--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il progetto del Tavolo della Pace e della chiesa del Sacro Cuore per il parco Robinson Peppino Impastato - Ieri mattina l'iniziativa di solidarietà dell'associazione Sans Frontière alla quale hanno partecipato anche i bambini della polisportiva di Celleno

Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo…

di Daniele Camilli

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:


 

Viterbo – La partita degli invisibili. Al Pilastro, quartiere popolare a nord di Viterbo. Ieri mattina. Rifugiati, richiedenti asilo e la scuola calcio polisportiva Celleno.

Un’iniziativa organizzata dall’associazione Sans Frontière perché, come ha detto la presidente Lukusa Thsiela, “questo è il momento in cui tutti dobbiamo alzare la voce e dire no al decreto del ministro dell’interno Matteo Salvini che rende impossibile la vita delle persone”. Non nel mio nome. Gente che alza la testa contro una legge ingiusta. E prova anche a prendere in mano un bene comune, come un piccolo campo di calcio, per renderlo accessibile a tutti.


Multimedia – Fotogallery: La partita degli invisibili – Video: L’iniziativa di solidarietà di Sans Frontière


Il campo è quello che sta in fondo al parco Robinson-Peppino Impastato dove ad agosto dello scorso anno il deputato di Fratelli d’Italia Mauro Rotelli  aveva puntato il dito contro un gruppo di stranieri accusato di aver allontanato alcuni ragazzini che stavano giocando. Qualche ripresa col cellulare, un po’ di tensione con i residenti e infine l’intervento di carabinieri e polizia, senza che nessun reato fosse stato rilevato. 

Da quel momento, parrocchia del sacro Cuore e associazioni che lavorano nel quartiere si sono mobilitate e il campo di calcio è diventato un punto di riferimento per iniziative di solidarietà. Come quella di ieri. Due partite, una tra grandi, rifugiati e qualche ragazzo del quartiere, e l’ultima con i bambini della polisportiva di Celleno. Bianchi contro blu. Finita ai rigori.

“L’idea – ha detto Umberto Cinalli del Tavolo per la Pace – è quella di proseguire questa esperienza di collaborazione e di dar vita a un gruppo, con la parrocchia, il quartiere e i ragazzi dei centri di prima accoglienza, in grado di lavorare sulle piccole manutenzioni del campo e del parco Impastato. L’obiettivo è fare un piano di piccola gestione in modo che tutti quanti possano sentirsi coinvolti”.


Viterbo - La partita di solidarietà di Sans Frontière

Viterbo – La partita di solidarietà di Sans Frontière

Viterbo - La partita di solidarietà di Sans Frontière


Tante le sigle presenti all’iniziativa voluta da Sans Frontière, finita con un pranzo di solidarietà e condivisione nei locali messi a disposizione dalla parrocchia del Sacro Cuore guidata da don Flavio Valeri.

C’erano la Casa dei diritti sociali della Tuscia, il Tavolo per la Pace, l’Associazione romana-laziale di affidamento familiare (Arlaf), Parva casa delle donne, il centro culturale di iniziativa omosessuale L’Altro circolo e Bleu, l’associazione per la tutela del lago di Bolsena.

Con loro anche Ada Tomasello dell’Usb federazione del sociale. “Condividiamo – ha spiegato – lo spirito di un’iniziativa che vuole ancora una volta sottolineare l’importanza dell’integrazione e del rispetto. E dimostrare che c’è un’altra Italia”.


Viterbo - Umberto Cinalli

Viterbo – Umberto Cinalli

Viterbo - Ada Tomasello

Viterbo – Ada Tomasello


Il Pilastro è uno dei più grandi quartieri popolari di Viterbo. Qui calcio e politica, un tempo, sono stati pane quotidiano. Il campo di calcio è incastrato in mezzo ai palazzi e circondato da un muro. Da una parte e dall’altra due scritte. Fatte con la vernice. Vecchissime. W la Lazio e W il Pilastro. Attorno altre scritte murali. Contro Fanfani, più volte ministro e presidente del consiglio tra gli anni ’60 e ’70. Contro il fascismo e il fermo di polizia. Con gli anni, qualcuno ha cancellato il passaggio contro il fascismo mantenendo invece gli altri due. C’è pure “Msi fuorilegge”. E nessuno l’ha toccata. Girando per il quartiere si trovano ancora falce e martello e un’altra scritta, questa volta con la bomboletta, “al fin liberi siam”. Fischia il vento, inno partigiano.

In via della Liberazione c’è poi la sede dell’Arci circolo Ferento. Come quelle di una volta. Con la bandiera che sventola all’ingresso. Nel quartiere s’affaccia inoltre lo stadio della Viterbese e ci sono due istituti superiori, l’Itis e l’Orioli, una scuola alberghiera e un’istituto comprensivo. Lungo le vie, spiazzi, bar e pizzerie. Tra prato giardino, il Riello con il tribunale e l’università e il quartiere San Faustino con il convento agostiniano della Trinità.


Viterbo - Lukusa Tshiela

Viterbo – Lukusa Tshiela

Viterbo - Il quartiere Pilastro

Viterbo – Il quartiere Pilastro


“Il decreto Salvini  – ricorda Lukusa Thsiela – abolendo il permesso di soggiorno per motivi umanitari, rischia di rendere le persone invisibili. Uomini e donne che vivranno sul territorio ma noi non le conosceremo. Il decreto Salvini genera insicurezza. Una situazione molto delicata. Questo è il momento in cui tutti dobbiamo alzare la voce e dire no a questo decreto che rende impossibile la vita delle persone”. 

“Sans Frontiere” è un’associazione interculturale nata nel 2004 per promuovere la tutela di tutti i cittadini, specialmente immigrati, creando un punto di riferimento dove possano reperire informazioni, sostegno, supporto e orientamento. La finalità è l’integrazione dei migranti nel tessuto sociale, sanitario, economico e culturale.


Viterbo - La chiesa del Sacro Cuore

Viterbo – La chiesa del Sacro Cuore

Viterbo - Il circolo Arci del Pilastro

Viterbo – Il circolo Arci del Pilastro


Al Pilastro la parrocchia di don Flavio non è rimasta in silenzio nei riguardi del razzismo montante lungo tutta la penisola. Si è fatta subito parte attiva, costruendo una rete per mantenere vivo lo spirito di solidarietà che da sempre caratterizza il quartiere. Sulla chiesa un manifesto con l’invito a partecipare alla catechesi e una citazione di Papa Francesco. “Non lasciatevi rubare la speranza”.

Qui, fra case popolari e viali alberati, è cresciuta buona parte della classe dirigente viterbese. Quella che ogni anno tira su la mini macchina di Santa Rosa e che grazie al centro sociale del presidente Luciano Barozzi s’è inventata la calza della Befana più lunga del mondo. Con il ricavato della vendita delle calze donato sempre a chi ne ha bisogno. Come l’associazione Campo delle rose che si occupa di riportare a Viterbo ragazzi e ragazze autistici che finora devono fare avanti e indietro con Arezzo.


Viterbo - Pier Antonio Bignotti

Viterbo – Pier Antonio Bignotti

Viterbo - Scritte sui muri del Pilastro

Viterbo – Scritte sui muri del Pilastro


“La polisportiva Celleno tiene molto all’integrazione – ha sottolineato il presidente della società sportiva Pier Antonio Bignotti -. Per questo abbiamo partecipato. Una partita di solidarietà”.

Bignotti fa parte della comunità cattolica di base dell’ex convento francescano di Celleno. Con tanto di casa editrice, La Piccola Editrice, e un progetto di solidarietà in Guatemala. Un’esperienza nata all’inizio degli anni ’80 con “famiglie che ispirandosi laicamente ai valori evangelici – sta scritto sul sito internet della comunità – condividono tutto: denaro, obiettivi, speranze, esperienze, gioie e dolori”.

I ragazzi della polisportiva arrivano in tarda mattinata. E si fiondano subito verso il campo dove nel frattempo stanno giocando quelli più grandi. Entrano alla spicciolata. Assieme ci sono i genitori. Un ragazzino salta il muretto e grida: “pippe! So’ arrivato pe’ primo!”. Gli altri lo raggiungono. Se la ridono. Poi s’avventano sul pallone. E non vedono l’ora di giocare. Si mischiano, poi prendono posizione e iniziano la partita.


Viterbo - Jawad Mohacht

Viterbo – Jawad Mohacht

Viterbo - La partita di solidarietà di Sans Frontière


Quando s’arriva ai rigori, Mario, il portiere, li para tutti e per tutti. Indipendentemente dalla squadra con cui ha giocato. Non gli risulta però chiara una cosa. “Se li paro per tutti – fa presente Mario – allora sono l’unico che vince”. “Devi essere imparziale – gli risponde un compagno di squadra -. Devi essere Buffon”, l’ex portiere della nazionale di calcio.

“Una polisportiva molto organizzata – conclude Jawad Mohacht, uno dei genitori presenti -, che dedica tanto tempo ai bambini”. Con un solo obiettivo. “Farli stare bene”. 

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
14 gennaio, 2019

Reportage ... Gli articoli

  1. Benvenuti nel magico mondo del Caffeina Christmas Village...
  2. "Se c'è qualcosa da fare, le persone vengono in centro..."
  3. La guerra fredda sui muri della città dei papi
  4. A chi conviene la trasversale?
  5. "L'Ater è un'azienda sull'orlo del collasso"
  6. "Fabrizio Frizzi aveva il dono di saper abbracciare"
  7. La costituzione che il liceo classico ha dimenticato
  8. Il sole bacia la fiera dell'Annunziata
  9. "Giochiamo a cricket a Valle Faul per fare una cosa diversa nella vita"
  10. Riello, come nascondere la polvere sotto il tappeto
  11. "La ringraziamo a nome di tutta quanta la Chiesa"
  12. "Torneranno a cacciarci con la polizia..."
  13. "Terme ex Inps, sono stati già dati 20 mila euro per individuare l'advisor"
  14. "Case popolari, chiediamo di restare e pagare l'affitto in base al reddito"
  15. "Terme ex Inps, prima di chiuderle le hanno ristrutturate"
  16. "Quota 100 crea problemi senza risolverli"
  17. Pranzo del Purgatorio, oltre 500 anni di solidarietà e beneficienza
  18. Carnevale 2019, vince il Regno di madre natura
  19. "Via dei Pellegrini, gli alloggi verranno sistemati entro maggio"
  20. Le Terme ex Inps saccheggiate, devastate e abitate
  21. Parcheggio selvaggio in tutto il centro storico
  22. "Via dei Pellegrini, il comune non ha fatto i lavori e non ha regolarizzato gli assegnatari"
  23. Alieu Jallow torna in Gambia
  24. Viterbo saluta don Angelo Gargiuli
  25. Il Carnevale va a gonfie vele...
  26. Un uragano di carri, maschere e colori...
  27. Quel pasticciaccio brutto di via dei Pellegrini
  28. "Vivo in uno stanzone del comune senza acqua, bagno e riscaldamento..."
  29. Carri, gruppi mascherati e mille scintillanti colori
  30. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  31. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  32. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  33. Il Riello nel degrado
  34. "L'illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto"
  35. "Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione..."
  36. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  37. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  38. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  39. Strade colabrodo ovunque
  40. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  41. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  42. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  43. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  44. Cani e gatti contro il bullismo
  45. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  46. "Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24"
  47. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  48. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  49. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  50. Il collasso del centro storico
  51. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  52. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  53. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  54. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  55. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  56. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  57. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  58. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  59. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  60. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  61. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  62. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  63. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  64. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  65. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  66. Happy New Year
  67. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  68. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  69. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  70. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  71. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  72. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  73. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  74. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  75. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  76. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  77. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  78. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  79. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  80. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  81. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  82. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  83. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  84. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  85. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  86. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  87. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  88. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  89. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  90. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  91. La discarica di Cinelli vista dal drone
  92. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  93. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  94. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR