Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Bilanci 2018 - Sindacati - Intervista al segretario della Cisl Fortunato Mannino

“Un piano regolatore del turismo, più pubblicità per il territorio e gioco di squadra”

di Paola Pierdomenico
Condividi la notizia:

Viterbo - Fortunato Mannino della Cisl

Viterbo – Fortunato Mannino della Cisl

 
Viterbo - Fortunato Mannino

Viterbo – Fortunato Mannino

Viterbo - Fortunato Mannino

Viterbo – Fortunato Mannino

Viterbo – “Un piano regolatore del turismo, più pubblicità per il territorio e soprattutto gioco di squadra”. Fortunato Mannino, segretario della Cisl, lancia dei suggerimenti per iniziare l’anno con il passo giusto e per far sì che la provincia possa ripartire. Alle istituzioni chiede più attenzione e insiste sull’importanza del fare rete sul territorio e per il territorio.

Come si è chiuso l’anno per la nostra provincia?
“Per sviluppare la nostra provincia – dice Mannino – è importante fare squadra. Il quadro è a tinte fosche, perché la nostra economia, essendo fragile, non è riuscita a decollare come si sperava. Le difficoltà con cui ci siamo lasciati alla fine del 2017 si sono confermate in quello successivo con le attività commerciali che hanno continuato a chiudere, lasciando gente in mezzo alla strada. Un esempio è la Unopiù che, nel 2018, ha completato un percorso che nessuno sperava e cioè quello di mettere mano alla riorganizzazione del personale, licenziando le persone senza un efficace piano industriale. Nella totale assenza di una classe politica che è solo litigiosa e che non guarda agli interessi del territorio, ma solo a quelli di partito e delle poltrone.

Lo dimostra il fatto che in comune, a sei mesi dall’insediamento, non si è potuto nemmeno fare un incontro con l’amministrazione per capire quali siano le linee guida di sviluppo previste per il mandato. Si assiste a un continuo cambio di casacca con le persone che cercano di andare nel partito o nel movimento che va per la maggiore perché forse sperano di avere uno scranno alle Europee e cambiare la propria vita politica. Se non si fa rete i problemi continueranno a persistere”.

Ci sono settori che hanno sofferto di più?
“L’edilizia ha continuato a soffrire per la mancanza di investimenti. Le opere pubbliche sono ferme al palo e il settore continua a essere perennemente in crisi. Si spera che possa partire il completamento dell’ultimo lotto di Belcolle con qualche risposta alla grave disoccupazione che c’è nel settore. Stesso discorso per la Trasversale che è anche l’unico investimento per il territorio, ma che ora è vincolato ai ricorsi al Tar e alle beghe dei movimenti ambientalisti e delle associazioni che vanno sì rispettate senza però che si blocchi un’opera che è importante non solo per la provincia, ma per il Lazio e per il paese. La Trasversale collega l’Adriatico al Tirreno e quindi Civitavecchia ai porti di Ancona e Venezia. E’ un’incompiuta che dura 40 anni e supera il ‘record’ – in negativo – della Salerno-Reggio Calabria. Tra l’altro mancano pochissimi km e quindi va fatta. Lo sviluppo va accompagnato e questo è lo scopo della politica locale e nazionale, ossia armonizzare le grandi opere col territorio. Da noi non sta accadendo”.

Cosa intende?
“Si parla di turismo, ma Civitavecchia è più il porto di Roma visto che le attività crocieristiche vengono spostate sulla Capitale. Invece potrebbe portare un grosso indotto industriale anche alla nostra provincia perché collega due mari, ma anche Civitavecchia al Nord Europa e alla Cina. Non dimentichiamo che i cinesi, in dieci anni, hanno costruito la via della seta e noi in 40 anni non riusciamo a portare a termine la Trasversale e questo deve farci riflettere. Con questo atteggiamento ci stiamo isolando dal resto d’Europa. Non è corretto perché dobbiamo agganciare quella ripresa che manca proprio perché siamo tagliati fuori dal resto delle regione e anche del paese. C’è da pensare poi al miglioramento delle ferrovie, la Capranica-Civitavecchia, la Viterbo-Roma che ci impiega due ore. Se non si investe nelle infrastrutture e in opere saremo nell’immobilismo più assoluto. Le nostre aziende arrancano e le industrie non decollano. Ci vuole una rete tra industriali, corpi intermedi, associazioni, sindacati e politica che deve fare da collante tra le varie istanze del territorio”.

La Cisl che risultati ha raggiunto nel 2018?
“L’organizzazione era partita con determinate ambizioni e una era quella di raggiungere un discreto risultato a livello sociale attraverso una presa visione delle liste di attesa della Asl visto che nella nostra provincia era alta la mobilità passiva. Attraverso l’accordo sottoscritto all’inizio dello scorso anno, con l’azienda sanitaria insieme a Cgil e Cisl stiamo portando a termine un buon risultato, avendo istituito una commissione attraverso cui fare un continuo monitoraggio per verificare che le prestazioni e la tempistica siano conformi con i parametri regionali. Andiamo fieri di ciò anche perché abbiamo una sanità che, con tutte le difficoltà del caso, sta diventando un’eccellenza, perché la provincia è vasta e c’è comunque poco personale sia infermieristico che medico. Dobbiamo dare quelle risposte che 320mila cittadini attendono. Dal punto di vista organizzativo, è stata poi rilanciata l’attività del sindacato sul territorio con l’apertura di nuove sedi per stare più in mezzo alla gente. Il sogno nel 2019 è quello di fare una concertazione sociale con Cgil, Uil e i comuni per dare dignità soprattutto ai pensionati, visto che siamo una delle province più anziane d’Italia dove non si fanno figli. Va cambiato il modo di rivedere il sociale e la sanità locale con quest’ultima che va verso i cittadini”.

Che futuro ci attende?
“Sarò onesto, il 2019 non lo vedo bene per una serie di scelte che non vengono fatte per la gente. Non vedo investimenti per le pmi e per il nostro territorio questo sarà un problema. Mi auguro quindi che le nostre eccellenze possano essere salvaguardate in modo da poter viaggiare con le proprie gambe. Senza investimenti non vedo anche un grosso sviluppo occupazionale per cui mi auguro di essere smentito. Abbiamo due fiori all’occhiello che sono il turismo e il termalismo, ma al di là dei programmi, che fa la nostra amministrazione comunale, non abbiamo ancora capito cosa si intende fare per sviluppare questo settore.

Lanciamo l’idea di un piano regolatore del turismo con la speranza che il comune faccia una mappatura degli insediamenti termali di Viterbo e della Tuscia. A mio avviso se non si fa rete, emergeranno piccole realtà non complementari e in competizione tra loro. con il rischio di trascurare il turista. Inoltre, Viterbo non ha una grande pubblicità turistica per cui si rischia di avere 230mila visitatori nel capoluogo a fronte di un milione a Bagnoregio. Qualche domanda ce la dibbiamo fare. Bisogna promuovere accordi con altre città tipo Roma, Terni e Siena per fare rete e far conoscere la Tuscia. Ne deriverebbero fonti di guadagno per il territorio che potrebbero essere una ottima terapia d’urto contro la disoccupazione”. 

Paola Pierdomenico


Condividi la notizia:
4 gennaio, 2019

Bilanci 2018 ... Gli articoli

  1. "Oggi in politica c'è troppa impreparazione..."
  2. "72 cani adottati e 72mila euro risparmiati dal comune"
  3. "Oltre 500 paganti a sera, il Tuscia film fest si conferma un evento molto seguito"
  4. "Aziende e università devono collaborare per avere prodotti esclusivi"
  5. “Per il 2019 vogliamo far conoscere il corteo storico all'Italia”
  6. "Subito operativa la legge regionale sulla rigenerazione urbana"
  7. "Non posso non pensare alle tante battaglie per migliorare la giustizia..."
  8. "15 nuovi pompieri, ripresa dei lavori alla caserma e un progetto con l'Aves"
  9. "Digitalizzazione, nel 2018 erogati 160mila euro di voucher a fondo perduto"
  10. "Il 'modello Lazio' è la chiave per rilanciare il centrosinistra nazionale"
  11. "In un anno e mezzo finanziate 100 aziende col microcredito"
  12. "Nella Tuscia la droga viene spacciata perché viene consumata"
  13. "Abbiamo trovato un comune fortemente indebitato..."
  14. “Export: bene la ceramica, stabile il tessile, male l’agricoltura”
  15. "Abbiamo assoluto bisogno di infrastrutture perché Viterbo è isolata"
  16. "Nell’artigianato dopo tanti anni è riapparso il segno più"
  17. "Oltre alla qualità dobbiamo vendere un pezzettino di territorio"
  18. "Viterbo Terme è il futuro di questa città e dell’indotto su tutto il territorio"
  19. "La provincia ha bisogno di risorse, il personale è allo stremo"
  20. "Tutto il mio impegno per le infrastrutture e il rilancio di agricoltura, economia e turismo"
  21. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  22. "Una lista di FdI a Tarquinia e Civita e un candidato della Tuscia alle Europee"
  23. "Noi abbiamo un'idea di città... Arena no"
  24. "Il centro storico è stato e sarà la nostra prima priorità"
  25. "Scuola laica, tutela dei diritti e rispetto dei lavoratori"
  26. Meno allenatori, 17 vittorie e il sogno serie B andato avanti fino a giugno
  27. "Nei comuni al voto la Lega andrà da sola col suo simbolo"
  28. "Ex Terme Inps, il 2019 sarà l'anno del rilancio"
  29. "La Scarabeo è in un vicolo cieco"
  30. "La nostra qualità non ha competitor al mondo..."
  31. "Nel 2018 meno reati ma più controlli e arresti"
  32. "Vogliamo anche il viadotto autostradale sul Tevere"
  33. "Trasversale, aspettiamo il definitivo via libera noi siamo pronti"
  34. "Nel 2018 meno reati e arresti raddoppiati"
  35. "Per questo secondo anno di amministrazione il lavoro è stato intenso"
  36. "Diminuiti gli incendi grazie alle segnalazioni sempre più precise..."
  37. Camilli: "Ci hanno massacrato ma abbiamo una rosa per puntare a tutto"
  38. Viterbese, il giocatore dell'anno è Luca Baldassin
  39. "Meno fenomeni e più carattere, ecco la nostra ricetta"
  40. "La Tuscia è un cimitero, due morti per ogni nato"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR