--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Soddisfatto il sindaco Giovanni Arena per come è stata affrontata l'emergenza neve di ieri mattina - Oggi chiuse scuole e università - In campo protezione civile, polizia locale, prefettura e assessori

“Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – Operativi h24. A Viterbo. Tutti. Polizia locale, protezione civile, forze dell’ordine, prefettura e amministratori comunali. Compreso sindaco e assessore che ieri, già dalle prime ore del mattina, erano tutti quanti in piedi per monitorare di persona la situazione.

In campo diversi centri operativi. Due su tutti, il centro coordinamento soccorsi (Ccs) in piazza del comune con il prefetto Giovanni Bruno a presiederlo. E il centro operativo comunale (Coc) presieduto invece dal sindaco Giovanni Arena. Il primo si è riunito ieri un paio di volte. Alle undici di mattina e alle cinque del pomeriggio. Il secondo è allertato 24 ore su 24 e ha sede in via Monti Cimini dove si trova la centrale della polizia locale. Entrambi i centri sono in costante collegamento tra di loro.


Multimedia: Montefiascone sotto la neve  – Viterbo innevata – Dai lettori – Forte nevicata – Neve sulla superstrada – Neve anche ad Amsterdam – Video: La nevicata a Viterbo, Bagnaia e La Quercia – Neve – Disagi alla circolazione a Montefiascone 


Chiuse anche oggi scuole, tutte, istituti comprensivi e superiori, e università. “Ieri – ha detto il sindaco Giovanni Arena – la nevicata è iniziata alle sette e un quarto. Abbiamo subito ordinato la sospensione delle lezioni. Questo per garantire la presenza del personale Ata che ha svolto un compito fondamentale. Informare i ragazzi e le famiglie che nel frattempo sono arrivate a scuola, evitando che la trovassero completamente chiusa e non sapessero come muoversi. Per oggi abbiamo invece stabilito la chiusura degli istituti. Quindi non ci sarà nessuno”.

Arena è soddisfatto anche di come siano state gestite le cose di fronte alla piccola bufera di neve che ha creato difficoltà soprattutto le zone a nord del comune. Nello specifico La Quercia e Bagnaia. Parzialmente libere le zone attorno a San Martino e all’ospedale Belcolle.

“E’ andata in maniera ottimale – ha spiegato il sindaco -. Molti cittadini mi hanno scritto per congratularsi  per come abbiamo risposto alle problematiche che di volta in volta venivano fuori. Siamo in costante collegamento con la prefettura per valutare la situazione palmo a palmo e minuto dopo minuto. Compresa la notte”.


Viterbo - Giovanni Arena

Viterbo – Il sindaco Giovanni Arena

Maltempo - La neve a Viterbo

Maltempo – La neve a Viterbo – Quartiere San Pellegrino


Tra le persone che faranno l’alba, l’assessora Claudia Nunzi, deleghe polizia locale, protezione civile e sicurezza. “Passeremo la notte direttamente al comando della polizia locale – ha commentato Nunzi – per monitorare quello che succede e prendere immediatamente le decisioni necessarie”. Assieme a Claudia Nunzi anche il consigliere comunale Antonio Scardozzi.

“Soltanto ieri sono intervenute – prosegue Nunzi – una trentina di persone della protezione civile, con undici mezzi a disposizione e sette gruppi, e una decina della polizia locale con pattuglie dislocate nei punti critici della città. Per vedere e valutare la situazione. In caso di necessità hanno dato la propria disponibilità altri venti volontari, sempre delle associazioni di protezione civile”.

La polizia locale, diretta dal comandante Mauro Vinciotti, ha presidiato le entrate di Porta Faul e Porta Fiorentina.


Claudia Nunzi

Viterbo – L’assessora Claudia Nunzi


La nevicata, iniziata già durante la notte, come previsto, si è intensificata nelle prime ore del mattino, facendo pensare al peggio. Che invece non c’è stato. A pranzo era già tutto finito. Nel pomeriggio la pioggia ha fatto il resto. Strade pulite, traffico regolare e trasporto pubblico locale che non si è interrotto per un solo istante.

Ma il piano neve era già pronto e predisposto. Ed è stato subito attivato. Da una parte i centri operativi del comune e della prefettura dove tirare le somme, fare sintesi e prevedere gli interventi del caso. Dall’altro le squadre di protezione civile e polizia locale, scese in campo con pale, mezzi spazzaneve, sale e pattuglie. Per togliere la neve e tenere tutto sotto controllo. In mezzo gli assessori che hanno direttamente partecipato ai lavori. Ieri mattina, per strada, non solo il sindaco, ma anche i titolari degli assessorati. Claudia Nunzi, Laura Allegrini, Marco De Carolis, Alessia Mancini. Per citare soltanto quelli che sono stati intercettati cammin facendo. Alla sera erano quasi tutti col raffreddore.


Viterbo - Laura Allegrini

Viterbo – L’assessora Laura Allegrini


“C’eravamo anche noi – ha dichiarato l’assessora ai lavori pubblici Laura Allegrini -, anche come gesto di solidarietà nei confronti della popolazione. In questo modo, oltre a dirigere le operazioni, abbiamo potuto verificare e risolvere in presa diretta piccole problematiche. Ad esempio una buca in via dell’Orologio vecchio. Siamo prima intervenuti sulle vie di grande scorrimento. Circonvallazione Giorgio Almirante, via Garbini e ospedale. Fondamentali per permettere alle persone di entrare e uscire da Viterbo e di raggiungere senza problemi l’ospedale Belcolle. Poi siamo passati subito al centro storico dove abbiamo tolto la neve dalle strade dei quartieri medievali. Infine sono entrati in azione gli spargisale. Le difficoltà maggiori si sono verificate alla Quercia e a Bagnaia dove abbiamo fatto intervenire gli spazzaneve e tutto è stato risolto. L’allerta durerà fino alle 8 di domani mattina quando faremo di nuovo il punto della situazione”.


Viterbo - Antonella Sberna

Viterbo – L’assessora Antonella Sberna

 


Lamentele non ce ne sono state. Neanche girando per il centro. Le uniche nelle scuole. Ma effettivamente la bufera, se così si vuol dire, è arrivata proprio a ridosso dell’orario di apertura. In un periodo dell’anno scolastico dove a breve, negli istituti comprensivi, verranno fatti pure gli scrutini con le prime valutazioni per gli studenti. Necessari, quindi, interrogazioni e compiti in classe.

In nottata erano previste altre nevicate. A partire dalle 23. Con una temperatura che comunque sia non sarebbe scesa sotto i due gradi.

Interventi a sostegno anche delle categorie più deboli. Anziani, disabili e famiglie con bambini. “Abbiamo chiuso il centro diurno Alzheimer a San Martino e le attività diurne per handicap in piazza San Carluccio – ha detto l’assessora alle politiche sociali Antonella Sberna -. Questo perché temevamo difficoltà di collegamento con il territorio e perché la neve rende difficile ogni spostamento, anche a piedi. Abbiamo tuttavia garantito l’assistenza domiciliare fondamentale e dato la reperibilità per tutto il giorno e tutta la notte. Reperibilità che proseguirà nelle prossime ore. Abbiamo infine ampliato l’intesa con la protezione civile assicurando interventi in caso di reale necessità come il trasporto in ospedale e l’acquisto di farmaci”.

Daniele Camilli


Articoli: Neve, a Viterbo scuole chiuse anche domani – Si torna alla normalità, ma nella notte prevista di nuovo neve – “Neve ad Acquapendente, aggiornamenti in tempo reale via social” – Comune: “La rimozione di neve e ghiaccio vicino a negozi e case spetta ai proprietari” – Neve e disagi – Bloccati un tir, un pullman e diverse auto  – Forte nevicata sulla Tuscia, scuole chiuse a Viterbo – Erbetti (M5S): “Ma il sindaco chiude le scuole affacciandosi dalla finestra?”


Condividi la notizia:
22 gennaio, 2019

Reportage ... Gli articoli

  1. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  2. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  3. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  4. Il Riello nel degrado
  5. "Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione..."
  6. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  7. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  8. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  9. Strade colabrodo ovunque
  10. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  11. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  12. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  13. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  14. Cani e gatti contro il bullismo
  15. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  16. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  17. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  18. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  19. Il collasso del centro storico
  20. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  21. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  22. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  23. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  24. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  25. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  26. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  27. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  28. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  29. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  30. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  31. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  32. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  33. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  34. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  35. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  36. Happy New Year
  37. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  38. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  39. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  40. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  41. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  42. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  43. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  44. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  45. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  46. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  47. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  48. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  49. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  50. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  51. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  52. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  53. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  54. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  55. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  56. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  57. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  58. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  59. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  60. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  61. La discarica di Cinelli vista dal drone
  62. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  63. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  64. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR