Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L'assessore regionale Alessandra Troncarelli questa mattina durante la conferenza stampa di presentazione dei progetti che hanno vinto la prima edizione

“Il bando comunità solidali verrà rifinanziato”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:

Viterbo - Alessandra Troncarelli

Viterbo – Alessandra Troncarelli

Viterbo - La presentazione dei progetti vincitori Comunità solidali

Viterbo – La presentazione dei progetti vincitori Comunità solidali

Viterbo - La presentazione dei progetti vincitori Comunità solidali

Viterbo – La presentazione dei progetti vincitori Comunità solidali

Viterbo - Antonella Sberna

Viterbo – Antonella Sberna

Viterbo - Giovanni Arena

Viterbo – Giovanni Arena

Viterbo - Maurizio Casciani

Viterbo – Maurizio Casciani

Viterbo - Paola Grispigni

Viterbo – Paola Grispigni

Viterbo - Domenico Arruzzolo

Viterbo – Domenico Arruzzolo

Viterbo - Graziella Iacoponi

Viterbo – Graziella Iacoponi

Viterbo – “Il bando comunità solidali verrà nuovamente finanziato. Con maggiori fondi rispetto alla prima edizione. Da un milione e novecento mila euro a due milioni e duecento mila euro”. L’assessora regionale alle politiche sociali Alessandra Troncarelli interviene e dà la notizia che tutti aspettavano. Questa mattina, nella sala Regia del comune di Viterbo, in occasione della presentazione dei progetti viterbesi che hanno vinto la prima edizione del bando Comunità solidali promosso dalla regione Lazio.

Al tavolo della conferenza, assieme alla Troncarelli, anche il sindaco Giovanni Arena, l’assessora comunale alle politiche sociali Antonella Sberna, Graziella Iacoponi dell’associazione Campo delle rose, Paola Grispigni di Vitersport, Maurizio Casciani di Eta Beta e Domenico Arruzzolo di Viterbo con amore. In sala, piena di gente, anche il presidente della consulta per il volontariato Sergio Insogna e il consigliere comunale Matteo Achilli.

“Sono orgogliosa e fiera di essere stata assessore al comune di Viterbo – ha poi aggiunto Troncarelli – perché ho potuto toccare con mano le vere politiche sociali. Un trascorso importante che mi ha permesso di arrivare preparata. In regione occorre programmare. Comunità significa fare rete e inclusione. E solidarietà è la parola chiave che deve guidare le istituzioni”.

L’assessora regionale annuncia anche le prossime iniziative. “Per quanto riguarda le cooperative, verrà rifinanziata la legge regionale con 750 mila euro. Anche il Piano sociale è pronto per approdare in consiglio. Prima il passaggio in commissione bilancio. E’ stata adottata anche la determina sul patrimonio immobiliare, questo per il Dopo di noi, altro passaggio importante per le politiche sociali regionali. Previsti inoltre 3 milioni di euro per l’autismo, per sostenere le famiglie e 35 milioni di euro per i piani di zona”. 

Per quanto attiene il primo bando sulle comunità solidali, in provincia di Viterbo sono stati finanziati otto progetti. In tutta la regione sono stati presentate 155 proposte, 52 quelle finanziate. A Viterbo sono finiti 266 mila euro rispetto ai 147 mila previsti inizialmente. “Questo – ha precisato Casciani introducendo la conferenza stampa – grazie alla redistribuzione delle risorse assegnate negli altri ambiti territoriali e non assegnate per mancanza di progetti finanziabili. Cosa che dimostra la grande qualità sul piano della progettazione da parte delle associazioni viterbesi. Molti dei nostri progetti avrebbero vinto anche se fossero stati presentati su Roma”.

A vincere il bando anche altre tre realtà della Tuscia. L’associazione Orchidea di Acquapendente e le associazioni Semi di pace e Il buon samaritano, entrambe di Tarquinia.

I progetti partiti dalla città di Viterbo che hanno vinto il bando sono cinque. Uno di questi riguarda il Ceis, non presente in conferenza stampa.

C’è poi il progetto promosso da Campo delle rose in partenariato con l’Asd Sorrisi che nuotano Eta Beta. Si chiama Tesori dell’arcobaleno ed è rivolto a ragazzi con disabilità mentale e pluridisabilità. Il progetto è finalizzato alla realizzazione di un percorso sensoriale all’interno del nascente Giardino delle rose e a un’attività di formazione nel settore del giardinaggio, fotografico e sportivo.

Il progetto Dal cucuzzolo della montagna è promosso invece dall’Asd Sorrisi che nuotano Eta Beta, in partenariato con Eta Beta e l’Unione nazionale italiana volontari pro ciechi, ed è rivolto a ragazzi con disabilità mentale e sensoriale e ha come obiettivo la realizzazione di un percorso di inclusione sociale attraverso lo sci alpino.

Il terzo progetto finanziato dalla regione è di Vitersport. Rivolto anch’esso a persone con disabilità fisica o pluridisabilità, punta allo sviluppo della disciplina dell’hockey in carrozzina.

Infine, il progetto dell’Emporio solidale presentato da Viterbo con amore assieme all’associazione del Bambino cardiopatico. L’obiettivo è la realizzazione, presso l’Emporio solidale di Santa Barbara, quartiere a nord di Viterbo, di un punto di comunità per una presa in carico delle persone con disagio sociale. Non solo supporto alimentare, ma anche assistenza medica, sociale, culturale e psicologica.

“Questi sono i bandi che piacciono ai territori – ha dichiarato Sberna -. Il comune, appena saputo, si è fatto promotore presso le realtà del terzo settore, anche per sostenerle nella progettazione”. Anche Sberna annuncia i prossimi passi del comune. “Stiamo portando avanti altre progettualità. Dall’abbattimento delle barriere architettoniche a un bando sullo sport per il sostegno economico alle famiglie. Stiamo infine mettendo in campo un progetto di recupero contro gli sprechi alimentari”.

L’intervento conclusivo spetta al sindaco Giovanni Arena. “Davanti ai bisogni delle associazioni, i colori politici vanno messi da parte. Le associazioni sono un mondo eccezionale che va aiutato e sostenuto. Da parte nostra c’è la massima attenzione. Senza il terzo settore ci troveremmo ad affrontare problemi insuperabili”.

Daniele Camilli

 


Condividi la notizia:
7 gennaio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR