--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bilanci 2018 - Mauro Morucci racconta la manifestazione e parla dei progetti legati al cinema

“Oltre 500 paganti a sera, il Tuscia film fest si conferma un evento molto seguito”

di Elisa Cappelli
Condividi la notizia:

Mauro Morucci

Mauro Morucci

Italian Film Fest Berlin - Antonio Albanese con Enrico Magrelli e Mauro Morucci

Italian Film Fest Berlin – Antonio Albanese con Enrico Magrelli e Mauro Morucci

Italian Film Fest Berlin - Terence Hill con Enrico Magrelli e Mauro Morucci

Italian Film Fest Berlin – Terence Hill con Enrico Magrelli e Mauro Morucci

George Clooney con Mauro Morucci

George Clooney con Mauro Morucci

Viterbo – “Oltre 500 paganti a sera, il Tuscia film fest si conferma un evento molto seguito”.

Parola di Mauro Morucci, ideatore e fondatore della manifestazione cinematografica molto apprezzata nella Tuscia e non solo.

Da qualche anno, infatti, è riuscito a far sbarcare il cinema italiano e i suoi protagonisti più importanti a Berlino creando l’Italian film festival.

Un evento internazionale che sta crescendo sempre di più non solo all’interno della comunità italiana a Berlino, ma anche fra i tedeschi amanti della cultura nostrana.

Per non dimenticare Tuscia terra di cinema, un progetto grazie al quale sono stati installati dei pannelli informativi tra Viterbo e provincia per far conoscere a cittadini e turisti tutti i film che sono stati girati nel territorio.

Com’è stato il 2018 per il Tuscia film fest?
“Sembra scontato dirlo, ma è stato positivo perché il Tuscia film fest si è confermato un evento molto seguito, con oltre 500 paganti reali a sera”.

Come sta andando l’Italian film festival a Berlino?
“Un grande successo quello di Berlino, che è una nostra invenzione. Una manifestazione tutta italiana, uno tra i più importanti eventi ricorrenti che si svolgono lì”.

E’ grande la comunità italiana che viene ad assistere? 
“Fortunatamente c’è una grossa comunità italiana – che poi è quella che ci ha consentito di partire – perché partecipa a questa manifestazione ed è stata fondamentale. Però, se non esattamente dalla prima edizione, negli anni a seguire abbiamo cercato  – dovendo fare un qualcosa che si occupa del cinema italiano in Germania – di fare aumentare sempre di più la quota dei tedeschi”.

Ci sono tanti tedeschi incuriositi dalla nostra cultura?
“Dipende dal tipo di film che proponiamo però diciamo che attualmente siamo a quota cinquanta e cinquanta, 50% italiani, 50% tedeschi. L’obiettivo però rimane farlo crescere ancora di più tra i tedeschi perché vogliamo promuovere il cinema italiano”.

Facendo un confronto Berlino-Viterbo, la città dei papi si merita tutto questo sforzo da parte vostra? Perché siamo conosciuti per essere un pubblico difficile…
“Sì. I dati dei paganti e dei partecipanti ai nostri eventi sono positivi, è possibile vederli sul nostro sito. Una città come Viterbo, con una media di 500 paganti a sera al Tuscia film fest, se lo merita assolutamente. Noi siamo molto soddisfatti di quello che succede a Viterbo. Al di là del pubblico, anche a livello di istituzioni e partner privati. Negli ultimi anni ci siamo resi conto che c’è parecchia attenzione su quello che facciamo”.

Pensi che a Roma o Milano organizzare un evento del genere sarebbe stato più facile?
“Forse no, più facile no. E poi lì esistono già cose di questo tipo. Quando iniziammo noi a fare le proiezioni all’aperto con la peculiarità di essere abbinate agli incontri con registi e attori era una cosa nuova per la città, non c’erano queste cose a Viterbo. Invece in quelle grandi città esistevano già. Però in generale il pubblico c’è sempre stato. Ora siamo a 500 persone a sera, ma anche negli anni precedenti non erano molte di meno. Quello che si percepisce, è che c’è una grande attenzione generale nei nostri confronti”.

Qualche anticipazione per la prossima edizione del Tuscia film fest?
“Abbiamo delle idee, ma non posso rivelare nulla. L’anticipazione che posso dare è che in primavera faremo per la prima volta un progetto molto bello per le scuole. Si protrarrà per due o tre mesi. Ci saranno proiezioni pubbliche ma anche incontri. Abbiamo anche tantissime altre idee, ma ci stiamo lavorando”.

Anche Tuscia terra di cinema sta andando molto bene come progetto…
“Sì, oltre alle conferme di Tuscia film fest e Italian film festival di Berlino, l’avvio di Tuscia terra di cinema e l’apposizione dei pannelli dei film girati a Viterbo e provincia sta andando bene. Ho avuto degli ottimi responsi sui pannelli, specialemente su Viterbo. L’obiettivo è di aumentarli e di metterli in qualche modo a disposizione degli operatori turistici in modo che possano essere sfruttati anche da quel punto di vista. Si può proporre questo filone perché di argomenti ne abbiamo tanti. Siamo carichi e speriamo di fare sempre meglio e sviluppare nuove idee.

Elisa Cappelli


Condividi la notizia:
16 gennaio, 2019

Bilanci 2018 ... Gli articoli

  1. "Oggi in politica c'è troppa impreparazione..."
  2. "72 cani adottati e 72mila euro risparmiati dal comune"
  3. "Aziende e università devono collaborare per avere prodotti esclusivi"
  4. “Per il 2019 vogliamo far conoscere il corteo storico all'Italia”
  5. "Subito operativa la legge regionale sulla rigenerazione urbana"
  6. "Non posso non pensare alle tante battaglie per migliorare la giustizia..."
  7. "15 nuovi pompieri, ripresa dei lavori alla caserma e un progetto con l'Aves"
  8. "Digitalizzazione, nel 2018 erogati 160mila euro di voucher a fondo perduto"
  9. "Il 'modello Lazio' è la chiave per rilanciare il centrosinistra nazionale"
  10. "In un anno e mezzo finanziate 100 aziende col microcredito"
  11. "Nella Tuscia la droga viene spacciata perché viene consumata"
  12. "Abbiamo trovato un comune fortemente indebitato..."
  13. “Export: bene la ceramica, stabile il tessile, male l’agricoltura”
  14. "Abbiamo assoluto bisogno di infrastrutture perché Viterbo è isolata"
  15. "Nell’artigianato dopo tanti anni è riapparso il segno più"
  16. "Un piano regolatore del turismo, più pubblicità per il territorio e gioco di squadra"
  17. "Oltre alla qualità dobbiamo vendere un pezzettino di territorio"
  18. "Viterbo Terme è il futuro di questa città e dell’indotto su tutto il territorio"
  19. "La provincia ha bisogno di risorse, il personale è allo stremo"
  20. "Tutto il mio impegno per le infrastrutture e il rilancio di agricoltura, economia e turismo"
  21. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  22. "Una lista di FdI a Tarquinia e Civita e un candidato della Tuscia alle Europee"
  23. "Noi abbiamo un'idea di città... Arena no"
  24. "Il centro storico è stato e sarà la nostra prima priorità"
  25. "Scuola laica, tutela dei diritti e rispetto dei lavoratori"
  26. Meno allenatori, 17 vittorie e il sogno serie B andato avanti fino a giugno
  27. "Nei comuni al voto la Lega andrà da sola col suo simbolo"
  28. "Ex Terme Inps, il 2019 sarà l'anno del rilancio"
  29. "La Scarabeo è in un vicolo cieco"
  30. "La nostra qualità non ha competitor al mondo..."
  31. "Nel 2018 meno reati ma più controlli e arresti"
  32. "Vogliamo anche il viadotto autostradale sul Tevere"
  33. "Trasversale, aspettiamo il definitivo via libera noi siamo pronti"
  34. "Nel 2018 meno reati e arresti raddoppiati"
  35. "Per questo secondo anno di amministrazione il lavoro è stato intenso"
  36. "Diminuiti gli incendi grazie alle segnalazioni sempre più precise..."
  37. Camilli: "Ci hanno massacrato ma abbiamo una rosa per puntare a tutto"
  38. Viterbese, il giocatore dell'anno è Luca Baldassin
  39. "Meno fenomeni e più carattere, ecco la nostra ricetta"
  40. "La Tuscia è un cimitero, due morti per ogni nato"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR