Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Dopo Bankitalia, anche Il Fondo internazionale rivede al ribasso le previsioni sul Pil: "Roma è un fattore di rischio"

Il Fmi taglia le stime di crescita sull’Italia

Condividi la notizia:

Fmi - La capo economista Gita Gophinat

Fmi – La capo economista Gita Gophinat

Davos – Il Fondo monetario internazionale taglia le stime di crescita per il 2019 dell’Italia e inserisce il Bel paese tra i principali fattori di rischio globali, insieme alla Brexit.

Nel forum economico mondiale di Davos, in Svizzera, la capoeconomista del Fondo, Gita Gophinat, ha spiegato che “il costoso intreccio tra rischi sovrani e rischi finanziari in Italia rimane una minaccia”. 

Il Fmi ha ridotto allo 0,6% le stime di crescita, un valore nettamente inferiore all’1% previsto lo scorso ottobre. Una valutazione che si colloca nel solco allarmista già tracciato pochi giorni fa da Bankitalia.

Nonostante il dato, il vicepremier Matteo Salvini continua a non sembrare preoccupato. “Piuttosto è il Fmi che è una minaccia per l’economia mondiale – ha risposto il leader leghista -. Una storia di ricette economiche coronata da previsioni errate, pochi successi e molti disastri”.

Ancora peggio dell’Italia se la passa la Germania, la cui crescita si attesta all’1,3% rispetto all’1,9% delle previsioni autunnali. Nel complesso, il Pil l’area euro rallenterà la crescita dello 0,3%.


Condividi la notizia:
21 gennaio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR