--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bilanci 2018 - Sindacato - La segretaria regionale della Uil Silvia Somigli tira le somme dell'anno appena trascorso e torna sulla questione della maestra di Tuscania che aveva sostituito il nome di Gesù con la parola "laggiù"

“Scuola laica, tutela dei diritti e rispetto dei lavoratori”

Condividi la notizia:

Viterbo - Silvia Somigli

Viterbo – Silvia Somigli

La segretaria della Uil scuola-Rua Silvia Somigli

La segretaria della Uil scuola-Rua Silvia Somigli

Viterbo - La riunione delle Rsu della Uil scuola Lazio

Viterbo – La riunione delle Rsu della Uil scuola Lazio

Viterbo - L'assemblea delle Rsu della Uil scuola

Viterbo – L’assemblea delle Rsu della Uil scuola

Assemblea Rsu Uil scuola Viterbo

Assemblea Rsu Uil scuola Viterbo

Silvia Somigli e il segretario nazionale Uil scuola Pino Turi

Silvia Somigli e il segretario nazionale Uil scuola Pino Turi

Silvia Somigli e Carmelo Barbagallo

Silvia Somigli e Carmelo Barbagallo

Silvia Somigli

Silvia Somigli

Viterbo – (dan.ca.) – “Scuola laica, tutela dei diritti e rispetto delle lavoratrici e dei lavoratori”. Questi i punti di riferimento che hanno accompagnato il 2018 della Uil Scuola. “Ed è proprio a partire da questi valori che abbiamo ottenuto lo straordinario risultato elettorale alle elezioni per le rappresentanze sindacali unitarie (Rsu) di aprile”.

Silvia Somigli fa il bilancio di fine anno del sindacato della scuola. Ieri mattina, nella sede di Corso Italia a Viterbo dove la Uil ha il suo storico quartier generale.

Un anno importante. Dalle Rsu alla regionalizzazione delle strutture sindacali. Fino alla presa di posizione di Somigli in difesa della maestra di Tuscania che aveva sostituito il nome di Gesù con la parola laggiù, scatenando un vortice di polemiche che hanno anche l’intervento del ministro dell’interno Matteo Salvini. “La nostra è la scuola laica e della Costituzione – sottolinea Somigli – e i valori che la caratterizzano vanno difesi fino in fondo, senza compromessi. Spero che chi mi ha accusato di essere ideologica non sia superficiale al punto d’essersene dimenticato. Scuola laica e della costituzione significa libertà di insegnamento e d’espressione”.

“Significa insegnare agli studenti metodo e pensiero critico. Le cose che poi ti rimangono quando hai concluso il percorso di studi. La libertà d’insegnamento è questo. Scegliere nel rispetto delle leggi e della costituzione. La maestra di Tuscania ha fatto questo. Poi, ognuno è libero di criticare senza sentirsi però offeso rispetto alla libertà degli altri. Così come il sindacato è libero di difendere una lavoratrice che ha subito una vera e propria aggressione mediatica. Perché l’intervento del ministro dell’interno è stato veramente esagerato. Capisco che basta essere il più forte per postare una qualsiasi cosa fu Facebook con tutti gli altri che poi ti vengono dietro. Ma non è questa la cultura sindacale. Noi i lavoratori li difendiamo, e lo facciamo tenendo ben presente la Costituzione, la democrazia e le libertà che la caratterizzano”.

Somigli parla anche del riferimento fatto all’antifascismo nel suo intervento a difesa della maestra. “La costituzione è antifascista – dice la segretaria della Uil scuola – e antifascista, di conseguenza, è la scuola. Che male c’è ricordarlo? Perché qualcuno si sente a disagio quando questo avviene? Non ne vedo la ragione. Definirsi antifascisti dovrebbe essere un valore, qualcosa di cui andare orgogliosi. Chi non la pensa così, sbaglia. E a dire che sbaglia sono la storia e la Costituzione del nostro paese. Non solo, ma la nostra Costituzione e la democrazia in generale esaltano il valore dell’autorevolezza non degli interventi autoritari”.

L’anno appena trascorso ha visto anche la Uil scuola recuperare le posizioni perse nel periodo precedente. “Le elezioni Rsu del 2015 sono state una sconfitta – ha detto Somigli -. Ne abbiamo fatto tesoro e abbiamo avviato una nuova stagione all’interno della categoria, ricostruendo una rete territoriale e organizzativa basata sulla partecipazione diretta del mondo della scuola e degli iscritti. Questo nuovo corso ci ha premiato e alle elezioni del 2018 abbiamo ottenuto un risultato straordinario e senza precedenti, andando ben oltre ogni più rosea aspettativa. Sempre a contatto con i bisogni e le aspettative delle persone in un contesto scolastico che diventa più complesso e dove la sfida dell’inclusione e dell’integrazione viene affrontata da tempo e ogni giorno”.

“Oggi la Uil scuola è a disposizione dei lavoratori tutti i giorni. Il mio telefono personale è pubblico. E abbiamo costruito anche delle sedi territoriali sempre pronte ad intervenire e dare risposte, coinvolgendo l’iscritto. Abbiamo infine lavorato molto, e continueremo a farlo, sui corsi di preparazione ai concorsi oppure per il conseguimento delle abilitazioni necessarie. Fondamentale, in tal senso, il supporto dell’Irase, l’ente di formazione della Uil scuola, che ogni anno contribuisce in maniera decisiva a dare agli iscritti strumenti di conoscenza per affrontare al meglio la professione”.

Nel 2018 si è chiuso anche il percorso della cosiddetta regionalizzazione. “Una rimodulazione delle strutture sindacali – ha spiegato Somigli -. Oggi il segretario territoriale è chiamato a fare innanzitutto politica sindacale, tornando a diretto contatto con i posti di lavoro. Cosa che accadeva anche prima, ma con tutta una serie di incombenze burocratiche che in qualche modo ne limitavano il ruolo. Una riorganizzazione che mantiene e rafforza il sindacato su tutto il territorio dandogli tuttavia una maggiore spinta sul piano della definizione delle lotte da portare avanti per difendere o estendere i diritti del mondo del lavoro”.

Infine i ringraziamenti. “Il primo e sincero grazie – prosegue Somigli – va al segretario generale nazionale Pino Turi, che non ha mai smesso di credere nelle nostre forze e nella nostra passione. Poi, desidero ringraziare le nostre Rsu elette, rappresentanti di una sigla sindacale che noi siamo fieri di simboleggiare nelle scuole ogni giorno e con altrettanta fierezza speriamo di onorare non solo attraverso altre vittorie, ma anche con lo spirito corretto e leale che ci contraddistingue, come una vera comunità. In secondo luogo terrei a ricordare anche tutti coloro che, prestando il proprio aiuto in modo volontario, ci offrono un servizio insostituibile, dimostrando un sincero attaccamento alla nostra organizzazione. Un immenso grazie per il lavoro svolto va poi ai collaboratori della struttura di Viterbo e delle sedi di Tarquinia, Tuscania e Acquapendente che hanno lavorato in maniera impeccabile e con il massimo impegno per far sì che il sistema funzionasse bene”.

Gli obiettivi per il prossimo anno? “Creare un vivaio di giovani dirigenti preparati – conclude Silvia Somigli – per rafforzare il ruolo del sindacato”.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
1 gennaio, 2019

Bilanci 2018 ... Gli articoli

  1. "Oggi in politica c'è troppa impreparazione..."
  2. "72 cani adottati e 72mila euro risparmiati dal comune"
  3. "Oltre 500 paganti a sera, il Tuscia film fest si conferma un evento molto seguito"
  4. "Aziende e università devono collaborare per avere prodotti esclusivi"
  5. “Per il 2019 vogliamo far conoscere il corteo storico all'Italia”
  6. "Subito operativa la legge regionale sulla rigenerazione urbana"
  7. "Non posso non pensare alle tante battaglie per migliorare la giustizia..."
  8. "15 nuovi pompieri, ripresa dei lavori alla caserma e un progetto con l'Aves"
  9. "Digitalizzazione, nel 2018 erogati 160mila euro di voucher a fondo perduto"
  10. "Il 'modello Lazio' è la chiave per rilanciare il centrosinistra nazionale"
  11. "In un anno e mezzo finanziate 100 aziende col microcredito"
  12. "Nella Tuscia la droga viene spacciata perché viene consumata"
  13. "Abbiamo trovato un comune fortemente indebitato..."
  14. “Export: bene la ceramica, stabile il tessile, male l’agricoltura”
  15. "Abbiamo assoluto bisogno di infrastrutture perché Viterbo è isolata"
  16. "Nell’artigianato dopo tanti anni è riapparso il segno più"
  17. "Un piano regolatore del turismo, più pubblicità per il territorio e gioco di squadra"
  18. "Oltre alla qualità dobbiamo vendere un pezzettino di territorio"
  19. "Viterbo Terme è il futuro di questa città e dell’indotto su tutto il territorio"
  20. "La provincia ha bisogno di risorse, il personale è allo stremo"
  21. "Tutto il mio impegno per le infrastrutture e il rilancio di agricoltura, economia e turismo"
  22. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  23. "Una lista di FdI a Tarquinia e Civita e un candidato della Tuscia alle Europee"
  24. "Noi abbiamo un'idea di città... Arena no"
  25. "Il centro storico è stato e sarà la nostra prima priorità"
  26. Meno allenatori, 17 vittorie e il sogno serie B andato avanti fino a giugno
  27. "Nei comuni al voto la Lega andrà da sola col suo simbolo"
  28. "Ex Terme Inps, il 2019 sarà l'anno del rilancio"
  29. "La Scarabeo è in un vicolo cieco"
  30. "La nostra qualità non ha competitor al mondo..."
  31. "Nel 2018 meno reati ma più controlli e arresti"
  32. "Vogliamo anche il viadotto autostradale sul Tevere"
  33. "Trasversale, aspettiamo il definitivo via libera noi siamo pronti"
  34. "Nel 2018 meno reati e arresti raddoppiati"
  35. "Per questo secondo anno di amministrazione il lavoro è stato intenso"
  36. "Diminuiti gli incendi grazie alle segnalazioni sempre più precise..."
  37. Camilli: "Ci hanno massacrato ma abbiamo una rosa per puntare a tutto"
  38. Viterbese, il giocatore dell'anno è Luca Baldassin
  39. "Meno fenomeni e più carattere, ecco la nostra ricetta"
  40. "La Tuscia è un cimitero, due morti per ogni nato"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR