--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - A parlare è Luigi Di Maio dal palco del Rome life hotel - Il M5s ha festeggiato l'approvazione del reddito di cittadinanza e quota 100

“Se ci sarà recessione, metteremo in sicurezza i più deboli”

Condividi la notizia:

Luigi Di Maio

Luigi Di Maio

Roma – “Con il reddito di cittadinanza, se mai ci sarà la recessione, metteremo in sicurezza le fasce più deboli, non faremo come gli altri”.

A dirlo è il vicepremier Luigi Di Maio dal palco del Rome life hotel dove il M5S ha festeggiato l’approvazione del reddito di cittadinanza e quota 100. Tra gli ospiti anche Lino Banfi, che ha ricevuto la nomina di rappresentante per l’Italia nella commissione italiana per l’Unesco.

Il vicepresidente del consiglio, come scrive Repubblica, ha specificato come poter accedere al reddito di cittadinanza. “Alle fine le carte ci sono, sono pronte – ha affermato – sono quelle che andranno a ricevere i destinatari del reddito di cittadinanza agli sportelli delle poste. La card sembra una normale postepay ma è evoluta”.

Luigi Di Maio ha poi aggiunto: “Tutta la procedura potrà essere online, altrimenti si può avviare presso uno sportello postale”. 

Poi un accenno alla pensione di cittadinanza, per chi rientra nei parametri stabiliti: “Si tratta di 500mila nonni italiani a cui miglioreremo le condizioni di vita”. 

Tra gli interventi in sala anche quello del presidente del Consiglio Giuseppe Conte: “Non ci parlate di assistenzialismo, non è questa la riforma che abbiamo concepito. Rafforziamo l’investimento di fiducia dei cittadini nelle proprie istituzioni. È un modello di stato nel quale i cittadini possono riscrivere il proprio futuro. Mi sono presentato come avvocato del popolo, oggi come garante di questo nuovo patto sociale e vigilerò affinché non sia deturpato da furbizie o abusi”. 


Condividi la notizia:
22 gennaio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR