Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ambiente - Secondo i dati Ispra, dal 2005 al 2015 si è passati da 54,43 tonnellate di Pm10 a 81,21

Gli impianti di riscaldamento inquinano il 49% in più di dieci anni fa

Condividi la notizia:

Un camino

Un camino

Viterbo – Gli impianti di riscaldamento inquinano il 49% in più di dieci anni fa.

A Viterbo, dal 2005 al 2015, l’impatto ambientale di camini, stufe e caldaie, è lievitato a dismisura.  

Secondo l’ultimo rapporto sulla qualità dell’ambiente urbano dell’Ispra, infatti, le polveri sottili inquinerebbero di più delle industrie e dei mezzi di trasporto. Non solo a Viterbo, ma in gran parte dell’Italia.

Stando ai dati locali, nella Tuscia si è passati dalle 54,43 tonnellate di Pm10 da riscaldamento nel 2005, alle 81,21 nel 2015. Diminuisce invece l’impatto delle industrie: nel decennio preso in esame si passa da 68,81 tonnellate di Pm10 a 59,72. Cala moltissimo anche l’inquinamento relativo al trasporto su strada: dalle 42,36 tonnellate di Pm10 del 2005 alle 24,84 del 2015.

Il saldo totale, comunque, conclude l’Ispra, è nettamente positivo perché la somma delle emissioni totali scende da 205,23 tonnellate di Pm10 a 187,31. 

 


Condividi la notizia:
21 gennaio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR