--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Corte d'assise - Feto nel cassonetto - Ma i periti dell'accusa non possono escluderlo del tutto - La difesa chiede una consulenza farmacologica sugli effetti abortivi del Cytotec

I professori Mauro Bacci e Massimo Lancia: “Non fu un parto precipitoso”

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Tribunale - Il professor Massimo Lancia

Tribunale – Il professor Mauro Bacci

Tribunale - Il professor Mauro Bacci

Tribunale – Il professor Massimo Lancia

Il pm Franco Pacifici

Il pm Franco Pacifici

L'avvocato Samuele De Santis

L’avvocato Samuele De Santis

Viterbo – Feto nel cassonetto, per sentire la versione della madre sulle responsabilità dell’infermiere c’è da aspettare. E’ sempre in Inghilterra, in attesa di sapere se Londra concederà l’estradizione all’Italia, dove la 28enne Elisaveta Alina Ambrus deve scontare una pena definitiva a quattro anni e otto mesi per infanticidio.

Per i professori Mauro Bacci e Massimo Lancia dell’università di Perugia, sentiti nel frattempo, non fu un parto precipitoso, anche se non possono escluderlo del tutto. Bacci è il medico legale che ha effettuato l’autopsia sul cadaverino, mentre Lancia è uno dei consulenti dell’incidente probatorio durante il processo col rito abbreviato alla madre. 

Sono i superesperti citati ieri dal pm Franco Pacifici per ribadire le conclusioni della procura alla corte d’assise davanti alla quale si tiene il processo all’infermiere accusato di omicidio volontario e occultamento di cadavere in concorso, nonché di esercizio abusivo della professione medica. 

E’ mancato l’atteso contraddittorio con la professoressa Mariarosaria Aromatario della Sapienza, consulente della difesa, trattenuta a Roma da impegni di lavoro.

Sul banco degli imputati Graziano Rappuoli, l’infermiere 58enne di Tuscania che ha procurato la ricetta del farmaco abortivo alla ballerina di night romena che il 2 maggio 2013 ha abbandonato in un cassonetto di via Solieri, al Salamaro, il corpicino senza vita di una bambina nata settimina, in seguito a un parto che sarebbe stato indotto dall’assunzione di quattro compresse di Cytotec, un antiulcera usato negli aborti clandestini. 

Proprio sugli effetti del Cytotec chiede una consulenza farmacologica il difensore Samuele De Santis, protagonista di una combattuta udienza, nel corso della quale sono emersi due spunti nuovi sollecitati dalla difesa. Il tribunale per ora si è riservato. 

“Non è vero che dilatazione era incompleta”
La madre Elisaveta Alina Ambrus, oggi 28enne, sarebbe giunta a Belcolle con una dilatazione completa del canale del parto, compatibile con un parto precipitoso. Dato emerso dalla cartella clinica, diversa dalla trascrizione consegnata al professor Bacci, che ha effettuato l’autopsia, dove c’era scritto “incompleta”, compatibile invece con un parto indotto dal farmaco. “Non è vero che dilatazione era incompleta”, ha sottolineato rivolgendosi alla corte presieduta dal giudice Ettore Capizzi l’avvocato De Santis, che si è accorto dell’incongruenza.

“Nessun accertamento tossicologico sul Cytotec”
Né la donna durante il ricovero, né il feto durante l’autopsia sono stati sottoposti ad accertamenti tecnici per verificare l’effettiva assunzione del Cytotec. “Per me, non essendoci esami tossicologici, queste compresse non sono state prese”, ha detto il legale, nonostante la confessione della stessa Ambrus, condannata in via definitiva a quattro anni e otto mesi per infanticidio, per la quale è stata chiesta l’estradizione dall’Inghilterra, dove nel frattempo si è trasferita. L’udienza, in programma lo scorso 13 dicembre a Londra, è stata rinviata al 25 febbraio, quando si dovrebbe sapere se sarà costretta a tornare in Italia e quindi potrà testimoniare in aula. 

“Infinitesimale la probabilità di un parto precipitoso”
Nulla cambia per i professori Lancia e Bacci.”Non basta la dilatazione completa per parlare di parto precipitoso. Non è una caratteristica. E’ una caratteristica, invece , la gravidanza a termine, e non alla 27esima settimana. La piccina, inoltre, aveva il ‘tumore da parto’, cioè un edema alla testa, segno di sofferenza durante il passaggio dal canale del parto, tipico del travaglio. Non aveva il funicolo strappato. Il secondamento non è stato contemporaneo. I genitali esterni della madre non avevano lacerazioni”, hanno detto. “Infinitesimale la probabilità di un parto precipitoso”, hanno però risposto al difensore, che gli chiedeva se potessero escludere al cento per cento tale eventualità, avendo peraltro la 28enne partorito il figlio primogenito appena nove mesi prima.

“Se ci fosse stato travaglio, ci sarebbero state copiose tracce di sangue in bagno”
“Non sarebbe stato un edema, ma un ematoma”, hanno spiegato gli esperti al difensore De Santis, secondo il quale il segno sulla testa del feto poteva non essere un “tumore da parto”, ma un’emorragia provocata dal trauma conseguente alla caduta della neonata nel water durante un parto precipitoso. “Nel bagno dove la Ambrus ha detto di avere partorito non sono state trovate tracce di sangue come ci sarebbero state in caso di travaglio da parto indotto, per me è stato parto precipitoso”, ha ribadito. 

“La piccina era vitale, ha respirato e sarebbe potuta sopravvivere”
La bimba, venuta al mondo alla 27esima settimana, nonostante fosse prematura, sarebbe potuta sopravvivere se fosse nata in un contesto ospedaliero. “Inizialmente avevo escluso la respirazione, stabilendo la morte durante il parto – ha detto Bacci – ma in seguito agli ulteriori esami ho visto che la piccina aveva respirato, per cui ritengo sia deceduta per insufficienza respiratoria grave da prematurità nell’immediatezza del parto. In un ambiente adeguato, in un contesto sanitario, sarebbe potuta sopravvivere”. 

Il processo riprenderà il 26 marzo, quando sia l’accusa che la difesa contano di potere avere in aula la Ambrus.

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
30 gennaio, 2019

Feto nel cassonetto ... Gli articoli

  1. Estradizione in Italia o interrogatorio in videoconferenza dal carcere di Londra per la Ambrus
  2. Feto nel cassonetto, la madre è stata rintracciata in un carcere di Londra
  3. Ennesimo stop del processo all'infermiere, svanita nel nulla la madre della bimba
  4. Arrestata sei mesi fa a Londra dall'Interpol, è nuovamente sparita la Ambrus
  5. "Non ci sono prove che l'infermiere sapesse che la Ambrus era incinta"
  6. Feto nel cassonetto, Londra decide sull'estradizione della madre
  7. Feto nel cassonetto, madre rintracciata dall'interpol a Londra
  8. Ha gettato la figlia nel cassonetto, diserta l'aula per l'ennesima volta
  9. "Ho fatto una grande cavolata, mi sono sentita persa"
  10. Feticidio, pena dimezzata e revocato il carcere alla madre
  11. Non fu omicidio ma feticidio, pena dimezzata in appello
  12. Madre condannata a 10 anni per omicidio, processo d'appello al via
  13. "Dammi mille euro per andarmene, è meglio per te e per me"
  14. Feto nel cassonetto, parla infermiere del pronto soccorso
  15. "Quando ho aperto la busta speravo che la bimba fosse ancora viva"
  16. L'infermiere ammette di aver scritto la ricetta falsa per la pillola abortiva
  17. Processo all'infermiere, sfilano i primi testi dell'accusa
  18. Bimba nel cassonetto, al via il processo all'infermiere
  19. "Non fu omicidio ma parto precipitoso"
  20. Feto nel cassonetto, si va in appello
  21. "Ha gettato il feto nel cassonetto senza ripensamenti"
  22. "Feto nel cassonetto, faremo appello"
  23. Feto nel cassonetto, mamma condannata a 10 anni
  24. Feto nel cassonetto, venerdì la discussione
  25. Feto nel cassonetto, i periti: "Parto precipitoso"
  26. Neonata uccisa e gettata tra i rifiuti, parola ai periti
  27. Neonata nel cassonetto, affidata la perizia a tre specialisti
  28. Feto nel cassonetto, niente carcere per la giovane madre
  29. Feto tra i rifiuti, difesa contro il carcere per la madre
  30. Feto tra i rifiuti, rito abbreviato per la madre
  31. "Totale assenza di valore per la vita umana"
  32. Feto tra i rifiuti, carcere per la madre
  33. Feto tra i rifiuti, è scontro sul mandato di arresto europeo
  34. Feto nel cassonetto, l'infermiere torna libero
  35. Feto nel cassonetto, a gennaio l'udienza preliminare
  36. Feto nel cassonetto, arrestato l'infermiere
  37. Feto tra i rifiuti, l'avvocato: "La madre voleva venire in aula"
  38. Stop alle indagini sul feto gettato tra i rifiuti
  39. Feto tra i rifiuti, è scontro sulla proroga delle indagini
  40. Feto nel cassonetto, il Riesame dà ragione alla procura
  41. Feto nel cassonetto, il Riesame si riserva
  42. Feto nel cassonetto, libera la ragazza madre
  43. Feto nel cassonetto, la procura la spunta in Cassazione
  44. Feto nel cassonetto, la Cassazione prende tempo
  45. Feto nel cassonetto, oggi l'udienza in Cassazione
  46. Feto abbandonato nel cassonetto, fissata l'udienza
  47. Feto nel cassonetto, la madre resta in carcere
  48. Feto nel cassonetto, sarà ricorso in Cassazione
  49. Feto nel cassonetto, respinto l'appello della Procura
  50. Feto nel cassonetto, il Riesame prende tempo
  51. Feto nel cassonetto, fissata l'udienza
  52. Madre arrestata, la procura insiste sull'omicidio
  53. Feto nel cassonetto, la madre non risponde
  54. Madre arrestata, la procura pronta a impugnare
  55. Feto nel cassonetto, arrestata la madre
  56. Feto nel cassonetto, si indaga per omicidio
  57. Feto nel cassonetto, la madre scossa e provata
  58. Feto nel cassonetto, Mancini (Pd): Siamo tutti colpevoli
  59. Feto nel cassonetto, c'è un video
  60. "Subito uno sportello di ascolto per le donne"
  61. "La vita umana è sacra e inviolabile"
  62. Feto nel cassonetto, la ragazza rischia l'accusa di infanticidio
  63. "Il gesto disperato di una mamma"
  64. Feto nel cassonetto, si sospetta l'esistenza di un complice
  65. Trovato feto morto in un secchione dell'immondizia, identificata la madre
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR