Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Lettera di Aurigemma, Palozzi e Ciacciarelli, consiglieri regionali azzurri: "Serve una fase nuova in cui l'arroganza sia sostituita con disponibilità all'ascolto e dialogo"

“Tajani azzeri i vertici regionali e provinciali di Forza Italia”

Condividi la notizia:

Antonio Tajani

Antonio Tajani

Roma – “Antonio Tajani, azzera i vertici regionali e provinciali di Forza Italia!”. La richiesta, forte, arriva da tre consiglieri regionali azzurri, Ciacciarelli, Palozzi e Aurigemma, al presidente dell’Europarlamento, in una lettera.


La lettera ad Antonio Tajani

Caro Antonio, il convegno che si è tenuto venerdì scorso, alla presenza delle categorie in rappresentanza del mondo del lavoro, sia a livello datoriale che sindacale, è riuscito a riportare Forza Italia al centro del dibattito politico.

Come abbiamo avuto già modo di dirti, noi vogliamo che il nostro partito torni, soprattutto nel Lazio, ad essere il motore trainante del centrodestra all’interno del dibattito politico, dove i valori fondamentali di riferimento devono essere il dialogo, il confronto e la meritocrazia, cercando allo stesso tempo di valorizzare l’operato, le energie e le proposte dei tanti militanti e amministratori locali, che non possono essere soffocati da un partito regionale che negli ultimi anni non è mai riuscito nemmeno a riunirsi per la benché minima azione comune ed ha sempre abusato della propria rendita di posizione, che adesso però non è più sopportata né può più essere garantita.

C’è bisogno, oggi più che mai, di avviare una nuova fase, in cui l’arroganza sia sostituita con la disponibilità all’ascolto e con il dialogo. Non possiamo più permetterei di non coinvolgere i nostri militanti o, peggio ancora, come avvenuto in consiglio regionale, dove abbiamo assistito ad atteggiamenti contrari alla linea e ai valori del nostro movimento, generando incomprensioni e creando malcontento e risentimento diffusi all’interno della nostra base.

Dopo l’evento di venerdì, ci siamo resi conto che oltre ai nostri militanti, anche il mondo produttivo ci chiede un cambiamento, una disponibilità al confronto, con grande senso di responsabilità. Per questi motivi, ti chiediamo di procedere all’azzeramento dei vertici del coordinamento regionale e di quelli provinciali, al fine di portare avanti una vera azione di rinnovamento oramai ineludibile, come auspicata e richiesta anche da molti esponenti del territorio.

Servono persone in grado di svolgere al meglio questo importante incarico, e non si può continuare come avvenuto in questi anni, prendendo posizioni senza il minimo confronto, che in più di una occasione hanno messo in difficoltà il nostro elettorato.

Dopo l’incontro avuto con te giovedì, abbiamo preso atto della tua decisione e l’abbiamo eseguita, anche se non la condividevamo; adesso siamo noi a rinnovarti la richiesta di un intervento, per il bene del nostro partito e per rispetto dei tanti militanti, che in questi mesi hanno assistito a scelte, molto spesso incomprensibili e ingiustificabili, che hanno svilito il grande lavoro che il gruppo consiliare in regione Lazio sta portando avanti.

L’incarico che quest’estate il presidente Berlusconi ti ha affidato era volto al rilancio e al rinnovamento del partito: dopo sette mesi, dobbiamo constatare che nella nostra regione non si può assolutamente parlare né di rinnovamento, visto che non c’è stato alcun tipo di cambiamento, né tantomeno di rilancio, dato che continuano ad aumentare le defezioni da parte dei nostri amministratori.

Per queste ragioni, pensiamo che oramai sia ineludibile un azzeramento dei vertici territoriali.

Consenti in questo modo di liberare le tante energie che in questi anni sono state represse o mortificate, accompagna e facilita, questa inevitabile e non più rinviabile fase di rigenerazione. Hai ed abbiamo importantissime scadenze in arrivo, in ballo c’è il futuro del nostro movimento, senza paura, orgogliosamente, marchiamo la nostra differenza anche con assemblee programmatiche ed organizzative, come quella di venerdì scorso, aperte ai tanti cittadini, simpatizzanti, militanti e società civile che vogliono contribuire al rilancio della nostra azione in politica.

Antonello Aurigemma, Pasquale Ciacciarelli, Adriano Palozzi 


Condividi la notizia:
23 gennaio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR