Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - 658 episodi in tutta Italia contro i 519 del 2018 - In pericolo di vita una donna di Sant'Agata de' Goti, in provincia di Benevento

Botti di Capodanno, 171 interventi dei pompieri nel Lazio

Condividi la notizia:

I vigili del fuoco

I vigili del fuoco

Petardi

Petardi

Roma – Botti di Capodanno, 171 interventi dei pompieri nel Lazio. Il dato è in crescita rispetto all’anno scorso anche se non si sono registrati feriti gravi. 

I vigili del fuoco sono stati chiamati in tutta Italia per ben 658 episodi, contro i 519 del Capodanno 2018.

L’unica vittima in pericolo di vita è una donna di 37 anni di Sant’Agata de’ Goti, in provincia di Benevento, colpita da un razzo al petto a mezzanotte. La 37enne è stata trasportata in ospedale e operata. Ora è in prognosi riservata con danni ai polmoni. A Benevento anche altri tre feriti agli occhi e al volto.

Nel Milanese, a Cesate, un ragazzo è grave per l’esplosione di un petardo che lo ha raggiunto alla testa e alle mani: la sinistra è stata dilaniata, la destra ha perso un dito e il volto ha riportato ustioni. 

Come lo scorso anno il numero maggiore di chiamate ai vigili del fuoco sono arrivate nel Lazio 171 (114 nel 1 gennaio 2018). Seguono la Lombardia con 88, la Campania con 86, l’Emilia Romagna con 76 e la Toscana con 52. Anche quest’anno nessun intervento in Sardegna. 

A Napoli e provincia sono stati 37 i feriti per l’esplosione di fuochi d’artificio. Più dello scorso anno (35), ma meno rispetto ai 45 del 2017.

 

 


Condividi la notizia:
1 gennaio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR