--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Spettacolo - I due musicisti viterbesi si esibiranno il 27 febbraio alla Carnegie Hall

Fabrizio Viti e Luca Seccafieno in concerto a New York

di Silvio Cappelli
Condividi la notizia:

Spettacolo - Il pianista Fabrizio Viti

Spettacolo – Il pianista Fabrizio Viti

Spettacolo - Il trombettista Luca Seccafieno

Spettacolo – Il trombettista Luca Seccafieno

New York – Due musicisti viterbesi a New York.

Il trombettista Luca Seccafieno e il pianista Fabrizio Viti, dopo il successo ottenuto al Parco della musica di Roma lo scorso maggio, si esibiranno il 27 febbraio prossimo alla Carnegie hall di New York in una delle sale tra le più prestigiose del pianeta, tempio della musica e fiore all’occhiello di quegli Stati Uniti che tanto hanno dato alla storia della musica classica e leggera.

L’ affiatato duo si esibirà in un programma  caleidoscopico, impegnativo e ricco di suggestioni, con una prima parte dedicata all’esotismo dell’Armenia di Alexander Arutiunian e all’eleganza del belga Theo Charlier ed una seconda  che sarà un omaggio alla città di New York, alla magia di West Side Story di Leonard Bernstein e all’energia dei Preludi per Pianoforte e della Rhapsody in Blue di George Gershwin,  composizioni queste ultime che hanno fatto sognare intere generazioni e scritte a pochi passi dalla Carnegie Hall.

Un grande onere ma anche un grande onore per i nostri due musicisti, entrambi docenti alla Scuola musicale comunale di Viterbo, il cui curriculum parla di qualità e versatilità.

Fabrizio Viti, diploma con lode, studi in Italia, in Spagna e al prestigioso Mozarteum di Salisburgo, giovanissimo alla corte del pianista Sergio Perticaroli presso l’Accademia nazionale di Santa Cecilia in Roma, vincitore a soli 23 anni di una cattedra di pianoforte principale nei conservatori di stato, di cui è titolare al conservatorio Giovanni Battista Pergolesi di Fermo, vanta collaborazioni con musicisti di fama mondiale come il baritono Giuseppe Taddei e il contrabbassista compositore e direttore Franco Petracchi e svolge un’attività musicale di respiro internazionale (recentemente si è esibito in Usa e Cina). Affianca da sempre alla classica interesse per altri generi musicali e lo scorso anno ha collaborato con Fabrizio Bosso al teatro Unione.

Luca Seccafieno, è allievo del grande trombettista Sandro Verzari per la classica e dei trombettisti Giuseppe Cuccaro e Cicci Santucci per la musica leggera ed il jazz. Ha al suo attivo collaborazioni, tra gli altri, con Ennio Morricone, Gigi Proietti, Renato Zero, Laura Pausini, Penelope Cruz, Roberto Benigni, Giancarlo Giannini, Burt Young, Javier Bardem e alterna l’attività musicale a quella di scrittore, è sotto contratto con l’Agenzia Letteraria Internazionale, e di sceneggiatore. In quest’ultima veste esordirà in un film con musiche del premio Oscar Ludovic Bource. Un grande onore anche per la città di Viterbo, che grazie a due suoi artisti riesce a dare un morso alla Grande Mela esibendosi in un tale contesto.

Silvio Cappelli


Condividi la notizia:
16 gennaio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR