--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il movimento civico Viterbo venti venti dopo i recenti fatti di cronaca

“Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado”

Condividi la notizia:

Chiara Frontini

Chiara Frontini

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – I recenti fatti di cronaca sono stati un brusco risveglio per i viterbesi che pensavano che il nostro territorio fosse un’isola felice, completamente immune da fenomeni di carattere mafioso.

Cosa può fare, in concreto, la società civile e la politica per contrastare questo fenomeno, oltre alle manifestazioni di piazza che sono e restano un momento importante in cui i cittadini dimostrano la loro ferma coesione contro ogni forma di malavita organizzata?

In verità, moltissimo.

Anzitutto è necessario prendere coscienza del fatto che nessuno di noi, compresi i più virtuosi tra noi, può dirsi davvero immune dalla mentalità mafiosa, perché questa non si manifesta unicamente nella richiesta di un “pizzo”, nel controllo del territorio e del mercato degli stupefacenti e nel riciclaggio immobiliare di denaro sporco, ma si annida in alcuni piccoli comportamenti che fanno ahimè parte della vita quotidiana di tutti.

Ogni volta, a titolo di esempio, che di fronte alla necessità di avere un documento invece di metterci serenamente in coda rispettando i diritti di tutti, ci domandiamo chi conosciamo in comune che possa sveltire la pratica e farci saltare la coda, cediamo alla mentalità mafiosa.

Ogni volta che diamo il nostro voto al politico che ci ha promesso un favore di qualsiasi genere, cediamo alla mentalità mafiosa. Ogni volta che non denunciamo un sopruso per timore di una ritorsione, cediamo alla mentalità mafiosa. Ogni volta che il diritto di tutti viene calpestato per il tornaconto di un singolo, la mafia avrà vinto.

Anche puntare il dito contro chi denuncia problematiche anziché accusare chi tali problematiche ha creato, come qualcuno ha provato a far intendere recentemente per la vicenda Larus, è frutto di mentalità mafiosa.

Per combattere la mafia fuori di noi, dobbiamo innanzitutto combattere quella, subdola, che si nasconde dentro ciascuno di noi, pronta a mostrare il suo volto e a tentarci con tutta la forza di una tradizione culturale e sociale che sta a noi e soltanto a noi, come singoli cittadini, distruggere nei comportamenti di tutti i giorni.

Dalla politica, e nello specifico da un’amministrazione virtuosa, ci si aspetta non solo una ferma condanna a parole di questa mentalità, ma che a queste parole facciano seguito i fatti.

Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado perché sa che questo è terreno fertile per il germogliare della malavita, e quindi mette in atto meccanismi per risanare le zone degradate, ripopolare i quartieri deserti, creare i presupposti perché ogni zona della città abbia il suo microcosmo vivibile e sostenibile.

Un’amministrazione virtuosa investe in cultura e lavoro: l’uomo che ha un lavoro è un uomo libero, non ha bisogno di chiedere favori e non deve sottostare a ricatti, la cultura fornisce all’uomo gli strumenti per riconoscere la mentalità mafiosa e tenerla lontana.

Un’amministrazione virtuosa non si limita a organizzare una manifestazione contro la malavita, ma affronta il problema alla radice e comincia ad estirparlo con una intelligente e capillare campagna di sensibilizzazione nelle scuole, mantiene una particolare attenzione ai metodi utilizzati da chi è in cerca di voti, è completamente trasparente nella sua gestione, non concede favori agli “amici”, non premia con particolari attenzioni chi l’ha sostenuta in campagna elettorale e, soprattutto, tiene sempre presente che il bene di tutti supera sempre e in ogni caso l’esigenza del singolo.

Come movimento civico noi ci auguriamo che il campanello d’allarme suonato dalle forze dell’ordine non venga valutato, dalla politica e dai singoli cittadini, come un semplice episodio di cronaca nera ma che sia il punto di partenza di una vera rinascita culturale per la nostra città, perché in un futuro molto prossimo possiamo essere in grado di dire che a Viterbo la mafia non passa, non soltanto nelle nostre strade ma soprattutto nei nostri comportamenti.

Movimento Civico Viterbo Venti Venti


Condividi la notizia:
31 gennaio, 2019

Mafia viterbese ... Gli articoli

  1. "Sono una delle vittime della mafia viterbese", dice in aula la titolare del compro oro di via Genova
  2. "Dopo Santa Rosa, vedi i fuochi d'artificio... pam pam"
  3. "Un'associazione di stampo mafioso tutta viterbese capeggiata da Giuseppe Trovato"
  4. "Sussistono il reato associativo e il metodo mafioso"
  5. Vittima della mafia non riesce a onorare un debito, condannata
  6. La mafia e le mani sulle discoteche
  7. Riesame, misure cautelari confermate per i 13 arrestati nel blitz antimafia
  8. "Non c'è l'associazione di stampo mafioso e le intercettazioni sono inutilizzabili"
  9. “Ubertini ha la mia massima fiducia”
  10. "Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima"
  11. "Si ride e si piange, gli abbiamo dato indo culo..."
  12. Mafia viterbese, cinque arrestati su 13 rinunciano al riesame
  13. Oggi secondo round al riesame, lunedì tocca al boss Giuseppe Trovato
  14. "Uniti per reagire a tutte le forme di criminalità organizzata"
  15. Mafia viterbese, primi tre "no" del tribunale del riesame
  16. "E' fondamentale opporsi chiaramente alla mafia"
  17. Trasferito in un carcere in Sardegna il boss Trovato
  18. "Confesercenti in prima linea contro la mafia"
  19. "Non ci sottometteremo mai a comportamenti mafiosi"
  20. Il parrucchiere Pecci si difende davanti al tribunale del riesame
  21. 'Ndrangheta, Forieri e Trovato cercavano l'appoggio delle cosche
  22. Mafia viterbese, gli arrestati puntano al tribunale della libertà
  23. "Il naso era tutto frantumato, speriamo muoia"
  24. Anche Coldiretti alla manifestazione per dire no alla mafia
  25. Mafia viterbese, gli arrestati venerdì davanti al tribunale del riesame
  26. Mafia viterbese - Chiuso il bar di Luigi Forieri, "luogo di ritrovo di molti sodali"
  27. Anche l'Adoc alla fiaccolata contro la mafia
  28. "Un atto mostruoso, che continuo a non accettare"
  29. "Mafia viterbese, aderiamo alla manifestazione come chiaro segnale di presa di posizione"
  30. “In comune un muro invalicabile contro la mafia”
  31. Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia
  32. Per non sentirci soli con la mafia...
  33. "La mafia nel viterbese c’è da tempo"
  34. "L'avvocato Alabiso? Me lo devo togliere dai coglioni"
  35. "Signor sindaco non minimizzi il fenomeno mafioso..."
  36. "Mafie, solo con un'azione corale possono essere sconfitte"
  37. "Fiaccolata contro le mafie, saremo in prima fila"
  38. Anche Massimiliano Smeriglio alla fiaccolata contro la mafia
  39. Mafia viterbese, è corsa al tribunale del riesame
  40. "Un panorama criminale pericoloso e inquietante"
  41. "Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce..."
  42. "Sì alla fiaccolata contro la mafia"
  43. "Sindaco... per me non è mai spropositato dire no alla malavita"
  44. "Gravissimo sminuire il fenomeno mafioso"
  45. Mafia viterbese, sfiorato lo scontro tra due bande criminali
  46. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  47. “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli"
  48. "Mafia viterbese, il sindaco Arena riferisca subito in consiglio comunale"
  49. "Mai dato soldi all'organizzazione e non mi sono mai sottomesso"
  50. "Vi ho cacciato fuori dai guai e voglio un bel ringraziamento"
  51. "Rischio infiltrazioni mafiose in Comune, si faccia chiarezza"
  52. "Arena e Ubertini sono traditori di merda..."
  53. "Una fiaccolata per dire no alla mafia"
  54. Mafia viterbese, si difendono il barista e la commessa
  55. "La guerra la facciamo pure a chi ha la divisa"
  56. "Una risposta incisiva alle esigenze di sicurezza dei cittadini"
  57. "Si convochi un consiglio comunale aperto per la legalità..."
  58. "Luigi Forieri si vantava di avere legami con la 'ndrangheta"
  59. "Agivano in una delirante concezione di onnipotenza"
  60. "Un consiglio comunale aperto per parlare di legalità e sicurezza"
  61. "Viterbo mai colpita da organizzazioni criminali e questo ci preoccupa"
  62. "Mosap: "Serve tutelare le vittime della banda"
  63. "Ti ammazzo, brutto figlio di troia. Infame. Ti sparo int' 'a capa"
  64. Un interrogatorio, spontanee dichiarazioni e tanti silenzi
  65. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  66. "Al fianco di vittime di racket e usura"
  67. "Mafia, è la prima volta a Viterbo"
  68. "Io ti sbudello, io me la prendo anche con un bambino"
  69. "Violenza e terrore, intimidazioni ed estorsioni"
  70. "Grazie alle forze dell’ordine che lavorano per garantire sicurezza"
  71. Auto bruciate, teste di maiale mozzate e buste con proiettili
  72. 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR