Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Cesare Battisti è atterrato a Ciampino - Il commento del ministro dell'Interno Matteo Salvini nella diretta Facebook dall'aeroporto VIDEO

“37 anni di attesa per vedere questo balordo sogghignante”

Condividi la notizia:

L’arrivo di Cesare Battisti a Ciampino

L’arrivo di Cesare Battisti a Ciampino

Cesare Battisti sul volo per l'Italia

Cesare Battisti sul volo per l’Italia

Roma – “37 anni di attesa per vedere questo balordo sogghignante…”. Sono le primissime dichiarazioni del ministro dell’Interno Matteo Salvini che, con indosso la giacca della polizia, ha assistito all’arrivo di Cesare Battisti all’aeroporto di Ciampino.

Lo sbarco alle 11.37, seguito passo passo sul profilo Facebook di Salvini con una diretta video. Insieme a lui anche il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.


Video: Battisti in Italia, le immagini della polizia


“37 anni di attesa per vedere questo balordo che mi è sembrato anche sogghignante – ha commentato Salvini -. Ma questo è solo l’inizio. Di latitanti ce ne sono tanti, anche nella vicina Francia che ci dà spesso lezioni di solidarietà, nei paesi Sudamericani e in giro per il mondo. Chi ha sbagliato in Italia deve pagare in Italia”.

Battisti, da Ciampino è partito direttamente per Oristano, senza passare per Rebibbia, dove comunque sarebbe rimasto per breve tempo. Solo una sosta all’ufficio immigrazione per il foto segnalamento. 

Il superlatitante resterà in cella da solo per sei mesi di isolamento diurno.


Condividi la notizia:
14 gennaio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR