--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bilanci 2018 - Giustizia - Intervista a Paolo Auriemma, procuratore capo di Viterbo

“Nella Tuscia la droga viene spacciata perché viene consumata”

di Raffaele Strocchia
Condividi la notizia:

Viterbo - Il procuratore capo Paolo Auriemma

Viterbo – Il procuratore capo Paolo Auriemma

Viterbo - Il procuratore capo Paolo Auriemma

Viterbo – Il procuratore capo Paolo Auriemma

Viterbo - Il procuratore capo Paolo Auriemma

Viterbo – Il procuratore capo Paolo Auriemma

Viterbo – Mafie e narcotraffico. I temi dell’intervista di bilancio al procuratore capo di Viterbo Paolo Auriemma, da quasi tre anni alla guida degli uffici di via Falcone e Borsellino.

Il 2018 si è chiuso con l’arresto, nell’ambito dell’inchiesta che ha documentato la ricostruzione della Cupola di Cosa Nostra, di un uomo residente a Blera ritenuto affiliato a una cosca palermitana. Procuratore Auriemma, ci sono mafie nel Viterbese?
“Non risultano infiltrazioni e strutturazioni mafiose sul territorio provinciale. La Tuscia non è un ambiente di criminalità organizzata di tipo violento. Vi possono risiedere, come nel caso citato, affiliati che sono nel Viterbese per la sua posizione geografica strategica: è una provincia vicinissima a Roma, all’aeroporto di Fiumicino e al porto di Civitavecchia. Ma sul territorio non sono stanziati famiglie o nuclei mafiosi”.

Nella Tuscia le mafie non sono interessate nemmeno a settori finanziari, appalti pubblici o al ciclo di rifiuti?
“No, non risultano nemmeno interessi. Abbiamo avuto dei sentori. Ma quelle società sulle quali abbiamo nutrito dei meri sospetti che potessero essere vicine a organizzazioni criminali, grazie agli accertamenti sempre puntuali delle forze dell’ordine, sono state costrette ad andarsene dal Viterbese”.

È comunque la Dda della Capitale ad occuparsi della criminalità organizzata nel Lazio, e quindi pure nella Tuscia…
“Sì, i reati di tipo mafioso sono di pertinenza distrettuale: riguardano Roma. L’operato della procura di Viterbo si ferma ai cosiddetti reati spia, da cui possono nascere reati di cui è competente la Capitale. Con la procura di Roma c’è un dialogo ininterrotto, una collaborazione e una sintonia continue. Non è raro che pubblici ministeri viterbesi diventino titolari, insieme ai pm romani, di fascicoli aperti a Viterbo e poi trasferiti nella Capitale”.

Durante l’anno il sindaco di Sutri Vittorio Sgarbi ha denunciato: “Il potere di alcuni gruppi familiari, a Sutri è affine al potere mafioso e si configura come estraneo alla democrazia”. Ha poi minacciato lo scioglimento del comune e il commissariamento….
“Dopo le dichiarazioni di Sgarbi, risalenti ad agosto, abbiamo aperto un fascicolo d’indagine e abbiamo fatto tutti gli approfondimenti del caso. Ma non sono emersi episodi mafiosi a Sutri. Le affermazioni del sindaco erano di natura politica e non collegate a episodi di criminalità”.

Nel 2018 è finito in manette anche l’uomo ritenuto il più grande narcotrafficante della Tuscia…
“Un’ottima operazione dei carabinieri di Viterbo e di Carbonia ha portato all’arresto di un soggetto di spicco nel panorama del narcotraffico viterbese. In provincia c’è molta droga, che viene spacciata perché se ne vende tanta e tanta ne viene consumata. Lo spaccio porta all’infiltrazione, nel territorio, di associazioni non mafiose italiane e straniere che si radicano e rovinano il tessuto sociale della Tuscia. Con le forze dell’ordine teniamo sempre alta la guardia, ma anche i cittadini devono fare la propria parte”.

Oltre allo spaccio tra i reati propri della provincia ci sono anche lo stalking, le violenze e i maltrattamenti in famiglia…
“La procura ha stipulato convenzioni con enti regionali, provinciali e cittadini per tutelare le cosiddette fasce deboli della società. Questi accordi hanno portato anche all’apertura di sportelli di ricezione e di ascolto. Sono inoltre stati creati dei nuclei che permettono alle forze dell’ordine di agire in diretta sintonia con i pubblici ministeri. Abbiamo chiesto moltissime misure cautelari, soprattutto divieti di avvicinamento, e quasi tutte sono state accolte dal gip. Insomma, dal legislatore al giudice le razioni a questi reati sono fortissime”.

Raffaele Strocchia


Condividi la notizia:
9 gennaio, 2019

Bilanci 2018 ... Gli articoli

  1. "Oggi in politica c'è troppa impreparazione..."
  2. "72 cani adottati e 72mila euro risparmiati dal comune"
  3. "Oltre 500 paganti a sera, il Tuscia film fest si conferma un evento molto seguito"
  4. "Aziende e università devono collaborare per avere prodotti esclusivi"
  5. “Per il 2019 vogliamo far conoscere il corteo storico all'Italia”
  6. "Subito operativa la legge regionale sulla rigenerazione urbana"
  7. "Non posso non pensare alle tante battaglie per migliorare la giustizia..."
  8. "15 nuovi pompieri, ripresa dei lavori alla caserma e un progetto con l'Aves"
  9. "Digitalizzazione, nel 2018 erogati 160mila euro di voucher a fondo perduto"
  10. "Il 'modello Lazio' è la chiave per rilanciare il centrosinistra nazionale"
  11. "In un anno e mezzo finanziate 100 aziende col microcredito"
  12. "Abbiamo trovato un comune fortemente indebitato..."
  13. “Export: bene la ceramica, stabile il tessile, male l’agricoltura”
  14. "Abbiamo assoluto bisogno di infrastrutture perché Viterbo è isolata"
  15. "Nell’artigianato dopo tanti anni è riapparso il segno più"
  16. "Un piano regolatore del turismo, più pubblicità per il territorio e gioco di squadra"
  17. "Oltre alla qualità dobbiamo vendere un pezzettino di territorio"
  18. "Viterbo Terme è il futuro di questa città e dell’indotto su tutto il territorio"
  19. "La provincia ha bisogno di risorse, il personale è allo stremo"
  20. "Tutto il mio impegno per le infrastrutture e il rilancio di agricoltura, economia e turismo"
  21. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  22. "Una lista di FdI a Tarquinia e Civita e un candidato della Tuscia alle Europee"
  23. "Noi abbiamo un'idea di città... Arena no"
  24. "Il centro storico è stato e sarà la nostra prima priorità"
  25. "Scuola laica, tutela dei diritti e rispetto dei lavoratori"
  26. Meno allenatori, 17 vittorie e il sogno serie B andato avanti fino a giugno
  27. "Nei comuni al voto la Lega andrà da sola col suo simbolo"
  28. "Ex Terme Inps, il 2019 sarà l'anno del rilancio"
  29. "La Scarabeo è in un vicolo cieco"
  30. "La nostra qualità non ha competitor al mondo..."
  31. "Nel 2018 meno reati ma più controlli e arresti"
  32. "Vogliamo anche il viadotto autostradale sul Tevere"
  33. "Trasversale, aspettiamo il definitivo via libera noi siamo pronti"
  34. "Nel 2018 meno reati e arresti raddoppiati"
  35. "Per questo secondo anno di amministrazione il lavoro è stato intenso"
  36. "Diminuiti gli incendi grazie alle segnalazioni sempre più precise..."
  37. Camilli: "Ci hanno massacrato ma abbiamo una rosa per puntare a tutto"
  38. Viterbese, il giocatore dell'anno è Luca Baldassin
  39. "Meno fenomeni e più carattere, ecco la nostra ricetta"
  40. "La Tuscia è un cimitero, due morti per ogni nato"
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR