--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Marta - Carabinieri - Scoperti mentre sversavano i rifiuti a bordo della Commenda

Scaricano i fanghi dell’autolavaggio per strada, tre denunce

Condividi la notizia:

Il Norm dei carabinieri

Il Norm dei carabinieri

Marta – Scaricano i fanghi dell’autolavaggio per strada, tre denunce.

I carabinieri della stazione di Marta, avevano già da tempo i sospetti sulla gestione poco chiara dell’autolavaggio aperto da poco in pieno centro, e avevano deciso di monitorare l’andamento dell’attività per prevenire eventuali illeciti anche ambientali.

La stazione dei carabinieri, in particolare, aveva raccolto informazioni in paese circa la gestione approssimativa dell’attività di autolavaggio, e cosi i militari avevano iniziato una serie di servizi di osservazione e controllo, che sono andati avanti fino a ieri, quando si sono insospettiti dello strano movimento che faceva periodicamente una Golf che usciva dal lavaggio, dopo una strana manovra a saracinesche semichiuse.

Hanno deciso così di seguirla e hanno scoperto che gli occupanti, tre ragazzi di cui due egiziani e uno macedone, tutti impiegati nel lavaggio, arrivati sulla strada provinciale Commenda, accostavano e gettavano un grosso sacco di rifiuti dei fanghi di depurazione.

Immediatamente i carabinieri hanno fermato la macchina e gli occupanti e hanno accertato che i fanghi del depuratore interno all’autolavaggio, invece di essere smaltiti come previsto tramite ditte specializzate, venivano trasportati vicino alla Commenda e gettati vicino alla campagna.

I tre sono stati identificati e denunciati ed è emerso anche che chi guidava non aveva la patente. L’auto è stata sequestrata e sul posto sono intervenuti i tecnici dell’Arpa per campionare i rifiuti, alcuni dei quali erano già penetrati nel terreno con le recenti piogge.


Condividi la notizia:
23 gennaio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR