Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bilanci 2018 - Intervista al comandante dei vigili del fuoco Emanuele Pianese: "Criticano il mio essere 'manager' ma così ho ottenuto risultati per tutti"

“15 nuovi pompieri, ripresa dei lavori alla caserma e un progetto con l’Aves”

di Francesca Buzzi
Condividi la notizia:

Il comandante provinciale dei vigili del fuoco Emanuele Pianese

Il comandante provinciale dei vigili del fuoco Emanuele Pianese

Il comandante provinciale dei vigili del fuoco Emanuele Pianese

Il comandante provinciale dei vigili del fuoco Emanuele Pianese

Il comandante provinciale dei vigili del fuoco Emanuele Pianese

Il comandante provinciale dei vigili del fuoco Emanuele Pianese

Viterbo – Si è insediato alla guida dei vigili del fuoco della provincia di Viterbo in uno dei momenti più caldi di sempre, ma Emanuele Pianese non si è scoraggiato, ha raccolto la sfida e ora, dopo appena quattro mesi, comincia già a raccogliere i primi frutti del suo instancabile lavoro.

Completamento della caserma, distaccamento di Tarquinia, nuovi programmi e attrezzature di salvataggio. Di carne al fuoco ce n’è fin troppa. Da dove ha cominciato comandante?
“Dalla caserma ovviamente – risponde senza tentennamenti Pianese -. Ho ereditato una situazione in bilico che va risolta il prima possibile. Come ormai tutti sanno, il reparto operativo è già al lavoro nella sede sulla Cassia Nord, ma tutto il resto sta ancora in via Oslavia: l’amministrazione, la mensa e anche qualche mezzo che non trova posto nella nuova rimessa, utilizzabile per adesso solo in parte”.

E quindi, la domanda da un milione di dollari: quando si metterà la parola fine a tutto questo?
“Purtroppo non dipende da noi – ci tiene subito a chiarire -. I vigili del fuoco non sono direttamente coinvolti nei lavori, anche se stiamo spingendo al massimo, per quello che possiamo, affinché la caserma sia completata in ogni sua parte il prima possibile. Abbiamo chiesto aiuto al Prefetto e all’amministrazione centrale del nostro corpo ed entrambi i fronti sono molto disponibili. Lo stallo dei cantieri è dovuto a un ricorso tra ditte applatatrici, ma al di là dell’esito giudiziario, intanto nei prossimi giorni riprenderanno i lavori che, se andranno come da programma, in due, massimo tre mesi, dovrebbero completare il secondo lotto: quello che ospita la mensa e la parte restante dell’autorimessa”.

Intanto? Come procede la quotidianità dei vigili del fuoco, sdoppiati tra vecchia e nuova caserma?
“Il disagio c’è – ammette -, ma i miei ragazzi lo affrontano con grande disponibilità. Al più presto provvederò a spostare una unità amministrativa alla caserma sulla Cassia. Anche se non ci sono ancora le stanze, un computer e una scrivania cercheremo di piazzarle da qualche parte. Un piccolo cambiamento che può essere molto utile ai pompieri operativi che sono già lì. Resta il problema della mensa che è ancora a via Oslavia, ma purtroppo non abbiamo trovato alternative valide. Portare cibi già cotti o usare la cucina da campo non erano strade percorribili…”.

Un’eccezione è stata fatta solo lo scorso 4 dicembre, per Santa Barbara. Come vi siete organizzati quel giorno?
“Io personalmente, ma anche tutti i vigili del fuoco – racconta Pianese – ci tenevamo a trascorrere quella giornata nella nuova caserma. E’ stato un bel segnale, di appartenenza al corpo, di devozione alla nostra patrona e di attaccamento alla sede della Cassia. Abbiamo portato la cucina da campo e cucinato nell’autorimessa. Un bel momento, davvero”.

Il distaccamento di Tarquinia, invece, a che punto è?
“A Tarquinia finalmente siamo aperti e operativi h24 – spiega il comandante -. Non c’è ancora abbastanza personale per coprire tutti i turni, ma sopperiamo con alcuni vigili che vogliono fare degli straordinari. Fino a metà gennaio siamo coperti, poi arriveranno i rinforzi. Il 14 avremo in organico 15 nuovi pompieri che poi dislocheremo come meglio possiamo tra Viterbo e le sedi della provincia, tra cui anche Tarquinia chiaramente”.

Caserma in fase di completamento, distaccamento di Tarquinia attivo e nuovi vigili in arrivo. Allora è stato davvero bravo comandante! 
“Il merito non è certo tutto mio – dice sorridendo -, però mi sto impegnando molto e sono contento che i risultati arrivino. Tanto arrivano anche le critiche, non si preoccupi…”.

Ad esempio? Vuole togliersi qualche sassolino dalla scarpa?
“Ad esempio il recente attacco della Usb – risponde Pianese -. Per carità le critiche, se costruttive, sono ben accette. Ma quando si strumentalizza non ci sto. Hanno sottolineato il fatto che alcuni presidi sanitari fossero scaduti. Cosa vera, che però non dipende da noi, ma dalla regione. Se si unissero le forze invece che sparare a zero sarebbe meglio per tutti. Mi hanno dipinto come un “comandante manager che fa politiche di risparmi”. Evidentemente non sanno che il comando di Viterbo è quello che ha speso di più rispetto agli altri del Lazio (in termini procapite per vigile del fuoco) per l’acquisto di materiali e mezzi. Se essere un “manager” significa fare da tramite con i vertici per ottenere buoni risultati, lo prendo come un complimento. E infatti tutte le altre siglie sindacali lo hanno capito e lo apprezzano”.

Tanta burocrazia, ma sempre al servizio della prontezza degli interventi. Il 2019 quali novità porterà ai pompieri sul fronte operativo?
“Abbiamo in ballo una splendida collaborazione con l’aviazione leggera dell’esercito – racconta orgoglioso il comandante Pianese -. In pratica è allo studio la possibilità di caricare un nostro mezzo con una squadra completa di vigili del fuoco su un elicottero Chinook dell’Aves. Così sarebbe possibile raggiungere praticamente tutta Italia in un’ora e mezza al massimo. L’obiettivo è arrivare anche nelle zone più impervie, in particolare in caso di terremoti o alluvioni. Un bel progetto che se andrà in porto potrebbe fare da capofila ad altri simili nel resto del Paese”.

Insomma dal suo insediamento sono passati quattro mesi intensi, comandante. Se glielo avessero detto in anticipo che a Viterbo c’era tutto questo da fare…
“Se me lo avessero detto prima – replica senza indugio – lo avrei scelto ancora una volta. All’inizio è stata una sorpresa, poi si è rivelata una gran bella sfida. Viterbo mi piace, mi trovo bene qui e spero di dare ancora molto a questo comando”.

Francesca Buzzi

 


Condividi la notizia:
12 gennaio, 2019

Bilanci 2018 ... Gli articoli

  1. "Oggi in politica c'è troppa impreparazione..."
  2. "72 cani adottati e 72mila euro risparmiati dal comune"
  3. "Oltre 500 paganti a sera, il Tuscia film fest si conferma un evento molto seguito"
  4. "Aziende e università devono collaborare per avere prodotti esclusivi"
  5. “Per il 2019 vogliamo far conoscere il corteo storico all'Italia”
  6. "Subito operativa la legge regionale sulla rigenerazione urbana"
  7. "Non posso non pensare alle tante battaglie per migliorare la giustizia..."
  8. "Digitalizzazione, nel 2018 erogati 160mila euro di voucher a fondo perduto"
  9. "Il 'modello Lazio' è la chiave per rilanciare il centrosinistra nazionale"
  10. "In un anno e mezzo finanziate 100 aziende col microcredito"
  11. "Nella Tuscia la droga viene spacciata perché viene consumata"
  12. "Abbiamo trovato un comune fortemente indebitato..."
  13. “Export: bene la ceramica, stabile il tessile, male l’agricoltura”
  14. "Abbiamo assoluto bisogno di infrastrutture perché Viterbo è isolata"
  15. "Nell’artigianato dopo tanti anni è riapparso il segno più"
  16. "Un piano regolatore del turismo, più pubblicità per il territorio e gioco di squadra"
  17. "Oltre alla qualità dobbiamo vendere un pezzettino di territorio"
  18. "Viterbo Terme è il futuro di questa città e dell’indotto su tutto il territorio"
  19. "La provincia ha bisogno di risorse, il personale è allo stremo"
  20. "Tutto il mio impegno per le infrastrutture e il rilancio di agricoltura, economia e turismo"
  21. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  22. "Una lista di FdI a Tarquinia e Civita e un candidato della Tuscia alle Europee"
  23. "Noi abbiamo un'idea di città... Arena no"
  24. "Il centro storico è stato e sarà la nostra prima priorità"
  25. "Scuola laica, tutela dei diritti e rispetto dei lavoratori"
  26. Meno allenatori, 17 vittorie e il sogno serie B andato avanti fino a giugno
  27. "Nei comuni al voto la Lega andrà da sola col suo simbolo"
  28. "Ex Terme Inps, il 2019 sarà l'anno del rilancio"
  29. "La Scarabeo è in un vicolo cieco"
  30. "La nostra qualità non ha competitor al mondo..."
  31. "Nel 2018 meno reati ma più controlli e arresti"
  32. "Vogliamo anche il viadotto autostradale sul Tevere"
  33. "Trasversale, aspettiamo il definitivo via libera noi siamo pronti"
  34. "Nel 2018 meno reati e arresti raddoppiati"
  35. "Per questo secondo anno di amministrazione il lavoro è stato intenso"
  36. "Diminuiti gli incendi grazie alle segnalazioni sempre più precise..."
  37. Camilli: "Ci hanno massacrato ma abbiamo una rosa per puntare a tutto"
  38. Viterbese, il giocatore dell'anno è Luca Baldassin
  39. "Meno fenomeni e più carattere, ecco la nostra ricetta"
  40. "La Tuscia è un cimitero, due morti per ogni nato"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR