindaco, nessun onorevole e nessun prete devono permettersi di intervenire in questo modo. Fondamentale che tutte le forze democratiche facciano sentire la loro voce, intervengano apertamente su questa questione. Provando a mettere un freno. Prima che sia troppo tardi”.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
18 dicembre, 2018

Reportage ... Gli articoli

  1. "Se c'è qualcosa da fare, le persone vengono in centro..."
  2. La guerra fredda sui muri della città dei papi
  3. A chi conviene la trasversale?
  4. "L'Ater è un'azienda sull'orlo del collasso"
  5. "Fabrizio Frizzi aveva il dono di saper abbracciare"
  6. La costituzione che il liceo classico ha dimenticato
  7. Il sole bacia la fiera dell'Annunziata
  8. "Giochiamo a cricket a Valle Faul per fare una cosa diversa nella vita"
  9. Riello, come nascondere la polvere sotto il tappeto
  10. "La ringraziamo a nome di tutta quanta la Chiesa"
  11. "Torneranno a cacciarci con la polizia..."
  12. "Terme ex Inps, sono stati già dati 20 mila euro per individuare l'advisor"
  13. "Case popolari, chiediamo di restare e pagare l'affitto in base al reddito"
  14. "Terme ex Inps, prima di chiuderle le hanno ristrutturate"
  15. "Quota 100 crea problemi senza risolverli"
  16. Pranzo del Purgatorio, oltre 500 anni di solidarietà e beneficienza
  17. Carnevale 2019, vince il Regno di madre natura
  18. "Via dei Pellegrini, gli alloggi verranno sistemati entro maggio"
  19. Le Terme ex Inps saccheggiate, devastate e abitate
  20. Parcheggio selvaggio in tutto il centro storico
  21. "Via dei Pellegrini, il comune non ha fatto i lavori e non ha regolarizzato gli assegnatari"
  22. Alieu Jallow torna in Gambia
  23. Viterbo saluta don Angelo Gargiuli
  24. Il Carnevale va a gonfie vele...
  25. Un uragano di carri, maschere e colori...
  26. Quel pasticciaccio brutto di via dei Pellegrini
  27. "Vivo in uno stanzone del comune senza acqua, bagno e riscaldamento..."
  28. Carri, gruppi mascherati e mille scintillanti colori
  29. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  30. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  31. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  32. Il Riello nel degrado
  33. "L'illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto"
  34. "Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione..."
  35. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  36. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  37. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  38. Strade colabrodo ovunque
  39. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  40. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  41. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  42. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  43. Cani e gatti contro il bullismo
  44. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  45. "Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24"
  46. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  47. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  48. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  49. Il collasso del centro storico
  50. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  51. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  52. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  53. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  54. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  55. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  56. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  57. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  58. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  59. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  60. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  61. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  62. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  63. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  64. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  65. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  66. Happy New Year
  67. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  68. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  69. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  70. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  71. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  72. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  73. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  74. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  75. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  76. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  77. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  78. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  79. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  80. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  81. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  82. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  83. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  84. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  85. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  86. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  87. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  88. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  89. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  90. La discarica di Cinelli vista dal drone
  91. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  92. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  93. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR