--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - L'8 gennaio, nella sala Consiliare del comune, si è tenuta la cerimonia "Cittadini di Montalto, cittadini del mondo"

Consegnati gli attestati Cambridge Starters ai giovani studenti di Montalto di Castro

Montalto di Castro - La cerimonia "Cittadini di Montalto, cittadini del mondo"

Montalto di Castro – La cerimonia “Cittadini di Montalto, cittadini del mondo”

Montalto di Castro - La cerimonia "Cittadini di Montalto, cittadini del mondo"

Montalto di Castro – La cerimonia “Cittadini di Montalto, cittadini del mondo”

Montalto di Castro - La cerimonia "Cittadini di Montalto, cittadini del mondo"

Montalto di Castro – La cerimonia “Cittadini di Montalto, cittadini del mondo”

Montalto di Castro – Riceviamo e pubblichiamo – Ancora un bell’esempio di collaborazione tra amministrazione comunale e scuola, che testimonia la proficua cooperazione tra queste due istituzioni per la realizzazione del diritto allo studio e per l’ampliamento dell’offerta formativa, ognuna secondo il proprio campo di competenza: il comune finanzia i progetti, mentre la scuola realizza percorsi che arricchiscono e completano la formazione umana e culturale degli studenti. 

Tra questi percorsi rientra il progetto “Preparazione agli esami Starters di Cambridge” che si pone come obiettivi l’ampliamento del lessico di base e la preparazione degli alunni per sostenere i primi esami Young learners Starters di Cambridge; lo scorso anno le attività sono state rivolte ai ragazzi di quarta e di quinta elementare di Montalto e Pescia Romana e, proprio martedì pomeriggio, 8 gennaio, nella sala Consiliare del comune di Montalto di Castro, si è tenuta la cerimonia “Cittadini di Montalto, cittadini del mondo” per la consegna degli attestati Cambridge Starters, alla presenza del sindaco Sergio Caci, del consigliere Emanuela Socciarelli, del dirigente scolastico Grazia Olimpieri, dell’esperta esterna madrelingua Giselle Pons, della rappresentate del British institute di Viterbo Elise Desserne e delle insegnanti di inglese che hanno preparato gli alunni: Catia Paparcurio, Barbara Spada e Azzurra Bartolini. 

Gli alunni, accompagnati dai loro genitori e dalle docenti di classe, sono stati chiamati a ricevere questa prima certificazione ufficiale Cambridge che costituisce solo l’avvio e lo stimolo per intraprendere quel lungo percorso formativo che si inserisce nell’ottica dell’educazione permanente e globale della persona, di cui l’intercultura è oggi il modello che permette a tutti i bambini e ragazzi di aprirsi al mondo, di affermare l’uguaglianza pur riconoscendo le differenze e l’identità di ciascuno; intercultura che è veicolata dalla conoscenza di almeno una lingua straniera. La conoscenza approfondita di una lingua come quella inglese, lingua internazionale  che consente una comunicazione efficace tra le numerose etnie che popolano la terra, è un requisito imprescindibile per inserirsi nel mondo del lavoro e per essere cittadini del mondo, di una comunità globale e multietnica senza più frontiere.

L’apprendimento della lingua inglese e, più avanti di una seconda lingua comunitaria, permetterà all’alunno di sviluppare una competenza plurilingue e pluriculturale e di acquisire i primi strumenti utili ad esercitare la cittadinanza attiva sia nel contesto in cui vive, sia oltre i confini del territorio nazionale.

Secondo quanto recitano le indicazioni nazionali per il curricolo al termine del primo ciclo d’istruzione l’alunno “nell’incontro con persone di diverse nazionalità deve essere in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese e di affrontare una comunicazione essenziale, in semplici situazioni di vita quotidiana. Deve saper utilizzare la lingua inglese nell’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione”.

Inoltre la necessità di conoscere e saper comunicare in lingua inglese e in una seconda lingua comunitaria, rientra tra le otto competenze chiave europee da sviluppare fin dalla scuola primaria, secondo le raccomandazioni del parlamento europeo e del consiglio. La scuola, pertanto, non può rimanere chiusa entro i propri confini nazionali e, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, deve facilitare i processi che rendono possibile l’apprendimento di un’altra lingua.

Ecco allora che il progetto “Preparazione agli esami Starters di Cambridge”, affiancando le normali attività didattiche, costituisce un ulteriore strumento per la crescita cognitiva e culturale degli alunni. Gli esami e i test Cambridge  sono ancorati al quadro comune di riferimento europeo (Cefr Common european framework of reference for languages) del consiglio d’Europa e sono riconosciuti da università e aziende di tutto il mondo. La preparazione all’esame obbliga gli studenti ad usare la lingua nei contesti più svariati. Gli esami valutano, infatti, tutti e quattro gli aspetti fondamentali della lingua: speaking, listening, reading e writing, garantendo così una valutazione affidabile della competenza complessiva raggiunta, certificata da un attestato Cambridge, che ogni allievo ha ricevuto per festeggiare l’obiettivo raggiunto: il numero di “scudi” ricevuti dal ragazzo certifica che ormai è pronto per il passo successivo. 

Durante la cerimonia, la rappresentante del British Institute ha consegnato una targa al nostro Istituto come riconoscimento  per  la collaborazione decennale, per gli ottimi risultati raggiunti  a livello provinciale e nazionale e per aver preparato, in quest’ultimo anno scolastico, più di cento ragazzi. Un bel risultato che non deve costituire un traguardo ma deve essere uno stimolo, per la scuola e i suoi operatori, a continuare, ad accogliere una sfida universale di apertura verso il mondo, realizzando percorsi formativi sempre più rispondenti alle inclinazioni personali degli studenti e che, allo stesso tempo, consentano di affrontare l’incertezza e la mutevolezza degli scenari sociali e professionali, presenti e futuri: lo sviluppo di un repertorio diversificato di risorse linguistiche e culturali per pensare, esprimersi e comunicare come “Cittadini di Montalto, cittadini del mondo”.

Assunta Olimpieri
Docente scuola primaria

11 gennaio, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR