Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Mafia viterbese - Intercettazioni lo tirano in ballo e l'assessore Claudio Ubertini replica e nega tutto - Sull'associazione a delinquere, che per gli inquirenti puntava a controllare l'amministrazione comunale, afferma: "Sono quattro sfigati, non sanno nemmeno cosa sia la politica”

“Mai dato soldi all’organizzazione e non mi sono mai sottomesso”

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Claudio Ubertini

Claudio Ubertini

Viterbo - L'auto di Claudio Ubertini distrutta dalle fiamme

Viterbo – L’auto di Claudio Ubertini distrutta dalle fiamme

Viterbo – “Mai dato soldi all’organizzazione, non mi sono mai sottomesso e mai avuto rapporti con compro oro”. Intercettazioni lo tirano in ballo nell’operazione Erostrato sulla mafia a Viterbo, ma Claudio Ubertini nega ogni illazione: “Io sono stato vittima di una banda”. Dal 2013, tre auto incendiate, una pallottola in una busta e una testa d’animale recapitati all’attuale assessore comunale. Vuole parlare, dichiarare la sua estraneità, ma risponde anche alle domande sulla vicenda. Comprese quelle sulle persone che lui conosceva e finite in manette: “Non sapevo che fossero i miei avvoltoi”, dice. E non pensa che volessero condizionare l’attività dell’amministrazione comunale: “Sono quattro sfigati, non sanno nemmeno cosa sia la politica”.

Gli inquirenti la definiscono sottomesso e poco collaborativo in questa vicenda.
“Io non sono mai stato sottomesso a nessuno. Se avessi avuto paura di chi mi stava facendo quelle cose, non avrei denunciato tutti gli episodi. I cinque di cui sono stato vittima sono stati denunciati regolarmente la mattina dopo, rispetto a quando sono avvenuti. Se fossi stato sottomesso non avrei denunciato gli episodi in cui non è intervenuta nessuna pattuglia dei carabinieri, in cui non è intervenuto nessuno. Li ho denunciati di mia iniziativa. Non avevo nessuna sottomissione. A me nessuno ha chiesto nulla. Gli atti di cui sono stato vittima sono i cinque, che ho denunciato. Siccome avevo il telefono sotto controllo, se avessi avuto intimidazioni, qualcuno se ne sarebbe accorto”.

Non ha mai avuto dubbi su queste persone?
“Non ho avuto nessuna percezione su chi potevano essere questi, perché non mi hanno mai chiesto niente. Questi signori non mi hanno mai chiesto niente e io non gli ho mai dato niente. Sono stato solo vittima d’attentati. Non potevo immaginare chi fossero questi soggetti, perché con me hanno tenuto sempre un comportamento lineare da cinque anni fa a oggi. Invariato. Mai dato un segnale. Sabato sera, il giorno dopo l’arresto, sarei dovuto andare a Caprarola a cena con Forieri, la sua famiglia e altre persone viterbesi che frequentano il bar, ad assistere a una rappresentazione teatrale e poi a cena in un agriturismo. Mi dica lei se io potevo pensare che questi erano i miei avvoltoi. Il bar è sotto il mio ufficio, ero tutti i giorni a pranzo lì”.

Quando gli inquirenti parlano di un atteggiamento “degli Ubertini che appare poco collaborativo”, a cosa si riferiscono, allora, secondo lei?
“Si riferiscono, forse posso pensare, all’episodio quando hanno bruciato la seconda macchina. Mi dissero che la mia operazione poteva far parte di un racket che stavano facendo attorno ai compro oro. Io dissi che per quanto mi poteva riguardare, erano sulla cattiva strada. Io coi compro oro non ho niente a che vedere. Ho avuto solo due clienti che svolgevano questa attività. Uno ha chiuso e un altro se n’è andato altrove. Non ho avuto niente a che fare con compro oro. Questo penso che sia opportuno scriverlo in modo piuttosto evidente”.

Giuseppe Trovato in un’intercettazione a un certo punto sostiene che lei non gli rivolgesse più la parola.
“Non è vero nemmeno questo. Dalle intercettazioni telefoniche, il signor Trovato sostiene che io non lo salutassi più. È una bugia. Io l’ho incontrato una settimana prima al bar di Forieri e ci siamo salutati anche cordialmente. Era una persona con cui non condividevo nessun tipo di amicizia, ma una frequentazione. Quando una persona la vedi per anni tutti i giorni, si va al di là del buongiorno e buonasera. Scambi di parole, commenti, discorsi di qualsiasi natura”.

Quando ha subito gli attentati, auto bruciate, la busta con la pallottola, si è fatto un’idea su chi potessero essere gli autori?
“Io avevo soltanto un sospetto che ho dichiarato agli inquirenti. Una supposizione, perché non avevo nemici, pensavo. Era una supposizione e pure sbagliata”.

E dei quattromila euro di cui Oufur e Trovato parlano e che pare lei abbia riconosciuto all’organizzazione?
“I quattromila euro che sono menzionati in un passaggio che non si capisce bene, a me non li ha mai chiesti nessuno. Non me li ha chiesti nessuno e non li ho dati mai a nessuno. Controllassero tutti i miei conti correnti e quelli della mia famiglia. Per dire che io ho dato 4mila euro ci vogliono le prove. Non le chiacchiere, perché tra loro potevano dire quello che gli pareva, pure che io spacciavo cocaina. Però bisogna dimostrarlo”.

Dei suoi interessi in attività di compro oro, sempre riportati nelle intercettazioni?
“Non corrisponde al vero che io avessi interessi in attività di compro oro. Come non risulta vero che Grazini e Oro Cash (imprese nel mirino dell’organizzazione ndr) siano clienti del mio studio. Non corrisponde al vero, è totalmente inesatto. Non sono miei clienti. Sia la sottomissione, sia i soldi e sia i miei rapporti con compro oro, li smentisco in maniera categorica”.

C’è un aspetto che chiama in causa la politica. Secondo gli inquirenti “l’associazione puntava a controllare anche l’amministrazione comunale”. Che ne pensa?
“Ma che c’entra la politica? Che c’entra la politica con questi quattro sfigati? Non sanno nemmeno cosa sia la politica. Che ne sanno loro?”.

Secondo gli inquirenti, però, avrebbero voluto incidere sull’attività amministrativa in comune.
“Ma in che modo e perché? Nel merito non ci voglio entrare, anche perché quando i fatti sono avvenuti io non ero nemmeno assessore. Non potevo incidere proprio su niente. Qui c’è solo un fatto: io sono stato vittima di una banda dal 13 gennaio 2017 fino a giugno-luglio del 2018. Questa è la sola cosa certa. Il resto è tutto aleatorio”.

Allora, come si spiega che queste persone la tirano in ballo nelle conversazioni che sono state intercettate?
“Parlano di me perché forse ritenevano che io mandassi controlli, polizia, finanza e pensavano che io fossi socio di Oro Cash. Perché ha la sede societaria nella stessa via dove abito io. Avranno fatto questo collegamento, pensando che fosse casa mia o il mio studio”.

Quando sono uscite le prime notizie sull’operazione, quando ancora i dettagli non si conoscevano, cosa ha pensato?
“Venerdì mattina io sono andato dalla moglie (di Forieri ndr) a chiedere spiegazioni e cercare di capire, dal momento che vado lì tutte le mattine. Ci sono andato anche per consolarla, tra virgolette. Ho chiesto alla moglie cosa fosse successo. Non mi ha saputo dare spiegazioni. Solo dopo sono venuto a sapere tutto. Io fino a sabato mattina non capivo per quale ragione lui fosse in questa storia. Poi, leggendo l’ordinanza di custodia cautelare ho avuto coscienza di quanto accaduto e di quella che era la mia situazione”.

Aveva collegato l’operazione agli episodi di cui lei è stato vittima?
“Me lo avete fatto collegare voi, quando mi avete telefonato venerdì mattina. Non ero entrato nei particolari”.

In generale, che ne pensa dell’operazione e del lavoro di carabinieri e magistratura?
“Faccio i complimenti alle forze dell’ordine perché hanno portato a termine un’operazione sicuramente importante che va a tutela della città di Viterbo. Hanno sgominato una banda di, chiamiamoli mafiosi, comunque di una banda che aveva messo a soqquadro la città”.

Giuseppe Ferlicca


– “Arena e Ubertini sono traditori di merda…”


Condividi la notizia:
31 gennaio, 2019

Mafia viterbese ... Gli articoli

  1. "Sono una delle vittime della mafia viterbese", dice in aula la titolare del compro oro di via Genova
  2. "Dopo Santa Rosa, vedi i fuochi d'artificio... pam pam"
  3. "Un'associazione di stampo mafioso tutta viterbese capeggiata da Giuseppe Trovato"
  4. "Sussistono il reato associativo e il metodo mafioso"
  5. Vittima della mafia non riesce a onorare un debito, condannata
  6. La mafia e le mani sulle discoteche
  7. Riesame, misure cautelari confermate per i 13 arrestati nel blitz antimafia
  8. "Non c'è l'associazione di stampo mafioso e le intercettazioni sono inutilizzabili"
  9. “Ubertini ha la mia massima fiducia”
  10. "Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima"
  11. "Si ride e si piange, gli abbiamo dato indo culo..."
  12. Mafia viterbese, cinque arrestati su 13 rinunciano al riesame
  13. Oggi secondo round al riesame, lunedì tocca al boss Giuseppe Trovato
  14. "Uniti per reagire a tutte le forme di criminalità organizzata"
  15. Mafia viterbese, primi tre "no" del tribunale del riesame
  16. "E' fondamentale opporsi chiaramente alla mafia"
  17. Trasferito in un carcere in Sardegna il boss Trovato
  18. "Confesercenti in prima linea contro la mafia"
  19. "Non ci sottometteremo mai a comportamenti mafiosi"
  20. Il parrucchiere Pecci si difende davanti al tribunale del riesame
  21. 'Ndrangheta, Forieri e Trovato cercavano l'appoggio delle cosche
  22. Mafia viterbese, gli arrestati puntano al tribunale della libertà
  23. "Il naso era tutto frantumato, speriamo muoia"
  24. Anche Coldiretti alla manifestazione per dire no alla mafia
  25. Mafia viterbese, gli arrestati venerdì davanti al tribunale del riesame
  26. Mafia viterbese - Chiuso il bar di Luigi Forieri, "luogo di ritrovo di molti sodali"
  27. Anche l'Adoc alla fiaccolata contro la mafia
  28. "Un atto mostruoso, che continuo a non accettare"
  29. "Mafia viterbese, aderiamo alla manifestazione come chiaro segnale di presa di posizione"
  30. “In comune un muro invalicabile contro la mafia”
  31. Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia
  32. Per non sentirci soli con la mafia...
  33. "La mafia nel viterbese c’è da tempo"
  34. "L'avvocato Alabiso? Me lo devo togliere dai coglioni"
  35. "Signor sindaco non minimizzi il fenomeno mafioso..."
  36. "Mafie, solo con un'azione corale possono essere sconfitte"
  37. "Fiaccolata contro le mafie, saremo in prima fila"
  38. Anche Massimiliano Smeriglio alla fiaccolata contro la mafia
  39. Mafia viterbese, è corsa al tribunale del riesame
  40. "Un panorama criminale pericoloso e inquietante"
  41. "Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce..."
  42. "Sì alla fiaccolata contro la mafia"
  43. "Sindaco... per me non è mai spropositato dire no alla malavita"
  44. "Gravissimo sminuire il fenomeno mafioso"
  45. Mafia viterbese, sfiorato lo scontro tra due bande criminali
  46. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  47. “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli"
  48. "Mafia viterbese, il sindaco Arena riferisca subito in consiglio comunale"
  49. "Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado"
  50. "Vi ho cacciato fuori dai guai e voglio un bel ringraziamento"
  51. "Rischio infiltrazioni mafiose in Comune, si faccia chiarezza"
  52. "Arena e Ubertini sono traditori di merda..."
  53. "Una fiaccolata per dire no alla mafia"
  54. Mafia viterbese, si difendono il barista e la commessa
  55. "La guerra la facciamo pure a chi ha la divisa"
  56. "Una risposta incisiva alle esigenze di sicurezza dei cittadini"
  57. "Si convochi un consiglio comunale aperto per la legalità..."
  58. "Luigi Forieri si vantava di avere legami con la 'ndrangheta"
  59. "Agivano in una delirante concezione di onnipotenza"
  60. "Un consiglio comunale aperto per parlare di legalità e sicurezza"
  61. "Viterbo mai colpita da organizzazioni criminali e questo ci preoccupa"
  62. "Mosap: "Serve tutelare le vittime della banda"
  63. "Ti ammazzo, brutto figlio di troia. Infame. Ti sparo int' 'a capa"
  64. Un interrogatorio, spontanee dichiarazioni e tanti silenzi
  65. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  66. "Al fianco di vittime di racket e usura"
  67. "Mafia, è la prima volta a Viterbo"
  68. "Io ti sbudello, io me la prendo anche con un bambino"
  69. "Violenza e terrore, intimidazioni ed estorsioni"
  70. "Grazie alle forze dell’ordine che lavorano per garantire sicurezza"
  71. Auto bruciate, teste di maiale mozzate e buste con proiettili
  72. 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR