--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il tribunale ha dato incarico a un professionista, che ha tempo quattro mesi - Spuntano altri cittadini pronti a chiedere risarcimenti

Crollo in via La Fontaine, disposta perizia per accertare i danni e le cause

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - Crollo in via Cardinal La Fontaine - Il sindaco Giovanni Arena

Viterbo – Crollo in via Cardinal La Fontaine – Il sindaco Giovanni Arena

Viterbo - Crollo in via Cardinal La Fontaine - Vigili del fuoco in azione

Viterbo – Crollo in via Cardinal La Fontaine – Vigili del fuoco in azione

Viterbo - Crollo in via Cardinal La Fontaine - Vigili del fuoco e polizia locale in azione

Viterbo – Crollo in via Cardinal La Fontaine – Vigili del fuoco e polizia locale in azione

Viterbo – (sil.co.) – Crollo in via Cardinal La Fontaine, nominato dal tribunale un perito super partes cui spetterà il compito, entro quattro mesi, di accertare i danni e stabilire le cause del cedimento avvenuto la mattina dello scorso 18 dicembre in pieno centro storico, all’altezza della chiesa del Gonfalone, alle porte del quartiere medievale di San Pellegrino. 

Nel frattempo si scopre che ci sono altre presunte vittime del crollo pronte a chiedere il risarcimento dei danni, quando e se saranno individuati i responsabili. I proprietari, invece, hanno fatto causa al Comune. 

Mercoledì mattina il presidente del tribunale, Maria Rosaria Covelli, ha dato incarico a un professionista di Roma che si è preso 120 giorni per depositare la relazione che, nell’udienza già fissata per il 19 maggio, dovrebbe chiarire i motivi del crollo. 


Fotocronaca: Crollo in via Cardinal La Fontaine


Al conferimento dell’incarico era presente l’avvocato Francesco Massatani, che col padre Roberto rappresenta il Comune, chiamato in causa dai proprietari, anch’essi rappresentati da un legale, secondo i quali la pubblica amministrazione avrebbe delle responsabilità nel crollo, che secondo loro sarebbe da collegare allo smottamento della strada, in seguito al mancato ripristino dopo i lavori di rifacimento di alcune tubature del gas. 


Gallery: Via La Fontaine spaccata in due


Assistiti dall’avvocato Marco Sabatini, ci sono inoltre altre due parti offese, i proprietari che vivevano in una casa recentemente ristrutturata, i quali hanno dovuto lasciare l’immobile, dichiarato inagibile per via del crollo. Anch’essi sono interessati, naturalmente, all’esito della perizia disposta dal tribunale, in vista di un airchiesta di risarcimento dei danni in sede civile. 

Per i proprietari, nonostante lo stabile fosse già transennato, sarebbe stato un avvallamento in strada dello scorso mese di novembre che avrebbero peggiorato la situazione. 


Condividi la notizia:
12 gennaio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR