Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Alberto Frau e Mauro Pacifici (Coldiretti) sulla regolarizzazione dei pagamenti alle aziende della Tuscia e del Lazio

“Bene i pagamenti delle misure agro ambientali, ora si pensi agli ungulati selvatici”

Condividi la notizia:

Viterbo - Coldiretti - Pacifici e Frau

Viterbo – Coldiretti – Pacifici e Frau

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – C’è grandissima soddisfazione in Coldiretti Viterbo per la chiusura dell’anno 2018, che segna un importantissimo successo per ciò che concerne la regolarizzazione dei pagamenti delle misure agro ambientali alle aziende della Tuscia e del Lazio in genere.

Da tempo Coldiretti si stava battendo pesantemente per risolvere le ingenti problematiche inerenti i nuovi sistemi informatici, che bloccavano dal 2015-2016 i pagamenti delle varie misure.

Ad oggi, infatti, quasi tutte le aziende sono state saldate sino al 2017 e, in molti casi, è stato erogato anche l’anticipo 2018, con molti imprenditori agricoli che si sono visti arrivare anche tre, quattro bonifici negli ultimi giorni dell’anno. Fondamentale è stata l’azione di Coldiretti Lazio, che ha impegnato le alte dirigenze di Agea in innumerevoli incontri tecnico-politici in regione con l’assessorato all’Agricoltura, che hanno finalmente permesso un confronto puntuale e serrato con i funzionari atto a risolvere ogni problematica esistente caso per caso.

“Non speravo saremmo addirittura arrivati così avanti con i pagamenti – commenta il direttore di Coldiretti Viterbo Alberto Frau – con oltre il 90 percento delle domande pagate sia per quanto concerne il biologico, che per il benessere animale, per il quale sussisteva un problema informatico importante, e le altre misure di salvaguardia delle specie a rischio di erosione genetica animale e vegetale, nonché per le domande di minima lavorazione.

Abbiamo fatto un lavoro straordinario di concertazione, come mai eseguito sino ad ora, che ha portato ad un confronto quotidiano tra assessorato ed Agea e soprattutto tra i nostri operatori e la Regione; abbiamo vissuto tre anni durissimi e questo risultato ci appaga come non mai. Tocchiamo con mano la soddisfazione delle persone e non posso che essere entusiasta del fatto che in questi primi tre anni in cui ho avuto il piacere e l’onore di dirigere questa federazione, abbiamo acquisito oltre 1.500 nuovi associati, segno di tonicità ed operatività nei confronti dei nostri imprenditori, e segnato un aumento di fatturato di quasi 500mila euro sui servizi. Anche sui danni da fauna abbiamo fatto un lavoro immane per far ripartire il meccanismo dei risarcimenti agli agricoltori, che ha visto pagati i danni del 2015, e ci accingiamo a vedere pagato anche il 2014, che era rimasto indietro. Non mi fermo e non mi fermerò, poiché il lavoro che Coldiretti deve fare è proprio questo, mettere i soci in condizione di essere performanti”.

Prende la parola il presidente di Coldiretti Mauro Pacifici: “Grande lavoro e grande ristoro per le nostre aziende, da troppo tempo compresse nella morsa della burocrazia, ma adesso è arrivato il momento di potenziare definitivamente il prezzo dei nostri prodotti e del made in italy, non chè di dare un taglio definitivo al problema ungulati selvatici; non daremo tregua a chi deve porre rimedio a queste due problematiche, a costo di mettere in atto azioni di protesta molto importanti, non accettiamo più che il lavoro dei nostri imprenditori sia eguagliato a quello di chi produce senza regole”.

Coldiretti Viterbo


Condividi la notizia:
25 gennaio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR